SBK | GP Spagna 2019 - Anteprima

SBK
GP Spagna 2019 - Anteprima

Dopo la rivalsa di Rea a Imola, Bautista tenterà il riallungo nella gara di casa a Jerez di 06 Giugno 2019, 09:00

Dopo un anno di assenza la Spagna riottene, nel calendario del mondiale Superbike, la seconda stagionale dopo quella di Aragón. Jerez de la Frontera è una delle piste più utilizzate dai team durante l’inverno, e dalla sua ultima apparizione nel calendario del 2017 è stata spostata da fine ottobre a inizio giugno. E’ un circuito che, storicamente parlando, alla SBK non ha dato tanto quanto ha riservato per il Motomondiale, ma che non di meno ha visto comunque eventi importanti, come la consacrazione iridata del 2013 di Tom Sykes o il primo dei quattro allori di Jonathan Rea nel 2015.

Si arriva dalla gara di Imola e dalla tanto discussa cancellazione di gara-2 a causa del forte maltempo che si è abbattuto sulla pista bolognese. Tra chi si è espresso maggiormente a favore di quest’annullamento, e che probabilmente ne ha tratto anche maggior giovamento, c’è Álvaro Bautista, sconfitto per la prima volta proprio nel round italiano dall’inizio del campionato. Nonostante i test fatti pochi giorni prima dalla Ducati, era palese che l'ultima gara sarebbe stata in difesa per lo spagnolo, data la conoscenza pressoché nulla del tracciato e i pochi allunghi su cui far sfogare la potenza del proprio motore. Anche Jerez, a dire il vero, limita non poco la Panigale V4 R in questo, ma la spinta del pubblico di casa e la perfetta conoscenza dello spagnolo della pista andalusa potranno giocare a favore. Chaz Davies invece è stata nuovamente vittima della sfortuna in gara-1 dopo la fantastica Superpole, ma si è quantomeno rifatto con la gara Sprint conquistando il secondo posto a Imola, nonostante rimanga una magra consolazione vista la competitività fatta vedere.

Jonathan Rea ha affermato più volte di non star pensando al titolo iridato 2019, ma il sapore di rivincita gustato con le due vittorie nella sua Imola potrebbe ingolosire nuovamente il campione del mondo. L’inglese dista ancora 43 lunghezze da Bautista e, a meno di stravolgimenti sottoforma di errori o guasti dell’avversario, sarà difficile recuperare terreno. Jerez de la Frontera, in cui ha ottenuto la doppietta nell’ultima edizione, come Imola non presenta allunghi importanti, e l’agilità della Ninja potrebbe dare una mano al nordirlandese. L’ultima gara è stata fruttuosa anche per un altro pilota Kawasaki, ovvero Toprak Razgatlioğlu per il team Puccetti, terzo in gara-1 dopo una splendida battaglia a tre contro van der Mark e Haslam. Parlando dell’inglese, è riuscito a guadagnare dei punti su Lowes nell’ultimo round, ma ancora manca quell’acuto che si attendeva maggiormente a inizio stagione.

Il capitolo Yamaha si apre con la consapevolezza, perlomeno, di aver ottenuto risultati migliori a Imola nel 2019 rispetto al 2018, grazie ai due quarti posti di van der Mark e il quinto di Alex Lowes nella SP Race, ma anche la triste realtà di essere lontani dai pacchetti Ducati e Kawasaki. Difficile anche pronosticare quanto possano essere competitive le R1 in Andalusia, avendo solo dati risalenti al 2017, un anno deludente per la Casa di Iwata. E mentre Lowes e van der Mark continuano anche ad alternarsi per la lotta al terzo posto del mondiale il team GRT, dopo le ottime impressioni iniziali, ha sbagliato qualche colpo di troppo negli ultimi tre round, a parte il buon sesto posto di Melandri a Imola che sembrava aver risvegliato il ravennate dalla crisi. Sempre nel 2017, “Macho” aveva ottenuto un secondo posto in gara-2 e una Superpole, oltre che un successo sfumato per guasto tecnico nella prima manche. Ci sarà anche il tanto atteso debutto di Loris Baz e del team Ten Kate Racing, dopo l’annuncio fatto ad Assen oramai due mesi fa.

Anche per BMW le ultime uscite sono state più avare di soddisfazioni rispetto alle previsioni, specie considerando che Assen e Imola erano due delle tappe più proficue, sulla carta, per il box tedesco. A pagarne maggiormente le spese è stato Tom Sykes, costretto a partire dalla pitlane nella gara Sprint ma capace, sorprendentemente, di recuperare addirittura fino all’ottavo posto davanti al compagno Reiterberger. Quest’anno si sta rivelando, come da pronostico, di transizione per il team SMR, ma l’esperienza accumulata e le varie prove potrebbero dare presto dei frutti; durante i test di Jerez de la Frontera la BMW S1000RR si dimostrò molto efficace, e Tom Sykes potrebbe essere un pretendente al podio in una pista particolarmente amica del suo stile di guida.

Infine si giunge al capitolo Honda che ha nuovamente perso, seppur solo per il round spagnolo, Leon Camier che verrà sostituito dal giapponese Yūki Takahashi, il quale andrà quindi a creare una formazione tutta nipponica insieme a Ryuichi Kiyonari. Nonostante la grande attesa di rivedere la Honda in forma ufficiale in SBK, per ora la Casa di Tokyo ha collezionato solo brutte figure e risultati pressoché nulli, prendendosi anche critiche dagli uomini di Ten Kate con cui hanno lavorato a stretto contatto fino all’anno scorso.

Anche Supersport 600 e 300 si esibiranno durante il weekend, con la classe intermedia che vede oramai un dualismo tra Randy Krummenacher e Federico Caricasulo per il mondiale (dopo il passo falso di Imola di Jules Cluzel), mentre la categoria delle piccole moto scenderà in pista dopo la cancellazione della gara di Imola, quindi con Manuel Gonzalez ancora a pieni punti nella classifica dopo i successi di Aragón e Assen.

TV8 trasmetterà le due gare dalla durata standard in diretta, mentre lascerà il privilegio della diretta di qualifiche, gara Sprint e categorie inferiori a Sky e in parte a Eurosport (anche se quest’ultima non avrà le due gare canoniche in diretta). Le temperature si preannunciano calde e assolate in puro stile Jerez, con possibili picchi di 26°C.

INFO TRACCIATO

track

Lunghezza tracciato: 4.423 m
Rettilineo principale: 607 m
Curve: 14 (6 a sinistra, 8 a destra)
Senso: orario
Record della pista: 1:38.960 (Marco Melandri, Ducati, 2017)

ALBO D’ORO

ORARI TELEVISIVI

Venerdì 7 giugno 2019

10:30 - FP1 SBK (Sky Sport)
15:00 - FP2 SBK (Sky Sport)
16:00 - FP2 SSP600 (Sky Sport)

Sabato 8 giugno 2019

11:00 - Superpole SBK (Sky Sport, Eurosport 2)
11:40 - Superpole SSP600 (Sky Sport)
12:20 - Superpole A SSP300 (Sky Sport)
12:50 - Superpole B SSP300 (Sky Sport)
14:00 - Gara-1 SBK (Sky Sport, TV8)
16:00 - Replica Gara-1 SBK (Sky Sport)
19:00 - Replica Gara-1 SBK (Eurosport 2)

Domenica 9 giugno 2019

11:00 - SP Race SBK (Sky Sport, Eurosport 2)
12:15 - Gara SSP600 (Sky Sport, Eurosport 2)
13:00 - Replica SP Race SBK (TV8)
14:00 - Gara-2 SBK (Sky Sport, TV8)
15:15 - Gara SSP300 (Sky Sport)
15:45 - Replica Gara-2 SBK (Eurosport 2)

Fonte immagine: worldsbk.com


Condividi