SBK | GP Gran Bretagna 2021, sintesi della FP3

CONDIVIDI

Rea domina sul bagnato, seguito dal compagno Lowes. Razgatlıoğlu ottavo, difficoltà per le Ducati e caduta per Redding.


La terza sessione di prove libere del GP Gran Bretagna, la prima del sabato, si è conclusa da pochi minuti col primato di Jonathan Rea. In una sessione in cui la pioggia è stata la protagonista, il campione del mondo ha fatto il bello e cattivo tempo (letteralmente se vogliamo): l’1:41.433 segnato gli è valso il primo posto nella FP3, con oltre un secondo di vantaggio sul secondo classificato.

Uno-due per la Kawasaki questa mattina, con Alex Lowes subito alle spalle del suo caposquadra. Nonostante la differenza col #1 sia parecchia, il fratello di Sam sta comunque dimostrando il suo valore e quello della Kawasaki in queste condizioni meteo.

Terza posizione per Leon Haslam, su Honda. Quest’anno è la prima volta che vediamo una CBR1000RR-R così avanti in classifica, per merito sia del meteo inglese che delle abilità di Haslam sull’acqua. Anche Álvaro Bautista, però, non è andato male in termini di posizione, classificandosi nono; ciò che stupisce è il distacco, poiché lo spagnolo quasi quattro secondi da Rea.

Distacchi così ampi in classifica fanno sì che Tom Sykes, quarto, abbia quasi due secondi di ritardo dal campione del mondo in carica. Come per Haslam, anche Tom potrebbe giovare dello scroscio di pioggia se questo dovesse continuare fino all’orario di Gara 1, quantomeno per lottare per il podio. Il suo compagno Michael van der Mark è  11°, a 4”5.

Non sono andate bene le altre due BMW private: Eugene Laverty ha chiuso 17° con condizioni meteo che, sulla carta, avrebbero dovuto avvantaggiarlo (con un distacco che sfiora i sette secondi), mentre Jonas Folger è caduto alla curva Coppice nella prima metà della sessione; dal 19° posto, il suo ritardo ammonta a 7”6.

La prima Yamaha in classifica è quella del leader della combinata, Garrett Gerloff. Il suo primato dopo le due libere non è stato intaccato per via dello scroscio di pioggia, ma imparare il tracciato di Donington in queste condizioni non sarà una passeggiata.

Ciò che preoccupa maggiormente casa Yamaha è la prestazione di Toprak Razgatlıoğlu, ottavo a 1”3 da Gerloff e a quasi quattro dal rivale Jonathan Rea. Se la pioggia dovesse continuare fino al pomeriggio, il turco potrebbe perdere punti importantissimi in chiave iridata.

Il suo compagno Andrea Locatelli chiude la top ten, con un distacco piuttosto contenuto da “Razga”, pari a due decimi. Al penultimo posto c’è invece Christophe Ponsson, sulla Yamaha del team Alstare.

Nelle prime sei posizioni della graduatoria troviamo ben cinque marchi, con Axel Bassani primo pilota Ducati sulla Panigale V4 R del team Motocorsa Racing. Il #47 è, gara dopo gara, sempre più una conferma e vederlo così in palla anche sul bagnato è di buon auspicio per il weekend. Lo segue Chaz Davies, pilota del team Go Eleven.

Ducati, in particolare con la squadra ufficiale Aruba.it, è stato il marchio più in sofferenza questa mattina. Con Scott Redding classificato solo 12° e con 5”6 di ritardo da Rea. Come per Razgatlıoğlu, l’ombra di tre gare a centro gruppo per via della pioggia con Rea in modalità dominatore si fa sempre più preoccupante, specie vista la caduta a tre minuti dalla fine. Ancora peggio la situazione di Michael Ruben Rinaldi, che dopo le vittorie di Misano qui è sprofondato indietro, al 16° posto.

Parlando dei piloti privati rimasti, Lucas Mahias ha perso qualche posizione rispetto a ieri scivolando al 13° posto, con due decimi di vantaggio sul compagno di marca Isaac Viñales. Tito Rabat è 18° in mezzo alle BMW satellite, mentre Loris Cresson, 21°, è addirittura a dieci secondi di ritardo dalla testa della classifica.

Qui la classifica della FP3, i cronologici dei tempi realizzati e la classifica combinata.

Fonte immagine: press.kawasaki.eu

SEGUICI


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

ALTRI DALL'AUTORE

SEGUICI