SBK | GP Francia 2022, Bautista infuriato con Rea: “Mi ha colpito intenzionalmente”

SBK
Alyoska Costantino - 11 Settembre 2022 - 21:30

Il leader del mondiale non risparmia critiche all’ex-campione. Rea si scusa con Bautista: “Per me non è stata una manovra oltre il limite”.


La seconda manche del GP Francia 2022, vinta da Toprak Razgatlıoğlu, farà discutere ancora parecchio nelle due settimane che ci separano dal Gran Premio di Catalogna al Montmelò. L’evento sotto la lente d’ingrandimento è chiaramente l’incidente tra Álvaro Bautista e Jonathan Rea, che ha portato alla caduta (e conseguente ritiro) del pilota Ducati e alla penalizzazione con un long lap penalty del nordirlandese.

Ai commissari (e non solo) la responsabilità della manovra ricade completamente su “Jonny”, il quale però è stato punito forse meno severamente rispetto a quanto ci si sarebbe aspettato. Sicuramente è una sanzione troppo lieve rispetto a quella che si aspettava Bautista, che dopo la corsa non si è risparmiato nel criticare aspramente il rivale.

Queste le parole del #19: Quello di Rea è stato un comportamento inaccettabile perché non ha commesso un semplice errore, ma mi ha colpito intenzionalmente. E’ una manovra che non ci si aspetta da nessun pilota, soprattutto da un campione del Mondo. Per fortuna non ho subito conseguenze fisiche nella caduta. Come se non bastasse, ha subito una penalità che gli ha comunque consentito di conquistare dei punti. Credo che sia un episodio veramente brutto per tutta la Superbike anche in termini di esempio per i giovani piloti. In ogni caso guardiamo avanti. Non vedo l’ora di essere a Barcellona”.   

Quelle di Álvaro sono accuse pesanti (date anche da una dinamica che lascia qualche dubbio sul fatto che Rea abbia compiuto tutto il possibile per evitare il contatto), a cui però Rea ha deciso di rispondere con la pacatezza: “Prima di tutto mi dispiace davvero che sia caduto. Ci siamo toccati. Mi sono già visto con lui e mi sono scusato e gli ho detto il mio punto di vista. L’ho ascoltato e per me ora si volta pagina. Sono arrivato in curva 13 senza alcuna cattiva intenzione. Dovevo soltanto compiere un sorpasso; ho provato a realizzare un bell’ultimo settore prima del dritto. Mi sono buttato all’interno e poi ci siamo toccati. Per me non è stata una manovra oltre il limite. Ovviamente mi dispiace che abbia perso dei punti; mi sono preso la penalizzazione. Non sapevo se aspettarmi qualcosa o meno ma alla fine ho preso questa sanzione”.

Anche il terzo incomodo, Razgatlıoğlu, ha voluto dire la sua sull’incidente, scongiurando la possibilità di un contatto intenzionale: “Adesso ho visto il video. È difficile dato che queste sono le gare, tutti provano a fare del loro meglio. Jonny ha provato a sorpassare in curva 13. In Superpole Race ho passato Álvaro alla stessa curva. Nelle altre curve Ducati è molto forte e l’accelerazione è incredibile. Non è possibile superare nuovamente Álvaro, è possibile farlo soltanto in curva 13. Jonny c’ha provato in quel punto. Forse ha commesso un errore, forse no, non lo so. Non ha provato a toccare Bautista, ha semplicemente provato a passarlo ma è caduto. Penso non ne sia contento”.

Le parole non andranno comunque a modificare l’attuale situazione di classifica: Bautista conduce ancora con 332 punti contro i 302 di Toprak, mentre Rea rimane più staccato a 285.

Fonte immagine: press.kawasaki.eu