SBK | GP Navarra 2021: Scott Redding conquista la Gara Sprint, Rea secondo a sei decimi

Prima vittoria dell’anno in una manche Sprint per Redding, un Rea molto coriaceo è secondo e guadagna due punti su Razgatlıoğlu. I tre partiranno in prima fila in Gara 2.


L’andamento del weekend SBK qui a Navarra si sta confermando anche in questa domenica mattina. Dopo la vittoria di forza ottenuta in Gara 1, Scott Redding si è aggiudicato anche la prima Gara Sprint corsa sulla pista di Los Arcos, battendo in “volata” Jonathan Rea. Per Redding è il quinto successo dell’anno, col quale eguaglia il numero di vittorie di Toprak Razgatlıoğlu; è invece il decimo successo assoluto in Superbike, considerando anche le cinque vittorie del 2020.

Il ducatista se l’è dovuto sudare fino all’ultimo giro, vista la condotta di gara estremamente aggressiva di Jonathan Rea. Nonostante la posizione scomoda da leader del mondiale in cui si trova al momento, Rea ha dato il 100% e forse anche di più per battere Redding almeno nella manche di dieci giri, guadagnando magari altri punti su Toprak Razgatlıoğlu. Il turco è giunto terzo, ma potrà quantomeno partire dalla prima fila questo pomeriggio, anziché dalla terza.

LA CRONACA

Alla partenza si replica la scena vista tra Rea e Redding in Gara 1, con la Ducati #45 che schizza al comando prima di curva 1 e Rea che gli si accoda dopo le prime curve. Razgatlıoğlu, dall’ottava casella, ha uno scatto fulmineo e si ritrova a girare già in terza posizione dopo le prime tre curve, davanti a Locatelli e Sykes. Non contento, Toprak tenta anche d’infilare il pilota Kawasaki alla curva 11, ma decide di desistere.

Durante il secondo giro Rea mette in mostra tutta la sua aggressività: nonostante una Ninja piuttosto nervosa in percorrenza delle curve veloci, il campione del mondo attacca e sorpassa Redding alla 8, chiudendogli anche la traiettoria per l’allungo successivo; alla 10, grazie ad un lungo del #1, Scott si rimette davanti, ma Rea si fa largo con le cattive al tornantino della 11 e torna al comando, permettendo anche a Razgatlıoğlu di passare in seconda posizione. Questa lotta a tre favorisce il rientro del terzetto alle spalle, con Locatelli che precede Lowes e Sykes.

La battaglia per la leadership non è ancora finita, poiché Razgatlıoğlu sfrutta la scia del rivale per il titolo sul rettilineo principale e completa il sorpasso alla 1, ma in tutta risposta Rea si ributta all’interno, a costo anche di arrivare al contatto e quasi alla spallata. “Razga” scivola nuovamente al terzo posto dietro Redding, il quale rimane alle spalle di Rea per un altro giro.

All’inizio del quarto passaggio l’ex-campione del BSB torna al comando sfruttando la potenza del suo V4. Con Redding di nuovo davanti il ritmo si alza ed il gruppo di testa torna a sgranarsi, mentre il distacco di Rea, dopo cinque giri, supera i 0”6. Si accende anche la lotta Locatelli-Lowes, col fratello di Sam che si mette momentaneamente quarto prima di subire il controsorpasso in curva 11. Nelle retrovie Rabat si ritira per un guasto tecnico.

L’attenzione è tutta sull’elastico tra i primi tre classificati, poiché Razgatlıoğlu sembra avvicinarsi al nordirlandese, che invece fa fatica a tenere la coda del #45. A tre giri dalla fine, però, la tendenza s’inverte ed è Rea che riporta il suo distacco a soli 0”3 da Redding al comando, mentre il turco della Yamaha molla il colpo e si accontenta del gradino più basso del podio.

Nell’ultimo giro Rea non è abbastanza sotto per tentare un attacco all’avversario e così Scott Redding ottiene il suo terzo successo consecutivo davanti ai due rivali per il campionato. Locatelli colleziona un altro quarto posto, davanti a Lowes, Sykes, Davies, van der Mark e Gerloff. In top ten, ma fuori dai punti, Álvaro Bautista.

Nel mondiale piloti Rea ha ora un vantaggio di nove lunghezze sulla punta di diamante del team Crescent (295 contro 286), mentre Redding accorcia le distanze e si trova a -42 punti (quota 253). Distantissimi gli altri, con Lowes che ha ora 18 punti di vantaggio su Rinaldi e 21 su Locatelli, il quale ha superato anche Gerloff per la sesta posizione in campionato. Tra i costruttori Ducati è al comando con 314 punti, mentre Kawasaki e Yamaha seguono a 309 e 306.

Qui i risultati della Gara Sprint, la classifica iridata aggiornata e la griglia di partenza di Gara 2.

Fonte immagine: arubaracing.it

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM