SBK | Il GP Catalunya 2020 secondo Brembo

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

La guida ai sistemi frenanti Brembo delle derivate di serie e al loro uso sul circuito di Barcellona

Secondo i tecnici Brembo che lavorano a stretto contatto con 17 piloti del Mondiale Superbike, il Circuit de Barcelona-Catalunya è un circuito altamente impegnativo per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 5, il più alto delle piste utilizzate nel 2020. ​

Le Superbike non hanno mai gareggiato su questo tracciano ma a luglio hanno effettuato un paio di giorni di test, girando su tempi non lontani dalle MotoGP pur utilizzando da regolamento dischi in acciaio, meno performanti di quelli in carbonio. Il confronto tra le due categorie sarà ancora più evidente fra una settimana quando la classe regina correrà qui.

La pompa pollice Brembo

Negli ultimi anni la pompa pollice è tornata in auge nel Mondiale Superbike perché garantisce un vantaggio, specie nelle curve a destra in cui non richiede di spostare il piede dalla pedana. Il freno posteriore a pollice è infatti azionato con un comando a mano posto sulla parte sinistra del manubrio.

Fu inventato dagli ingegneri Brembo per supplire alle carenze fisiche di Mick Doohan, incapace di modulare la forza con la gamba destra dopo la caduta al GP Olanda del 1992. Oltre ad usarla per rallentare la moto in staccata, i piloti attuali se ne servono anche per bilanciarla in fase di accelerazione, evitando nocivi pattinamenti, quasi fosse una sorta di traction control.

L’impegno dei freni durante il Round 6 del Mondiale Superbike​

I piloti della Superbike utilizzano i freni in 10 delle curve del circuito di Barcellona, una in più rispetto alla MotoGP. La differenza è rappresentata dalla terza curva, nella quale le Superbike devono rallentare di 28 km/h, mentre chi guida un prototipo non è costretto a servirsi dei freni.

Malgrado ciò, in un giro della pista di Barcellona i piloti della Superbike usano i freni per poco più di 27 secondi e mezzo, contro i 29 secondi della MotoGP: la ragione va ricercata nelle maggiori velocità toccate da queste ultime che determinano la necessità di frenare più a lungo per entrare in curva.

La frenata più impegnativa ​del Round di Barcellona

Delle 10 frenate del Circuit de Barcelona-Catalunya 4 sono considerate altamente impegnative per i freni mentre 3 sono di media difficoltà e le altre 3 sono light. ​

Così come per la MotoGP, la più dura in assoluto è la prima curva, complice il rettilineo da oltre un km (1.047 metri per la precisione) che la precede: per calare da 310 km/h a 100 km/h i piloti frenano per 4,4 secondi​ con un carico sulla leva di 6,1 kg. In quell’arco di tempo le moto percorrono 236 metri.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

ALTRI DALL'AUTORE