SBK / SSP | Xavi Forés correrà gli ultimi tre round del 2022 con Ducati Barni, Bernardi torna in CM Racing

di Alyoska Costantino @AlyxF1
5 Ottobre 2022 - 16:59

Il team di Marco Barnabò ha concluso il proprio rapporto con Bernardi, trovandogli però una sistemazione in SSP con la struttura di Alessio Cavaliere, al posto di Kofler. Forés torna nel team Barni dopo quattro anni.


La notizia odierna della separazione tra Luca Bernardi ed il team Barni Spark Racing è giunta come un fulmine a ciel sereno. Il sanmarinese, debuttante quest’anno in SBK dopo un’ottima stagione in SSP, correrà questo weekend a Portimão il suo ultimo weekend col team di Marco Barnabò, per poi essere sostituito per il finale di stagione da Xavi Forés.

La motivazione principale dell’abbandono di Bernardi è da ricercare alla mancanza di risultati: il suo miglior piazzamento quest’anno è stato un decimo posto a Most, ma in molteplici occasioni il #29 ha mancato l’ingresso nei primi quindici ed al momento occupa solo il 16° posto, con 32 punti.

Per il trentasette di Llombai, invece, si tratta dell’ennesimo ritorno in campionato a tempo limitato. Già nel corso di questa stagione Forés aveva disputato un round, ovvero il Gran Premio dell’Estoril di inizio stagione ottenendo due arrivi nei primi dieci sulla Ducati GoEleven.

L’esperto pilota spagnolo riabbraccerà la squadra Barni, con cui tra il 2017 ed il 2018 ha ottenuto risultati piuttosto notevoli (tra cui cinque podi) e persino il titolo di miglior pilota indipendente per i due anni consecutivi.

Queste sono le dichiarazioni di Marco Barnabò: “È stata una decisione difficile, ma penso di aver fatto la scelta giusta per il team e anche per Luca. Ho scommesso su di lui all’inizio della stagione nonostante l’infortunio alla schiena del 2021 perché credo nelle sue qualità, ma dopo otto round, purtroppo, i risultati non sono stati in linea con le aspettative. Dopo aver affrontato con lui anche il percorso dell’operazione che ha rimosso la stabilizzazione vertebrale, credo che la soluzione migliore per Luca sia continuare la sua crescita in Supersport e mi sono impegnato attivamente affinché questo potesse accadere. Collaboriamo con il team CM nello sviluppo della Panigale V2 e loro avevano bisogno di un pilota che potesse sfruttare il potenziale della moto. Perché Xavi al suo posto? Conosce già il nostro team e la Panigale V4 R, nell’Endurance è andato fortissimo con questa moto”.

Come detto dallo stesso team principal, l’avventura nel Circus di Bernardi non si esaurirà qui. Anzi, per il sanmarinese gli ultimi tre round del 2022 saranno una specie di ritorno alle origini, poiché ritornerà nella classe SSP come alfiere del team CM Racing, di cui ha già fatto parte lo scorso anno prima dell’infortunio di Magny-Cours.

Il #29 andrà a sua volta a sostituire, dal GP d’Argentina in poi, Maximillian Kofler, che per le stesse ragioni (ovvero la mancanza di risultati) dovrà levare le tende dalla Squadracorse di Alessio Cavaliere. Per Bernardi sarà il primo approccio in assoluto su una Ducati bicilindrica come la Panigale V2 955, moto che l’austriaco non ha mai portato a punti negli otto round finora disputati.

Queste le parole di Cavaliere: “Innanzitutto vorrei sottolineare quanto sia stata difficile la scelta di terminare la collaborazione con Max: tutta la squadra ha dato il massimo sin dall’inizio della stagione, con l’obiettivo di fornirgli tutti i mezzi per brillare, ma purtroppo i risultati non sono stati all’altezza delle aspettative comuni. Ora abbiamo un ultimo round da disputare insieme, con la speranza di concludere in bellezza questa avventura. Nel frattempo gli auguro, a nome di tutto il team CM Racing, un futuro radioso, perché lo merita. Per quanto riguarda Luca siamo ovviamente molto felici di riaccoglierlo nel team, dato che l’anno scorso l’intesa è stata ottimale sia dentro che fuori dalla pista. Conosciamo il suo potenziale, confermato del resto dai numeri, quindi non vediamo l’ora di metterci al lavoro”.

Fonte immagine: barniracingteam.it