SBK | Ritorna il GP della Repubblica Ceca, si correrà a Most. Niente Australia

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Per la prima volta il GP della Repubblica Ceca non si correrà a Brno ma a Most, situato a nord-ovest del Paese. Si tornerà in Australia nel 2022.


Nuovo importante aggiornamento nel calendario 2021 del mondiale Superbike e delle classi limitrofe. Dopo l’aggiunta dell’Estoril a fine maggio, ecco che un’altra gara europea si aggiunge all’agenda del mondiale, portando il numero di tappe di quest’anno a tredici.

Si tratta del Gran Premio della Repubblica Ceca, gara SBK che si è disputata per diverse stagioni seppur non in maniera sempre continuativa. I protagonisti della serie hanno visitato questo paese e il tracciato di Brno in dieci occasioni, la prima volta nel 1996 e l’ultima nel 2018.

Tuttavia, non sarà il tracciato Masaryk a ospitare i campionati Superbike, Supersport 600 e Supersport 300, bensì la pista di Most situata nell’omonima località, a nord-ovest della Repubblica Ceca. Per chi non dovesse conoscerla, si tratta di una pista creata vicino Praga che ha ospitato le prime competizioni della Cecoslovacchia nel 1983, venendo utilizzato da campionati quali ETCC ed European Le Mans Series in anni recenti. Con i suoi 4.222 metri, ben ventuno curve e un layout molto tortuoso, la pista di Most si discosta parecchio dai canoni visti nelle recenti piste presenti o debuttate nei massimi campionati a due ruote.

L’annuncio è arrivato proprio a Praga quest’oggi, nel quale è stata pubblicizzata anche una partnership per il prossimo quinquennio. La gara di Most sarà presente in calendario fino al 2025, con Brno invece fuori dai giochi a causa dei gravi problemi economici che l’Autodromo Masaryk sta vivendo. Quest’anno la gara è stata fissata per il weekend del 6-8 agosto, a due settimane dal Gran Premio d’Olanda di Assen.

Queste le dichiarazioni di Josef Zajicek, capo esecutivo dell’autodromo di Most: “Si tratta di un evento unico e una pietra miliare nella storia quasi quarantennale dell’Autodrom. Per la prima volta ci apprestiamo a organizzare gare di un campionato del mondo. Ciò comporta per noi dei crescenti requisiti tecnici e organizzativi. Siamo però ovviamente molto felici di raccogliere questa sfida. Il nostro obiettivo è aprire l’impianto al pubblico generale: ecco il motivo per cui dobbiamo offrire ai nostri appassionati di gare degli eventi della massima qualità. Il campionato del mondo Superbike appartiene senza alcun dubbio a questi eventi. Sarà nostra premura soddisfare i piloti, i team, i partner, gli sponsor e gli spettatori e non vediamo l’ora che arrivi la prossima edizione di questo spettacolo unico in cui entreranno in azione moto potenti e piloti coraggiosi”.

Purtroppo, per una gara che arriva ce n’è un’altra che abbandona il calendario. Quest’anno il Gran Premio d’Australia a Phillip Island non si svolgerà, un’assenza che nella massima categoria delle derivate di serie non avveniva da ventotto anni. La pandemia di Covid-19, unita alle disposizioni governative dello Stato dell’Australia, hanno obbligato la Federazione Internazionale di Motociclismo, la Dorna e l’organizzazione della pista di Phillip Island a rimandare la gara al 2022. Inoltre, si sta puntando a riportare la gara al Victoria come primo round dell’anno venturo.

David Bennett, manager a capo della pista di Phillip Island, ha commentato: “Nessun altro circuito al mondo ha ospitato così tanti eventi del World Superbike come Phillip Island. Concordiamo sul fatto che ora è tempo di dedicare i nostri sforzi sul test ufficiale e sul round che aprirà la stagione 2022. La decisione di non svolgere il round previsto per il 2021 non avrà un impatto negativo sul proseguimento di questo appuntamento dal momento che sicuramente si correrà sul circuito di Phillip Island fino al 2027”.

Gregorio Lavilla, direttore esecutivo della Superbike, ha detto la sua su entrambi gli annunci: “Siamo entusiasti di dare il benvenuto all’Autodrom Most nel nostro calendario per le prossime cinque stagioni. L’annuncio di oggi con la SBK che è pronta a tornare in Repubblica Ceca per la prima volta dal 2018 rispecchia la continua popolarità del Campionato tra gli appassionati di questo Paese. Considerando i team e i piloti cechi presenti nel paddock, si tratta di una grande opportunità per la Repubblica Ceca in termini di esposizione a livello internazionale e sono molto fiducioso che l’Autodrom Most ospiterà appuntamenti fantastici in futuro. Per ciò che concerne l’Australia, tutte le parti coinvolte hanno deciso che – analizzando gli ultimi cambiamenti in tutti gli eventi delle maggiori competizioni motoristiche e anche considerando l’incertezza attuale legata alla pandemia – la miglior soluzione fosse quella di spostare il round nella nostra collocazione ordinaria di inizio stagione per il 2022. Non vediamo l’ora di tornare lì nel 2022, il round d’Australia è un evento chiave del Campionato”.

Questo il calendario aggiornato. Rimane tanta l’attesa per il primo appuntamento in Aragona, datato 21-23 maggio.

Fonte immagine: worldsbk.com

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci