SBK | GP Repubblica Ceca 2021, sintesi della FP3

Redding segna il miglior tempo nella FP3, Rea secondo davanti al duo Yamaha Pata. Rinaldi decimo, Bassani 13°.


La terza e ultima sessione di prove libere della SBK, antecedenti alla Superpole, ha dato ragione a Scott Redding, che sulla sua Ducati Panigale V4 R ha girato in 1:32.340. La pista di Most sembrerebbe nelle corde della prima punta del team Aruba.it, tanto che, come successo ieri, la Ducati #45 è l’unica nelle prime posizioni.

Michael Ruben Rinaldi, al contrario di Redding, sta infatti avendo molte difficoltà a comprendere la nuova pista e il suo distacco è superiore a 1”1. Il riminese è decimo, mentre Axel Bassani (Motocorsa Racing) è 13°. Difficoltà ancora maggiori per le squadre GoEleven e Barni, con Chaz Davies 15° e Tito Rabat 19°.

All’inseguimento di Redding troviamo Jonathan Rea, staccato di soli 0”053 dal ducatista. Il campione del mondo non ci ha messo molto a fare dei passi avanti cruciali nel setting della moto dopo le difficoltà di ieri, facendo decisamente meglio rispetto ad Alex Lowes (ottavo a 1” dalla coppia di testa).

Rea precede le due Yamaha Pata BRIXX, con Andrea Locatelli terzo e a sorpresa davanti a Toprak Razgatlıoğlu. L’ex-leader della classifica iridata non ha sorpreso dopo la bella prestazione nella FP1 di ieri, ma la R1 sembrerebbe la moto che, nel complesso, si è adattata meglio alla pista ceca. Quinto posto per Garrett Gerloff.

A dare un’ulteriore prova del valore delle Yamaha sono le wildcard del team YART. Marvin Fritz e Karel Hanika stanno continuando a sorprendere nonostante le moto non pienamente ufficiali di cui dispongono, col tedesco settimo e il pilota ceco nono. Male invece Kōta Nozane, 16°.

Tom Sykes, al sesto posto, è il primo pilota sopra il muro dell’1:33, segno di come la lotta per la testa potrebbe esser limitata a Ducati, Kawasaki e Yamaha per questo weekend. Come per Redding e lo squadrone Ducati, anche Sykes ha fatto decisamente meglio dei compagni di marca, con Michael van der Mark solo 14° e Jonas Folger addirittura 17°, vittima tra l’altro di una scivolata in cui la sua M 1000 RR ha subito gravi danni.

Nessuna delle Honda è invece stata capace di entrare nei primi dieci di questa sessione. Leon Haslam, 11°, precede Álvaro Bautista di appena due centesimi, ma il loro distacco si attesta sul 1”2. A dare un minimo di buon umore ai vertici HRC è Alessandro Del Bianco, che è stato capace di risalire di qualche posizione sulla Honda CBR1000RR-R del team MIE Moriwaki; l’italiano è 18°.

In fondo alla classifica le due Kawasaki del team Pedercini continuano a chiudere la fila con distacchi siderali, insieme alla ZX-10RR privata guidata da Isaac Viñales (21°) e alla Yamaha R1 di Gil Motor Sport condotta da Christophe Ponsson.

Ecco i risultati della FP3, l’analisi dei tempi cronometrati e la classifica combinata finale delle prove libere.

Fonte immagine: arubaracing.it

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM