SBK | GP Aragona 2021: Rea domina una Gara Sprint con condizioni miste, altro uno-due Kawasaki

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il campione del mondo non si risparmia nemmeno dopo la 100a vittoria e domina anche la SP Race. Lowes è secondo sull’altra Kawasaki, bravo Garrett Gerloff terzo. Scelta sbagliata di gomme per Redding, solo ottavo.


La prima Gara Sprint dell’anno del mondiale Superbike 2021 ha avuto lo stesso esito della Gara 1 di ieri, per quanto concerne le prime due posizioni. Nonostante la pioggia precedente al warm-up e un asfalto dalle condizioni miste, niente ha potuto fermare Jonathan Rea verso il suo secondo successo consecutivo, nonché il 101° in SBK. Con Alex Lowes nuovamente secondo, si rafforza l’idea di come la nuova ZX-10RR sia di tutt’altro livello rispetto alle altre moto.

Il podio è stato completato da Garrett Gerloff, terzo sulla Yamaha R1 di GRT. La gara ha visto un continuo e costante miglioramento della pista, tanto da premiare chi aveva azzardato il montare le gomme intermedie o addirittura d’asciutto – i due piloti Kawasaki o anche Michael van der Mark, quinto al traguardo – e penalizzando chi invece aveva scelto le gomme Full Rain, su tutti Scott Redding. L’inglese ha chiuso ottavo e partirà dalla stessa posizione in griglia anche questo pomeriggio.

LA CRONACA

La seconda gara del weekend per la SBK viene dichiarata bagnata, ma la pista presenta tratti più o meno umidi sin dall’avvio. I due piloti Kawasaki scelgono due gomme intermedie, mentre Redding e Sykes, in prima fila insieme a Rea, puntano sulla gomma da pioggia. Michael van der Mark tenta addirittura l’azzardo con le slick, sia all’anteriore che al posteriore.

Alla partenza le Kawasaki scattano come fulmini anche questa volta ma già all’ingresso verso la curva Checa Redding va all’attacco, superando entrambe e portandosi al comando davanti a Rea. “Johnny” tenta la risposta già in curva 8, ma Redding gli chiude la porta in faccia, col rischio che i due si prendano in curva 9. Pochi secondi dopo scivola Mahias nella stessa curva.

Con Rea scivolato al terzo posto è Lowes che tenta di superare Redding, ma deve cedere momentaneamente sia al ducatista che al suo caposquadra, che lo ripassa al curvone. Già al secondo giro il vantaggio delle gomme da pioggia è azzerato e Redding non può fare nulla per difendersi dagli attacchi dei due piloti KRT; quello di Rea arriva alla curva 5, quello di Lowes al curvone 10.

Sia Redding che Sykes cominciano a fare i “gamberi” e a perdere un sacco di terreno, in particolare il pilota BMW che viene scavalcato prima da Davies e poi da un intero gruppo di piloti alle sue spalle, tra cui Toprak Razgatlıoğlu, le due Honda ufficiali e soprattutto Michael van der Mark, già sul ritmo dei primi. Ben presto le due BMW si scambiano di ruoli, con Sykes che crolla al 12° posto e “Magic Michael” che sale al sesto.

Da questa situazione sono emersi anche Davies e Gerloff, che al terzo giro raggiungono e sorpassano in breve tempo un Redding impotente. Il ritmo dei piloti dietro è meno veloce con ora van der Mark a capitanare l’inseguimento, mentre Razgatlıoğlu e Bautista lottano per la settima posizione. Al quarto giro, nel curvone finale, Gerloff passa Davies per l’ultimo posto sul podio.

Mentre Sykes si ferma per ritirarsi, il suo compagno raggiunge e scavalca Redding al quinto giro, in curva 14. Due giri più tardi, tocca alla coppia formata da “Razga” e Bautista passare il ducatista, che però riesce a riprendere un po’ di ritmo e a tenere a distanza Leon Haslam e un buon Kohta Nozane. Le posizioni, da questo punto in poi, si consolidano in testa alla classifica.

Negli ultimi giri Gerloff tenta un recupero in extremis sulla Kawasaki di Lowes, ma il #22 reagisce e difende bene la seconda doppietta consecutiva della Kawasaki. A vincere è nuovamente Jonathan Rea, al 101° successo di categoria e al secondo stagionale su due manche. Davies chiude quarto sulla Ducati GoEleven, davanti a un ottimo van der Mark e a Razgatlıoğlu. Gara opaca per gli italiani, con Rinaldi e Locatelli a metà classifica in 11a e 12a posizione.

La classifica del campionato vede Rea in testa con 37 punti, davanti a Lowes a 29 e a Razgatlıoğlu a 20. Davies scavalca Redding per la quarta piazza (17 a 15), mentre van der Mark raggiunge Sykes al settimo posto in ex aequo, con 10 punti. La griglia di Gara 2 vedrà le due Kawasaki in prima fila insieme a Gerloff, mentre in seconda ci saranno Davies, van der Mark e “Razga” che partirà più avanti rispetto alla quarta fila ottenuta in Superpole.

Qui i risultati della SP Race al Motorland Aragón, la classifica iridata e la griglia di partenza delle 14:00.

Fonte immagine: Kawasaki Media Center

P300 MAGAZINE

SBK | GP Aragona 2021: Rea domina una Gara Sprint con condizioni miste, altro uno-due Kawasaki

Continua a seguirci

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

SBK | GP Aragona 2021: Rea domina una Gara Sprint con condizioni miste, altro uno-due Kawasaki

Continua a seguirci