SBK | GP Argentina 2022, SP Race: Toprak Razgatlıoğlu si prende la rivincita a San Juan su Bautista

di Alyoska Costantino @AlyxF1
23 Ottobre 2022 - 17:49

Dopo un ultimo giro di sorpassi e controsorpassi, Razgatlıoğlu risponde alle critiche tornando al successo. Bautista chiude secondo, Rea terzo.


La curva 9 di San Juan Villicum ha dato e tolto tanto in questo weekend a Toprak Razgatlıoğlu. Dopo la caduta al tornatino in Gara 1 che ha spianato la strada a Bautista, nella SP Race il pilota Yamaha si è preso una bella rivincita compiendo il sorpasso decisivo alla stessa curva, conquistando la sua 11a manche dell’anno. Una risposta d’orgoglio, che vale più a livello morale che sportivo ma che dà un’ulteriore dimostrazione del valore del pilota turco.  

Tuttavia, la perdita di punti di Álvaro Bautista è stata minima, grazie al secondo posto ottenuto. Sono appena tre le lunghezze in meno sullo yamahista, mentre Jonathan Rea, terzo, ha parecchio da recriminare per un errore in curva 1 che gli ha fatto perdere la gara. 

LA CRONACA 

Alla partenza i primi quattro piloti dello schieramento mantengono invariate le loro posizioni, con Rinaldi che scatta molto bene dalla terza fila e da ottavo si ritrova quinto, davanti a Baz e Bassani. Nel corso del primo giro il #21 riesce anche a scavalcare l’Honda di Lecuona, portandosi al quarto posto. Pessimo start per Andrea Locatelli invece, 11° alla fine del primo giro. 

Razgatlıoğlu conclude in testa il primo giro senza intoppi, ma con solo la pressione di Rea alle sue spalle. Il pilota Kawasaki rimane in attesa per un paio di giri, ma al terzo rompe gli indugi attaccando con successo lo yamahista alla 6 e difendendosi in fondo al successivo rettilineo. Bautista, per il momento, perde un po’ più di terreno. 

Il ritmo del sei volte campione è molto veloce e sembrerebbe plausibile anche la fuga, ma all’inizio del sesto giro Rea si scompone alla frenata della 1 e va nella via di fuga asfaltata, rientrando al terzo posto tra le due Ducati Aruba.it. La lotta vittoria per il nordirlandese pare compromessa. 

Razgatlıoğlu torna così davanti, ma negli ultimi quattro giri Bautista torna a farsi sotto e si riaccende la sfida di ieri: all’ottavo giro lo spagnolo passa sul rettilineo il turco, ma subisce l’immediata risposta dell’avversario alla 9. Nel giro successivo la scena si replica, ma stavolta Álvaro stringe la traiettoria ed impedisce il controsorpasso a “Razga”. 

Lo yamahista comunque non molla ed in fondo al successivo rettilineo, alla 10, attacca la Ducati #19, andando però lungo. Il successivo attacco, alla staccata in discesa della 1, ha però successo e permette a Razgatlıoğlu di tornare in testa prima del lungo rettilineo. Il V4 della Ducati detta nuovamente legge e Bautista può tornare davanti prima della 8, ma di nuovo alla 9 Razgatlıoğlu forza l’ingresso e si riprende la testa, anche a costo di mandare largo l’avversario. 

Toprak vince così la SP Race del GP Argentina davanti a Bautista e Rea, poi Rinaldi quarto su Lowes, Lecuona, Bassani, Vierge e Baz. Queste saranno anche le prime tre file dello schieramento di Gara 2. 

Nella generale piloti Bautista ha ancora 77 punti di vantaggio su Razgatlıoğlu, che nonostante gli sforzi conta “solo” 405 punti contro i 482 del ducatista. Rea perde ulteriore terreno ed è a -89, mentre Rinaldi guadagna ulteriore terreno su Bassani e Locatelli (oggi decimo). 

Qui i risultati della SP Race, la griglia di Gara 2 e la classifica generale aggiornata. 

Fonte immagine: yamaha-racing.com