Per Leclerc la pole a Monza è sul piatto d’argento, ma va presa. Le penalità in griglia lasciano perplessi

Alessandro Secchi - 9 Settembre 2022 - 23:20

Sainz, Hamilton, Pérez e Verstappen in penalità. Resta il solo Russell a contendere la Pole a Leclerc. In teoria

Dopo le prove libere di oggi e, soprattutto, dopo le penalità che stanno sterminando la griglia di partenza, le qualifiche a Monza potrebbero trasformarsi in una passeggiata per Charles Leclerc. L’uso del condizionale è d’obbligo ma anche un po’ forzato, perché in questa situazione sembra davvero di giocare al “vuoi vincere facile”.

Abbiamo infatti tre top team e, tra questi, quattro macchine vanno in penalità. La prima è l’altra Ferrari, quella di Sainz, che partirà dal fondo. La seconda è la Mercedes di Hamilton, che farà compagnia allo spagnolo. Infine ci sono le due Red Bull. Che, a sorpresa, hanno deciso di cambiare motori termici ad entrambi i piloti, con Verstappen che dovrà scontare 5 posizioni e Pérez che ne avrà invece 10 in più.

Chi resta? George Russell. Solo soletto, l’inglese con una Mercedes rinvigorita è praticamente l’unico contendente serio per la Pole se parliamo di condizioni di qualifiche normali; asciutto, niente problemi esterni, niente scie mancate e cose così. Insomma, in una qualifica come si deve, in pochi non scommetterebbero sulla Pole di Leclerc.

Ma è proprio quando le cose sembrano facili che si nascondono le insidie peggiori. La Pole è alla portata, senza ombra di dubbio. Ma bisogna prendersela senza lasciare niente al caso, come se in realtà quelle penalità non ci fossero e come se si dovesse lottare in un sabato normale, con tutti gli avversari. Come poi sarà, almeno ufficiosamente.

La gara, poi, sarà un’altra cosa. Il Belgio, in questo, è stato un ottimo maestro. Chi corre per i tre top team difficilmente non arriva tra i primi sei. Proprio questo mi aspetto da Hamilton e Sainz una bella rimonta.

Una nota sul sistema di penalità. Personalmente non apprezzo le griglie stravolte così. Non mi è piaciuta in Belgio, non mi piacerà qui e ancora non abbiamo il quadro completo. Se mi chiedeste cosa cambierei, al momento non avrei una risposta certa, ma una griglia a blocchi con delle incongruenze come Bottas che, con un +15, parte 13° a Spa, lasciano con più di qualche perplessità.

Immagine: Media Ferrari