SBK | Il team Orelac VerdNatura continuerà a correre nel campionato 2020

SBK
Il team Orelac VerdNatura continuerà a correre nel campionato 2020

E’ arrivato l’atteso intervento di Dorna, il team spagnolo gareggerà ancora. Mercado uno dei candidati di 29 Ottobre 2019, 10:41

Poco più di un mese fa su queste pagine abbiamo riportato del possibile, e ai tempi probabile, addio del team Orelac al campionato del mondo Superbike. Le motivazioni che stavano portando all’addio della struttura di José Calero erano sostanzialmente tre: gli scarsi risultati ottenuti in questi due anni, il supporto quasi nullo da parte di Kawasaki (che fornisce al team la ZX-10RR) e il trattamento di Dorna alla squadra privata, ben poco sostenuta e condannata a rimanere nelle posizioni di rincalzo. Nello stesso comunicato pubblicato sul sito del team, José Calero non si era risparmiato nel definire la propria permanenza come “insensata”, intimando la società spagnola ad attivarsi per convincerli a un cambio di rotta.

Si può dire che Carmelo Ezpeleta, Gregorio Lavilla e l’intera Dorna Sports si siano davvero attivati per permettere alla piccola squadra di continuare nel massimo campionato delle moto di serie. Ieri è arrivato l’annuncio che il team Orelac VerdNatura proseguirà la sua avventura non solo in Supersport 600, dove la permanenza era stata già confermata, ma anche in Superbike. La spinta pare essere arrivata dopo il Gran Premio d’Argentina, nel quale Leandro Mercado è stato uno dei protagonisti nella lotta di metà gruppo prendendosi persino il lusso di mettersi dietro Leon Haslam, pilota ufficiale KRT.

La moto dovrebbe rimanere una sola ma con un supporto migliorato da parte di Kawasaki. Leandro Mercado, al contrario di quanto detto non troppi giorni fa, rimane uno dei candidati per guidare la moto del team bianco-rosso, ma non è l’unico poiché, sempre secondo il comunicato rilasciato dalla squadra, Calero starebbe discutendo con altri tre piloti. Al contrario, in SSP600 Nacho Calero dovrebbe lasciare la sella a qualcun altro dopo aver guidato (e deluso) nelle ultime sette stagioni; gli indizi porterebbero a Raffaele De Rosa.

José Calero si è espresso così in merito: “La grande passione che sentiamo per questo sport ci fa muovere le montagne. Dopo che siamo stati ascoltati attentamente alcune settimane fa in Argentina, abbiamo ripensato al fatto di continuare in SBK. Ci sono state delle negoziazioni e abbiamo avuto tutto il supporto da parte degli sponsor, i quali sono stati una parte veramente importante nella decisione di continuare un altro anno, dato che senza di loro ciò non sarebbe stato possibile. Dorna ha anche reso le cose molto facili per noi. La stagione 2019 è finita ieri e adesso cominceremo con le negoziazioni per la prossima stagione. Nel 2020 faremo ritorno pieni di nuove speranze per fronteggiare la nuova stagione con le batterie cariche. Non c’è niente che ci riempia di felicità più del vedere che tutti i nostri fan siano stati capaci di valorizzare e apprezzare il lavoro fatto durante questi anni. Dall’altra parte, vorremmo ringraziare Nacho Calero per tutti gli anni in cui si è dedicato a questo sport, il suo amore, affetto, passione, lavoro e impegno. Nacho rimarrà unito al mondo dei motori, ma da ora lo farà dall’altra parte del box, dando supporto ai piloti e al team. Dopo tutti questi anni passati in pista, possiede grande saggezza che diventerà comoda e sarà un elemento chiave per la stagione 2020”.

Un completo cambio di rotta rispetto a quanto detto circa cinque settimane fa. Sarà curioso sapere se questa piccola "spintarella" permetterà al team Orelac e al suo pilota, che sia Mercado o uno nuovo, di diventare sia una pedina importante nel campionato Superbike, sia un vero e proprio team outsider dal 2020.

Fonte immagine: worldsbk.com



Condividi