Possibile impegno nel WEC per Vergne?

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Da pilota Toro Rosso senza futuro a test driver Ferrari impegnato in Formula E e con un possibile ruolo nel WEC. Il 2015 di Jean-Eric Vergne è pieno di possibilità.

Dopo tre anni nello Junior Team Red Bull, il futuro del francese sembrava ormai segnato, con la Toro Rosso decisa a rinnovare il suo parco piloti con due giovanissimi (Verstappen e Sainz Jr) e le porte chiuse per Vergne almeno per quanto riguarda i sedili titolari.

Poi l’arrivo dell’opportunità Ferrari, l’ingresso in Formula E dove non ha fatto malissimo per ora e delle opzioni niente meno che per il WEC (e, magari, Le Mans).

“Ho ancora un futuro in F1. Quest’anno acquisirò molta esperienza con il simulatore, che è cosa diversa rispetto a quello che ho imparato dietro al volante durante i Gran Premi. Non voglio parlare del 2016 e di una possibilità di tornare di nuovo un titolare, perché per ora il mio obiettivo è dare il mio contributo affiché la Ferrari possa tornare a vincere di nuovo. L’Endurance è un campionato interessante. La classe LMP1 non è lontana dalla F1 in correre in pista di certo non mi dispiacerebbe. Ci sono opzioni sia per correre in LMP1 che per continuare in Formula E”.

A proposito della nuova Formula elettrica, Vergne ha dato anche un suo piccolo parere: “E’ abbastanza pesante. Questo è solo il primo anno quindi credo che le vetture verranno sviluppate in futuro. Hai bisogno in particolare di salvare energia, in generale le cose sono diverse dalla F1 ma comunque è una vettura con quattro ruote e un volante, che è la cosa più importante. Per tre anni (in Toro Rosso, ndr) ho guidato una vettura che non mi permetteva di lottare per le prime dieci posizioni, anche facendo giri perfetti. Oltretutto nel 2014 ero 10 kg oltre il peso minimo. Quindi devo ammettere che tornare al volante di una vettura simile alle altre e che dà la possibilità di correre per i primi posti non è stato male”.

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE