SBK | Il GP Portogallo 2021 secondo Brembo

Segue l’anteprima di Brembo del GP Portogallo 2021 della Superbike

A distanza di quattro mesi dalla tappa al Circuito Estoril, la Superbike torna in Portogallo per il round all’Autodromo Internacional do Algarve. Secondo i tecnici Brembo che lavorano a stretto contatto con 17 piloti del Mondiale Superbike, è un tracciato mediamente impegnativo per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 3. 

I continui saliscendi che lo caratterizzano rendono difficile per i piloti calibrare le staccate, con il rischio di arrivare lunghi in discesa o di frenare troppo presto in salita: in discesa si tocca una pendenza massima del 12 per cento e in salita del 6 per cento, mentre l’inclinazione trasversale tocca in alcuni punti l’8 per cento.

Carbonio al 2,1 per cento​​

Ogni pilota Superbike può scegliere tra dischi da 338,5 mm di diametro e da 336 mm di diametro. Il diametro maggiore permette di esercitare una maggiore pressione, ma pesa di più. Da quest’anno inoltre Brembo mette a disposizione dei team l’innovativo disco ventilato in acciaio. 

Il carbonio è bandito in Superbike dal 1994 per il contenimento dei costi. I dischi sono infatti in acciaio, anche se il regolamento consente di utilizzare una percentuale di carbonio non superiore al 2,1 per cento del peso totale del disco. Per la stessa ragione sono vietate le leghe contenenti il berillio. ​​

Più sforzo della MotoGP ma per meno tempo ​

Nonostante la presenza di 15 curve, ogni giro i piloti del Mondiale Superbike utilizzano i freni 10 volte, lo stesso numero della MotoGP, e anche il tempo complessivo di impiego è simile: 31,4 secondi al giro per le derivate di serie, 32 secondi per i prototipi. Alle curve 7, 11 e 15 però il tempo di funzionamento dei freni della Superbike è superiore alla MotoGP. 

Il carico complessivo al giro sulla leva del freno vede invece prevalere la Superbike, con 39,6 kg a fronte dei 32,2 kg della MotoGP. Complice però il maggior numero di giri di quest’ultima il carico totale dalla partenza alla bandiera a scacchi supera quello della Superbike di 13 kg. Del tutto insignificanti le differenze nella forza g patita dai piloti delle due classi.

Velocità ridotta ad un terzo in 274 metri​

Delle 10 frenate dell’Autódromo Internacional do Algarve solo una è considerata altamente impegnativa per i freni mentre 4 sono di media difficoltà e le altre 5 sono light. 

Così come per la MotoGP, la più impegnativa in assoluto è la prima curva, una delle più dure di tutto il Mondiale: le Superbike vi arrivano a 310 km/h e grazie all’uso dei freni perdono 202 km/h, scendendo così a 108 km/h in appena 274 metri. Per raggiungere questo risultato il pilota usa i freni per 4,8 secondi esercitando sulla leva del freno un carico di 6,5 kg. ​

Fonte immagini e testi: Brembo

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM