Red Bull, Mercedes e Lotus nel mirino della FIA

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

La notizia ancora non è confermata, ma le voci ci sono. I commissari tecnici della FIA a Sepang avrebbero intimato ben 3 squadre a modificare le proprie vetture in vista della gara di Shangai, altrimenti verrebbero dichiarate illegali. Le tre squadre in questioni sarebbero Red Bull, Lotus e Mercedes. Durante le verifiche tecniche in Malesia i tecnici FIA hanno controllato i T-Tray delle varie macchine, cioè lo splitter che si trova sotto la scocca e i relativi “tiranti” per evitare la flessibilità del cucchiaio. Sarebbero emerse delle anomalie, e non è un caso che sotto osservazione ci sono le vetture che hanno mostrato più competitività in questo inizio di stagione.

In poche parole l’ala anteriore, quando la vettura è in movimento, risulta essere visivamente più bassa creando un assetto picchiato con l’anteriore più basso e il posteriore più alto. I vantaggi aerodinamici sono duplici. Grazie all’ assetto picchiato la vettura ha più carico all’ anteriore permettendo di ribilanciare il posteriore grazie all’azione dei gas di scarico soffianti.

Tutto questo è possibile grazie allo splitter sotto la scocca, il punto più basso della monoposto. Questo deflette verso l’alto evitando lo sfregamento dell pattino di legno che si trova sotto il fondo, che ricordiamo non può consumarsi troppo pena l’esclusione dalla gara ( sono concessi 2mm di usura). Durante i controlli le tolleranze sulle 3 vetture in questione non sarebbero state rispettate. Ora aspettiamo la conferma di questa notizia che potrebbe creare un vero caos nel circus.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Red Bull, Mercedes e Lotus nel mirino della FIA 2
Andrea Ettori
Vivo a Mirandola, e sono un grande appassionato di sport. Jenson Button è il mio idolo, e il Milan la mia squadra del cuore. Sono una persona positiva, e vedo sempre il bicchiere mezzo pieno in ogni situazione. #StayPositive #ForzaEmilia

ALTRI DALL'AUTORE