Per Rossi debutto senza radio e 14° posto

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Tutto sommato non poteva andare meglio il debutto in F1 di Alexander Rossi. L’attuale inseguitore di Stoffel Vandoorne nella classifica della GP2 (ormai in mano al belga) si è dimostrato subito valido al primo approccio con la massima categoria, considerate le molte difficoltà incontrate.

Prima di tutto è stato necessario operare un lavoro di fino per permettergli di adattarsi fisicamente all’abitacolo della Manor. Il sedile è stato ‘lavorato’ più e più volte per non costringerlo a girare il volante con le ginocchia… dato il suo quasi metro e novanta di altezza.

Nelle libere 1 la ricerca, subito, della confidenza con la vettura e l’errore con la Manor a muro a fine sessione, in un tracciato comunque difficile per debuttare in F1. Nonostante questo Rossi non si è scoraggiato e ha continuato con il suo apprendimento.

Partito dietro il compagno dopo una qualifica non esaltante, è giunto davanti a Stevens all’esordio di ben 15 secondi, considerate anche le due Safety Car e considerato, soprattutto, che ha corso la seconda parte della gara senza l’ausilio della radio. Questo si è notato durante il secondo periodo di Safety Car, quando Rossi non si è sdoppiato dal gruppo rimanendo pericolosamente in mezzo a chi lottava per le posizioni.

La qualità della sua gara è degna di nota: con tutte le difficoltà avute e la necessità di apprendere al volo i fondamentali e le informazioni della vettura, arrivare davanti al compagno non è scontato. Weekend assolutamente positivo per lui.

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE