SBK | Álvaro Bautista passa in Honda per il 2020

SBK
Álvaro Bautista passa in Honda per il 2020

Lo spagnolo abbraccia la causa della Casa di Tokyo. “Credo molto nel nuovo progetto di HRC” di 23 Settembre 2019, 11:32

Era un cambiamento nell’aria già da tempo, ma rimane comunque una delle mosse di mercato più importanti in vista del mondiale Superbike 2020. Álvaro Bautista, dopo la separazione dal team ufficiale Ducati, ha deciso di sposare la causa del team Honda HRC, che dopo una (deludente) stagione di studio col team Moriwaki-Althea, pare essere intenzionata a puntare realmente al 100% nel campionato mondiale delle derivate di serie. E’ infatti atteso l’annuncio di una nuova versione della CBR1000RR, che presumibilmente si vedrà al Salone di Tokyo 2019 e andrà a sostituire la deludente Fireblade.

Per Álvaro Bautista si tratta di una scommessa importante, sulla quale ha puntato molte fiches della propria carriera, in modo da poter puntare a un titolo Superbike che sembrava già in tasca nella prima metà di campionato e che invece ora pare quasi un miraggio, con 91 punti di svantaggio da Jonathan Rea.

Per l’ex-campione della 125cc è stato comunque un addio doloroso alla Casa italiana: “Sono davvero contento, perché credo molto nel nuovo progetto con HRC. Vogliono tornare nel campionato mondiale Superbike come un team factory al 100%, per cui questo mi ha motivato molto. Unirsi alla struttura HRC è molto importante, poiché si tratta di un’azienda importante e vogliono di nuovo vincere in SBK. La sfida per il prossimo anno sarà molto difficile, ma di sicuro la voglio affrontare e usare la mia esperienza di questa stagione nel campionato mondiale Superbike per sviluppare la moto e, magari, lottare per delle vittorie. Non è stata una decisione facile per me, dato che sono davvero felice col team Ducati. Abbiamo iniziato con una moto nuova e un progetto nuovo, e stavamo vincendo molte gare. Non è stato facile ma il progetto che HRC mi ha offerto mi ha motivato molto, anche se partiremo da zero. Mi sento come una delle persone più importanti in questo progetto”.

Anche il presidente della HRC, Yoshishige Nomura, si è detto entusiasta dell’accordo trovato con Bautista: “Siamo davvero felici di dare il benvenuto ad Álvaro Bautista nel nostro progetto di corse SBK per il prossimo anno. Il suo arrivo nel team di corse Honda sottolinea la nostra forte volontà di competere a piene forze in ogni categoria del motorsport, lottando per ottenere i massimi risultati sportivi e ricercando le migliori innovazioni tecnologiche, così da offrire ai nostri fan e acquirenti divertimento, gioia e prodotti eccellenti. Álvaro è molto veloce, un pilota d’esperienza che ha già mostrato la sua forte attitudine e competitività nelle corso in questi anni di GP e nella sua prima stagione nel campionato SBK. Siamo fiduciosi che darà un contributo significativo alla crescita e allo sviluppo del nostro progetto nell’entusiasmante e competitivo campionato mondiale Superbike”.

HRC non corre ufficialmente nel campionato SBK dal 2002, anno della conquista del titolo da parte di Colin Edwards sulla leggendaria VTR 1000 SP2 sponsorizzata Castrol. L’anno scorso la struttura di Asaka annunciò che sarebbe tornata a correre a piene forze già dal 2019, cosa che però non è stata riscontrata nei risultati dopo la separazione col team Ten Kate e nonostante l’impegno di Moriwaki e del team Althea di Genesio Bevilacqua. Non è ancora dato sapere chi affiancherà lo spagnolo nel box, ma delle voci danno come favorito Yuki Takahashi, ex-pilota Moto2, MotoGP, e quest’anno anche sostituto di Leon Camier in più occasioni. La partnership Moriwaki-Althea dovrebbe proseguire anche per il prossimo anno, con Alessandro Delbianco che affiancherebbe l’esperto Ryuichi Kiyonari.

Fonte immagine: Twitter / Álvaro Bautista



Condividi