National | Perentoria doppietta di Zach Osborne a Jacksonville

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il pilota Husqvarna ristabilisce le gerarchie in Florida, Cianciarulo cade in gara-2 e perde punti


Ci voleva il miglior Zach Osborne di questo formidabile 2020 per fermare un Adam Cianciarulo in rampa di lancio verso il finale del National e a Jacksonville il pilota Husqvarna si è fatto trovare pronto. Con una perentoria doppietta, il leader del campionato ha rafforzato la sua posizione prendendo un po’ di respiro in vista degli ultimi due round della stagione.

In gara-1, dopo avere corso in attesa per gran parte del tempo, Osborne è andato all’attacco negli ultimi cinque minuti cronometrati scavalcando con aggressività sia Chase Sexton che lo stesso Cianciarulo per aggiudicarsi il primo successo. Nella seconda manche è rimasto ad osservare lo scontro tra Cianciarulo e Marvin Musquin, dal quale il pilota Kawasaki ha avuto la peggio, per poi avere ragione del francese della KTM pochi minuti dopo.

Le ultime fasi di gara-2 sono state rese più concitate da un redivivo Eli Tomac, partito malissimo ancora una volta ma autore di una grande rimonta nel finale. Il tre volte campione del National 450cc tuttavia non è riuscito ad avere ragione di Osborne, concludendo secondo di manche e terzo assoluto per via del sesto posto di gara-1.

Secondo di giornata è Marvin Musquin, vittima di una caduta potenzialmente molto pericolosa nelle qualifiche. Il #25 della KTM ha portato a casa due terzi posti buoni in ottica generale.

Chi ha perso punti, e forse anche un po’ di fiducia, è proprio Cianciarulo. Battuto nel finale di gara-1, dopo la caduta di gara-2 non è riuscito a recuperare alcuna posizione dalla settima in cui si è ritrovato. Il quarto posto odierno e i 14 punti persi dal capoclassifica potrebbero pesare molto negli ultimi due round.

Un quarto e un quinto posto per Sexton, quinto di giornata davanti a Blake Baggett (7-6) e alle Suzuki di Max Anstie (13-4), Fredrik Norén (9-8) e Joey Savatgy (8-9). Justin Barcia ha chiuso la top ten, quinto nella prima manche e 13° nella seconda dopo una caduta al primo giro.

Grazie al suo 19° successo da professionista negli USA, Osborne si è portato a 285 punti contro i 256 di Cianciarulo e i 255 di Musquin.

Doppietta ancora più schiacciante nella classe 250cc, ad opera di Dylan Ferrandis. Il pilota Yamaha non ha commesso alcun errore e, come sempre avviene in questi casi, si è dimostrato assolutamente imbattibile per chiunque. Justin Cooper si è classificato secondo (4-2) davanti a Jeremy Martin, due volte terzo e di nuovo battuto in maniera netta dal suo avversario diretto per il titolo.

Buono il secondo posto di Jett Lawrence in gara-1, poi quinto in gara-2 a causa di una cattiva partenza e quarto assoluto. Tra le delusioni di giornata c’è RJ Hampshire, vincitore proprio a Jacksonville nel mondiale MX2 tre anni fa e oggi appena 12° con un ritiro in gara-1 e un sesto posto in gara-2.

Il margine di Ferrandis su Martin nella generale è salito a 13 punti, 307 a 294. La lotta per il terzo posto comprende ben cinque piloti con Alex Martin a 224, Shane McElrath a 218, Hampshire a 217, Cooper a 204 e Lawrence a 200.

Sabato prossimo il National affronterà il suo penultimo round della stagione 2020. La sede di gara sarà il circuito di Thunder Valley, teatro del Motocross delle Nazioni del 2010.

Classifica 450cc:

Classifica 250cc:

Immagine copertina: RacerX

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Milestone mostra il primo trailer di gameplay di MXGP 2020

Milestone ha rilasciato il primo trailer del gameplay di MXGP 2020 che mostra Tony Cairoli sul terreno duro britannico di Matterley Basin sulla sua KTM. Partendo...
National | Perentoria doppietta di Zach Osborne a Jacksonville 3
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

ALTRI DALL'AUTORE