SBK | GP Estoril 2021, sintesi della FP1

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Razgatlıoğlu rifila mezzo secondo a tutti quanti nella prima sessione, valori in campo meno delineati qui all’Estoril. Le Kawasaki seconda e terza, Redding quarto.


Il GP dell’Estoril 2021 della SBK comincia nel segno, o forse meglio dire nella pesante impronta, di Toprak Razgatlıoğlu. Il turco, pilota della Yamaha Pata BRIXX, ha girato in 1:36.920, riuscendo a esser l’unico pilota sotto il ’37 di tutta la sessione. Anche lui stesso, visto il tempo e superata la bandiera a scacchi, è sembrato entusiasta del lavoro fatto.

Guardando agli altri yamahisti, il confronto è quasi impietoso. Se Garrett Gerloff, ottavo a 1”1, ha la scusante di un ultimo giro veloce rovinato dal traffico costituito da Christophe Ponsson, gli altri piloti di riferimento di casa Yamaha sono molto staccati: Andrea Locatelli è 13° ad addirittura 1”7 dal pupillo di Kenan Sofuoğlu, mentre lo svantaggio Kōta Nozane – 18° – sfiora in maniera preoccupante i tre secondi.

Anche i primi inseguitori di Toprak hanno potuto fare poco col giro messo in piedi dal #54, in primis Jonathan Rea. L’autore della doppietta Gara 1-Gara Sprint in Aragona ha girato in 1:37.5, pagando mezzo secondo di ritardo al rivale e precedendo di un decimo il compagno Alex Lowes. Rispetto a quanto visto al Motorland Aragón, le nuove ZX-10RR non sembrano avere lo stesso margine siderale sulle moto concorrenti, pur rimanendo il mezzo da battere.

La prima delle Ducati si trova in quarta posizione, guidata da Scott Redding. Il vicecampione del mondo ha iniziato in maniera migliore il suo weekend rispetto a quanto fatto settimana scorsa in Spagna, riuscendo anche a guidare la FP1 per diversi minuti prima di venire scalzato nel time attack degli ultimi minuti. Sette decimi lo separano da Razgatlıoğlu.

La seconda Ducati in classifica, come visto al Motorland, è quella di Chaz Davies e del team GoEleven. Sulla pista dove ha ottenuto la sua ultima vittoria, il gallese ottiene la sesta posizione in questa FP1, guidando con margine il confronto con il suo sostituto del team Aruba.it, Michael Ruben Rinaldi (decimo). Discreto 11° posto anche per Tito Rabat, su una pista su cui non correva da parecchi anni.

Dopo la buona prestazione in Aragona, la BMW si sta confermando anche all’Estoril, ma non grazie agli sforzi del team SMR. Mentre Tom Sykes e Michael van der Mark rimangono ad arrancare in nona e 16a posizione, Eugene Laverty (RC Squadra Corse) e Jonas Folger (Bonovo MGM Racing) hanno mostrato i muscoli in questa FP1, ottenendo il quinto e settimo tempo sulle proprie M 1000 RR private. Su una pista che lo scorso anno ha regalato sorprese, i due potrebbero giocare il ruolo di outsider.

Le due Honda ufficiali, nonché le uniche due CBR presenti dopo il forfait momentaneo di MIE Racing, sono rimaste fuori dalla top ten. Leon Haslam ha chiuso 12° a 1”5 da “Razga” al comando e a 1” dagli altri big, ma il weekend del compagno Álvaro Bautista è partito proprio col piede sbagliato, con ben due cadute nei primi quarantacinque minuti del weekend. Lo spagnolo è 14° dopo esser scivolato al curvone finale una prima volta e alla 7 qualche minuto più tardi.

Parlando degli altri piloti privati, Axel Bassani sulla Ducati di Motocorsa Racing si è piazzato 15°, precedendo van der Mark. Isaac Viñales (Kawasaki Orelac VerdNatura) è 17° davanti alla coppia Yamaha Nozane-Ponsson, mentre chiudono lo schieramento le tre “Verdone” private di Lucas Mahias (Puccetti Racing), Samuele Cavalieri e Loris Cresson (TPR Pedercini). Questi due, in particolare, pagano un ritardo di oltre cinque secondi, un abisso.

Questi i risultati del turno della Superbike e l’analisi dei passaggi completati.

Fonte immagine: yamaha-racing.com

P300 MAGAZINE

SBK | GP Estoril 2021, sintesi della FP1

Continua a seguirci

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

SBK | GP Estoril 2021, sintesi della FP1

Continua a seguirci