SBK | Tito Rabat lascia la MotoGP e si accasa con Barni Racing

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

L’ex-campione della Moto2, con ancora un anno di contratto con Ducati, sarà spostato alle derivate di serie.


Siamo quasi all’alba dell’anno 2021 ma il mercato piloti della Superbike non si è di certo fermato durante queste vacanze natalizie. Gli ultimi tasselli importanti stanno andando al loro posto, su tutti il passaggio annunciato questo pomeriggio.

Ducati è stata tra le ultime a delineare i propri piani. Dopo settimane, se non mesi, di rumor, alla fine Esteve Rabat si è deciso: lo spagnolo, dopo aver lasciato spazio nel team Esponsorama a Luca Marini arrivante dalla Moto2, ha deciso di sfruttare il suo ultimo anno di contratto con Ducati pasando alle derivate di serie, nello specifico nel team Barni di Marco Barnabò.

Entrambe le parti sono alla ricerca di un riscatto: l’ex-iridato della Moto2 nel 2014 è reduce da un 2020 passato perennemente nelle posizioni di fondo classifica, una situazione che oramai persiste dal brutto infortunio di Silverstone 2018. L’avventura in SBK può essere una specie di seconda giovinezza per Rabat; per la squadra Barni è stato un anno travagliato sin dall’inizio, con l’infortunio della prima scelta Leon Camier e il successivo benservito dato al pilota inglese, sostituito poi alla buona da piloti quali Marco Melandri e Matteo Ferrari.

Tito si è espresso così: “Dopo aver corso molti anni in MotoGP adesso ho la possibilità di iniziare una nuova avventura in Superbike e voglio dimostrare anche in questo campionato tutto il mio potenziale. So che avrò a disposizione un ottimo materiale e una bella squadra e per questa opportunità voglio ringraziare il team Barni Racing e Ducati. Per me inizia oggi una nuova sfida, sono salito per la prima volta in sella alla Ducati Panigale V4 R e non vedo l’ora di portarla in pista, lavorerò duro per essere pronto al 100% fin dai test e spero di adattarmi il più velocemente possibile per ottenere buoni risultati”.

La parola poi è andata al team manager Barnabò: “Sono molto contento dell’accordo con Tito perché ho visto in lui il nostro stesso approccio al lavoro: grande impegno e determinazione per cercare di raggiungere obiettivi ambiziosi. Tutto il nostro team è pronto a impegnarsi al massimo per metterlo nelle migliori condizioni per far bene”.

Infine è stato Paolo Ciabatti, direttore sportivo del marchio italiano, a dare il benvenuto a Rabat: “Siamo molto contenti dell’accordo raggiunto tra Marco Barnabò e Tito Rabat. Il Barni Racing Team è ormai una realtà consolidata come struttura satellite Ducati in Superbike da molti anni e siamo sicuri che nel 2021 metterà Tito nelle migliori condizioni per esprimere tutto il suo talento. Da parte sua Rabat arriva nel mondiale SBK motivato ad ottenere dei risultati importanti e siamo sicuri che potrà contare sul massimo supporto di Barni per raggiungerli”.

Con l’annuncio di Rabat e la certezza di Barrier in Brixx Performance, tra le selle disponibili per Ducati rimane quella del team Motocorsa, che spera nell’arrivo di Loris Baz (che sui social ha dichiarato come i rapporti tra sé e Ten Kate si siano conclusi, dato che gli olandesi correranno solo in SSP).

Fonte immagine: Internet (per segnalare il copyright info@p300.it)

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE