SBK | Test Motorland Aragón pausa estiva 2023, sintesi della seconda giornata

SBK
Tempo di lettura: 3 minuti
di Alyoska Costantino @AlyxF1
30 Agosto 2023 - 21:10
Home  »  SBK

Jonathan Rea comanda il giorno 2 della SBK ad Aragón davanti a Bautista, sorprende Petrucci al mattino.


Si sono conclusi i test del Motorland Aragón della SBK, antecedenti al Round di Francia che si svolgerà tra una decina di giorni a Magny-Cours. Una due giorni essenziale per comprendere il piano di lavoro di ciascun team, sia per il finale della stagione 2023 che per quella 2024.

Dopo aver lasciato il posto a Florian Marino e al debuttante Adrián Huertas durante la prima giornata, i titolari del team Kawasaki Racing, Jonathan Rea ed Alex Lowes, si sono trovati molto indaffarati nel testare le nuove componenti da sfruttare sia per gli ultimi quattro round, sia sulla moto 2024.

Nonostante la mole di lavoro, Rea si è comunque lasciato andare ad un time attack, concludendo la giornata con un 1:49.101, valido per il miglior tempo di questa due giorni di test. Il suo compagno Alex Lowes ha chiuso ad oltre 0″6 da lui, ma ha messo in cascina la bellezza di 130 giri quest’oggi (di cui 82 soltanto al mattino). La Casa di Akashi desidera tornare in vetta e si vede.

Come ieri, la mattinata ha visto una Ducati davanti a tutti, ma non una ufficiale. Bensì quella di Danilo Petrucci e del team Barni, i cui progressi sono visibili oramai a vista d’occhio. Durante le prime ore il passo gara mostrato da “Petrux” è stato davvero impressionante ed anche il lavoro sulla Pirelli SCQ, mescola che ha dato qualche grattacapo al #9 per via della sua stazza, sta dando i suoi frutti.

Petrucci ha chiuso al secondo posto con lo stesso identico tempo del compagno di marca Álvaro Bautista. Lo spagnolo ha testato un nuovo forcellone per la moto 2024 ed è anche incappato in una scivolata senza conseguenze alla curva 14, ma è probabile che per il Round Aragona 2023 la vittoria non sia poi così scontata per il campione in carica.

Dopo il primato di ieri, Michael Ruben Rinaldi ha concluso il secondo giorno al settimo posto, come primo dei piloti sopra il muro del ’50. Le maggiori preoccupazioni per il #21, tuttavia, arrivano dal paddock: Serafino Foti ha fatto intendere, in un’intervista rilasciata a WorldSBK.com, che l’affetto che il team Aruba.it prova per il pilota potrebbe non essere sufficiente per giustificare un rinnovo per il 2024.

Tra le prime due Ducati ed il quinto posto di Lowes si è inserito nuovamente Iker Lecuona: nel pieno della sua avventura in MotoGP (che tra l’altro proseguirà a Barcellona per il GP di Catalogna, di nuovo come sostituto di Rins), il valenciano si è comunque concentrato al massimo in queste prove collettive e la Honda CBR ha risposto bene sulla pista di Aragón, anche se questa non è più una novità. Le due moto del team gestito da Leon Camier chiudono a panino la Kawasaki #22, con Xavi Vierge sesto; 12° Tetsuta Nagashima.

BMW continua a lasciare più dubbi che certezze a piloti ed appassionati: Michael van der Mark è stato il primo dei piloti della Casa di Monaco di Baviera con l’ottavo posto ed 1″2 di ritardo da Rea, ma tutte le M1000RR sono incredibilmente vicine e racchiuse dall’ottavo all’11° posto. Un segnale, forse, di quanto sia difficile fare la differenza su questo mezzo.

https://twitter.com/WorldSBK/status/1696843349116817577

Cala dunque il sipario sui test di Alcañiz. La SBK tornerà in azione nel fine settimana dell’8-10 settembre sul tracciato di Nevers.

Fonte immagine: press.kawasaki.eu

Leggi anche

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO