MXGP | GP Turchia e GP Afyon 2021 – Anteprima

Dopo la pausa estiva, il mondiale motocross ritorna con un double header in Turchia


La pandemia di Covid-19 ha trasformato il calendario 2021 della MXGP in un’autentica giostra e così, dopo quattro weekend di gara consecutivi e tre di stop che possono essere considerati come pausa estiva, ora si riparte addirittura con un double header, due Gran Premi nel giro di quattro giorni.

A riprendere la formula usata per praticamente tutto il 2020 (quasi sempre con tre Gran Premi in fila) è la pista turca di Afyonkarahisar, che domenica ospiterà il Gran Premio di Turchia e mercoledì prossimo il Gran Premio di Afyon. Il mondiale motocross sbarca qui per la terza (e quarta) volta dopo le edizioni 2018 e 2019.

Dopo il Gran Premio di Lettonia, la classifica delle due classi si è paradossalmente invertita rispetto alla situazione che si aveva prima dei quattro appuntamenti consecutivi vissuti tra luglio e agosto. La MXGP è incertissima, con quattro piloti in 18 punti oltre al rimontante Jeffrey Herlings, mentre in MX2 Maxime Renaux si è lanciato verso la fuga iridata staccando (per ora) tutti gli avversari.

MXGP

L’ennesima vittoria “ai punti” di Tim Gajser sulla sabbia di Kegums ha dato sicuramente morale al pilota Honda in un momento non facile, ma di certo non gli ha consentito di tornare davvero a respirare in classifica generale. Come detto poco sopra, la graduatoria è cortissima e basta un minimo errore per rovesciare le sorti di questo campionato che comunque è ancora lunghissimo.

Un Antonio Cairoli piuttosto tentennante negli ultimi due round è stato scalzato sia da Romain Febvre che da Jorge Prado, ora secondo e terzo in classifica. Il francese ha messo il sigillo sul suo rapporto con Kawasaki firmando un nuovo contratto biennale e adesso può concentrarsi sulla rincorsa al suo secondo titolo. La “ricetta” sarà sempre la stessa: la velocità e il ritmo non mancano, bisognerà limitare gli errori che anche in questa stagione sono stati tanti, nonostante la situazione del campionato dia ragione alla tabella #3.

Prado, arrivato ad un punto dal successo in Lettonia, sta ritrovando sempre più ritmo ad ogni gara e questa pausa di tre settimane potrebbe avergli dato la spinta definitiva. Come tanti altri protagonisti del motocross mondiale, anche lo spagnolo ha “bidonato” il Motocross delle Nazioni di Mantova, posto quest’anno in una situazione molto difficile a causa del già citato Covid che ha riscritto il calendario in un modo che appare poco lungimirante solo col senno di poi.

Per Cairoli si apre un terzetto di gare decisivo per comprendere in maniera definitiva cosa potrà aspettarsi da questo 2021. Se il siciliano dovesse lottare per podi e vittorie nei due round turchi portando poi a casa un risultato importante nella “sua” Riola Sardo, allora la KTM #222 potrà ambire al decimo iride senza dubbio alcuno. In caso contrario, sarà necessario sperare con maggiore intensità in qualche “inciampo” degli avversari nella lunga strada che condurrà (forse) in Indonesia.

Non bisogna poi dimenticare Herlings, unico vincitore in MXGP ad Afyon e reduce da un Gran Premio di Lettonia catastrofico, con la caduta all’ultimo giro di gara-2 costatagli il successo assoluto e soprattutto quattro punti vitali nella sua posizione attuale. Anche per l’olandese, comunque, la pausa estiva è stata fondamentale per permettere alla scapola infortunata in Olanda di rimettersi in sesto senza correre troppi rischi e c’è da scommettere che l’Herlings che si presenterà al cancelletto in Turchia avrà un solo risultato in mente: vincere, vincere tutto.

Sarà necessario un cambio di rotta anche per il team Yamaha, poiché ora come ora la 450cc iridata è l’unico campionato tra Europa e USA a non avere dato soddisfazioni alla Casa di Iwata in questo 2021. Glenn Coldenhoff è reduce dalla doppietta nel Gran Premio Internazionale di Keiheuvel nel giorno di Ferragosto e la condizione fisica sembrerebbe essere ottimale, mentre Jeremy Seewer dovrà uscire dal limbo in cui è piombato in questa prima metà di stagione.

Durante la pausa estiva è arrivato un brutto colpo in casa Italia, con l’ennesimo infortunio di Michele Cervellin: il pilota del team di Jacky Martens ha rimediato la lussazione di una spalla in allenamento e la sua stagione si è conclusa in anticipo. A rappresentare i nostri colori in Turchia, oltre a Cairoli, restano dunque Alessandro Lupino, Ivo Monticelli e Alberto Forato.

MX2

La doppietta di Kegums ha lanciato in orbita MX2 Maxime Renaux, che ha approcciato la pausa estiva con ben 34 punti di margine su Mattia Guadagnini e 36 su Jago Geerts.

A perdere l’occasione in Lettonia è stato soprattutto il belga, letteralmente affondato dal compagno di squadra Renaux sulla sabbia a fondo duro su cui nel 2020 aveva pressoché spadroneggiato. Un mondiale che pareva facilmente recuperabile è diventato più difficile del previsto per Geerts, che ora dovrà dare sfoggio di tutto il suo talento puro continuando però anche sulla scia della maggior costanza che ha intrapreso nella prima parte del campionato 2021.

Guadagnini tornerà invece sulla pista che lo ha visto debuttare nel mondiale nel 2019, poche settimane dopo avere conquistato il titolo mondiale e quello europeo della 125cc. Fu una prima di grande successo, perché Guadagnini si piazzò subito al decimo posto assoluto sulla Husqvarna del team Maddii. In Lettonia, il pilota KTM ha conquistato il suo primo risultato di grande rilievo sul morbido mettendo un altro sigillo sulla sua grande crescita in questo 2021: il #101 è sempre più vicino ad essere un pilota davvero in grado di lottare per l’iride, ora bisognerà solo macinare chilometri ed esperienza sui tracciati del mondiale.

Alle spalle dei primi tre si è creato un piccolo “buco”. La quarta forza del campionato è ancora Rubén Fernández, il quale è però andato incontro ad un calo di risultati anche fisiologico, non disponendo degli stessi mezzi tecnici degli avversari diretti. Alle spalle dello spagnolo del team Honda 114 Motorsports si trova Thibault Benistant (Yamaha), poi un fin qui deludente Jed Beaton (Husqvarna) e Mathys Boisramé, che sarà tra i tre rappresentanti della Francia del Nazioni nonostante un guaio ad un ginocchio che lo perseguita da qualche settimana.

Anche per la MX2 la pausa estiva non ha portato buone notizie in casa Italia. A pochi giorni da Afyon, Gianluca Facchetti è stato licenziato in tronco dal team Honda Assomotor per inadempienze contrattuali, dal momento che il pilota è stato sorpreso ad allenarsi con una moto differente da quella del team gestito da Alfredo Bevilacqua. Facchetti sarà sostituito da Emil Weckman, pilota di Assomotor nell’europeo 250cc. Oltre a Guadagnini e ad Andrea Adamo per le gare turche risulta iscritto anche Valerio Lata, ma la sua effettiva partecipazione (come successo a Loket) è ancora in forse.

STORIA

La storia del Gran Premio di Turchia è molto recente, con appena tre edizioni nell’albo d’oro. Ad Afyonkarahisar, come detto, si è già corso nel biennio 2018-2019 con il doppio successo di Herlings in MXGP e le vittorie di Thomas Covington e Jorge Prado in MX2. Naturalmente, per il Gran Premio di Afyon sarà la prima edizione in assoluto.

La prima edizione iridata del Gran Premio di Turchia iridato risale però al 2009 sul tracciato di Istanbul e fa parecchio specie osservare i due vincitori di quel giorno. Nella allora MX1 fu Antonio Cairoli a prevalere, al suo primo successo di quella che sarebbe stata la sua prima stagione trionfale nella classe regina, ancora in sella alla Yamaha, mentre in MX2 arrivò l’unica vittoria iridata del campione uscente del National 450cc, Zach Osborne, sempre in sella ad una moto dei Tre Diapason.

IN TELEVISIONE

L’unico modo per seguire le gare di domenica in diretta saranno le piattaforme di streaming MXGP TV ed Eurosport Player, a causa di concomitanze con le Paralimpiadi e con l’ultima tappa della Vuelta a España ciclistica che occuperanno i palinsesti di RaiSport ed Eurosport. La rete di Stato trasmetterà le due manche della MXGP domenica sera, mentre l’emittente satellitare riproporrà tutto il programma lunedì mattina.

Per quanto riguarda le gare di mercoledì, sia per quanto riguarda la Rai che Eurosport, verranno trasmesse live le prime manche e in differita le seconde.

2021 Bitci MXGP of Turkey
2021 Bitci MXGP of Afyon
Afyon Motor Sports Center
Round 8-9/18
5 e 8 settembre 2021

MXGP | GP Turchia e GP Afyon 2021 - Anteprima

INFO CIRCUITO

Lunghezza del circuito: 1,725 km
Tempo di gara: 30 minuti + 2 giri
Numero di curve: 20
Senso di marcia: antiorario
Superficie: duro

RECORD

NB: record ed albo d’oro si riferiscono al solo Gran Premio di Turchia poiché si tratta della prima edizione del Gran Premio di Afyon.

Giro gara MXGP 2019: 1:48.954 – Jeffrey Herlings – KTM
Giro gara MX2 2019: 1:52.741 – Jorge Prado – KTM
Giro prova MXGP 2019:  1:43.824 – Jeffrey Herlings – KTM
Giro prova MX2 2019: 1:45.925 – Jorge Prado – KTM
Vittorie pilota MXGP: 2 – Jeffrey Herlings
Vittorie costruttore MXGP: 2 – KTM
Podi pilota MXGP: 2 – Jeffrey Herlings
Podi costruttore MXGP: 3 – KTM
Vittorie pilota MX2: 1 – Zach Osborne, Thomas Covington, Jorge Prado
Vittorie costruttore MX2: 1 – Yamaha, Husqvarna, KTM
Podi pilota MX2: 1 – 9 piloti
Podi costruttore MX2: 2 – Husqvarna, KTM, Yamaha, Kawasaki

ALBO D’ORO

MXGP

MXGP | GP Turchia e GP Afyon 2021 - Anteprima

MX2

MXGP | GP Turchia e GP Afyon 2021 - Anteprima

PROGRAMMA

Domenica 5 settembre
9:15-9:35 (8:15-8:35) Prove Libere MX2
9:40-10:05 (8:40-9:05) Qualifiche MX2
10:15-10:35 (9:15-9:35) Prove Libere MXGP
10:40-11:05 (9:40-10:05) Qualifiche MXGP
12:15 (11:15) Gara-1 MX2 – Eurosport Player (lunedì 6/9 11:30 Eurosport 2)
13:15 (12:15) Gara-1 MXGP – Eurosport Player (17:50 RaiSport, lunedì 6/9 12:00 Eurosport 2)
15:10 (14:10) Gara-2 MX2 – Eurosport Player (lunedì 6/9 12:30 Eurosport 2)
16:10 (15:10) Gara-2 MXGP – Eurosport Player (21:00 RaiSport, lunedì 6/9 13:00 Eurosport 2)

Mercoledì 8 settembre
9:15-9:35 (8:15-8:35) Prove Libere MX2
9:40-10:05 (8:40-9:05) Qualifiche MX2
10:15-10:35 (9:15-9:35) Prove Libere MXGP
10:40-11:05 (9:40-10:05) Qualifiche MXGP
12:15 (11:15) Gara-1 MX2 – Eurosport 2, Eurosport Player
13:15 (12:15) Gara-1 MXGP – RaiSport, Eurosport 2, Eurosport Player
15:10 (14:10) Gara-2 MX2 – Eurosport Player (16:45 Eurosport 2)
16:10 (15:10) Gara-2 MXGP – Eurosport Player (17:00 RaiSport, 17:15 Eurosport 2)

NB: tra parentesi gli orari italiani.

Immagine copertina: mxgp.com

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM