Reserve e development driver: quattro assi per la Scuderia Ferrari

F1ComunicatiNews
Tempo di lettura: 2 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
19 Gennaio 2023 - 17:00
Home  »  F1ComunicatiNews

L’anteprima della Scuderia Ferrari per la stagione 2023

La stagione 2023 di Formula 1 è alle porte e la Scuderia Ferrari è pronta ad affrontarla non solo con Charles Leclerc e Carlos Sainz ma anche con quattro eccellenti piloti che ricopriranno i ruoli di Reserve e Development Driver.

In pista e al simulatore. Un team di Formula 1 moderno ha infatti bisogno di poter contare su un gruppo di piloti per competere al massimo livello. Sarà presente ad ogni gara un Reserve Driver, ruolo nel quale si alterneranno Antonio Giovinazzi e Robert Shwartzman che per sfruttare al massimo il potenziale del nuovo simulatore attivo dallo scorso anno, affiancheranno nel ruolo di Development Driver la validissima coppia Antonio Fuoco e Davide Rigon. Si tratta di ragazzi esperti che sanno dare feedback precisi e affidabili agli ingegneri, tanto più che da quando i test in pista sono estremamente limitati, la simulazione è diventata uno strumento fondamentale non solo per la preparazione di ogni gara ma anche per lo sviluppo della vettura stessa.

Tutti in pista. Per essere certi che tutti i piloti della Scuderia non perdano contatto con piste e atmosfere di gara, in questa stagione ciascuno dei quattro sarà anche impegnato in un programma agonistico. Giovinazzi e Fuoco saranno entrambi impegnati nel WEC al volante della 499P – la Hypercar numero 50 per Fuoco e la 51 per Giovinazzi – mentre Robert e Davide gareggeranno sulla nuova 296 GT3. Shwartzman sarà tra i protagonisti del campionato SRO GT World Challenge Europe Endurance Cup, mentre Rigon oltre che alla serie SRO parteciperà al WEC e alle quattro prove della Endurance Cup del campionato IMSA.

Immagine: Media Ferrari

Lascia un commento