SBK | Leon Camier si unisce al team Barni per il 2020

SBK
Leon Camier si unisce al team Barni per il 2020

L’ex-campione inglese abbandona il progetto Honda e il team Moriwaki-Althea. Rinaldi verso GoEleven di 22 Ottobre 2019, 11:13

La griglia 2020 del campionato mondiale Superbike sta continuando a plasmarsi e un altro cambio nelle seconde file è stato ufficializzato quest’oggi. Leon Camier lascerà il team Moriwaki-Althea dopo solo una stagione e andrà a rimpiazzare Michael Ruben Rinaldi nel team Ducati Barni di Marco Barnabò.

Entrambi i piloti di questa vicenda sono stati protagonisti di stagioni a dir poco disastrose. L'inglese, pur nella consapevolezza che ci sarebbe stato bisogno di tempo per ingranare, è partito da Phillip Island con grosse attese in merito al progetto Honda e alla decisione di tornare in pista in forma ufficiale col team Althea coinvolgendo anche il marchio Moriwaki, ma la stagione 2019 si è dimostrata a dir poco disgraziata con diversi infortuni e tempi di ripresa lunghissimi, che non gli hanno permesso di partecipare a ben sei round quest’anno. Tra l’altro, nonostante l’obbligo di dare forfait a ben diciotto manche, Camier è l’hondista meglio piazzato in campionato (seppur 17° con 45 punti), a dimostrazione di come sia stato comunque la prima punta del team sin da subito ma anche delle scarse abilità dei suoi compagni di squadra, in primis Ryuichi Kiyonari il cui tempo in SBK pare proprio passato.

Michael Ruben Rinaldi partiva, come Camier, sempre con alte speranze avendo la possibilità di guidare la Ducati Panigale V4 R al suo primo anno completo nella categoria, ma non è un mistero il fatto che l’italiano abbia deluso le aspettative di molti. Un quarto posto a Jerez de la Frontera e un quinto a Misano, nulla di più da parte dell’ex-campione europeo STK1000. Una bocciatura che arriva dopo il pessimo weekend di San Juan Villicum, partito con alte aspettative ma concluso con tre arrivi fuori dalla top ten. Una bocciatura ancor più cocente se si pensa che l’italiano è stato addirittura preferito a Xavi Forés, autore di ben cinque podi nel 2018.

Marco Barnabò per il terzo anno consecutivo schiererà un pilota differente e queste sono state le sue parole: “Sono molto orgoglioso dell’accordo che abbiamo raggiunto con Leon perché il pilota ha mostrato grande fiducia nei confronti del team. Alla base di questa scelta c’è la consapevolezza di poter raggiungere insieme buoni risultati. Come ogni anno dovremo lavorare duramente, ma sono certo del massimo impegno da parte della squadra che voglio ringraziare per il lavoro di sviluppo fatto fino a questo momento. Un grazie anche agli sponsor che ci hanno supportato finora e che ci confermeranno la fiducia anche nel 2020”.

Leon Camier salirà su una Ducati nel campionato mondiale per la prima volta, l’ultima volta che salì su una moto bolognese fu addirittura nel 2008 nel BSB, col team Airwaves. Queste le sue parole: “Non vedo l'ora di affrontare la nuova sfida della prossima stagione. Metterò a disposizione del team tutte le mie capacità di guida e di sviluppo per raggiungere risultati di alto livello insieme a Marco e alla sua squadra. Il Barni Racing Team ha un rapporto molto stretto con Ducati, è composto da persone molto competenti e appassionate e i risultati ottenuti in passato sono sotto gli occhi di tutti, credo che lavoreremo bene insieme. Detto questo, il mio unico pensiero in questo momento è finire la stagione nel modo migliore possibile in Qatar con il mio attuale team”.

Per quanto riguarda Rinaldi, il suo destino è legato alla decisione che prenderà il team GoEleven, che dopo la partenza di Laverty si ritrova senza un pilota per la prossima annata.

Fonte immagine: hondaracingcorporation.com



Condividi