Motomondiale | SRT chiude i battenti a fine 2021

La struttura malese non si iscriverà al campionato 2022. A Misano verrà annunciata la creazione di una nuova squadra, condotta ancora da Razali.


A seguito dell’addio del title sponsor Petronas, anche la squadra Sepang Racing ha deciso di lasciare in toto il Motomondiale. Dopo sette stagioni passate nel Circus, cinque insieme al colosso petrolifero e tre dal debutto in MotoGP, si è deciso di chiudere un progetto che, in un breve lasso di tempo, ha comunque lasciato il segno (soprattutto in classe regina).

La decisione era già nell’aria da un po’ di tempo, ovvero da quando c’è stata la separazione con Petronas. Senza l’appoggio di uno sponsor di questa portata era prevedibile un forfait (anche solo parziale) della squadra condotta da Razlan Razali; tuttavia, l’addio in forma completa andrà a scombussolare nuovamente le carte in tavola del mercato piloti e team.

L’addio di SRT, però, non significherà che Razali resterà con le mani in mano per il 2022. Nel weekend del 16 settembre, quello del Gran Premio di San Marino a Misano Adriatico, verrà annunciata la creazione di una nuova struttura, che subentrerà a SRT e con ancora l’appoggio di Yamaha. Anche l’attuale direttore del team Johan Stigefelt proseguirà con Razali nel nuovo gruppo di lavoro.

Queste le parole del team manager ed ex-CEO del tracciato di Sepang: “Abbiamo vissuto un viaggio da ricordare negli ultimi anni. Da un inizio in sordina nel 2015 c’è stato un grosso step per noi nel 2018, quando ci siamo assicurati l’ingresso nella top class del Motomondiale ed abbiamo costruito una squadra MotoGP dal nulla. Nel 2019 eravamo in griglia ed in appena quattro gare, durante la nostra stagione di debutto, eravamo in prima fila. Giunti alla settima gara eravamo a podio. Nel 2020 abbiamo ottenuto la prima vittoria per un team satellite di Yamaha in MotoGP dopo oltre vent’anni ed abbiamo terminato secondi nei campionati piloti e squadre. Nel 2021 abbiamo corso col più grande pilota di tutti i tempi, Valentino Rossi. Questa è una storia incredibile”.

“Il team disputerà la propria gara conclusiva a Valencia e noi ringraziamo tutto il nostro gruppo, i nostri piloti, i nostri fan e i partner per il loro supporto. In particolare ringraziamo Petronas, senza il quale niente di tutto questo sarebbe stato possibile. Insieme abbiamo spinto il brand Petronas e le abilità malesi in cima alle classifica ed abbiamo ottenuto un’esposizione ed una copertura per il brand senza eguali, superando esponenzialmente tutte le nostre aspettative”.

“Vogliamo inoltre ringraziare il circuito internazionale di Sepang per la loro visione ed il loro supporto per i talenti malesi in rampa di lancio sul lungo periodo. Il nostro sogno comune era di avere un pilota malese in grado di competere per dei podi nel campionato mondiale MotoGP. Purtroppo non siamo stati in grado di riuscirci nella breve vita di questa squadra, ma possiamo osservare gli incredibili successi ottenuti da qualunque altra angolazione. La nostra stagione finale non ha ancora raggiunto la sua conclusine e noi continuiamo a lottare per il miglior risultato possibile in tutt’e tre le categorie. Grazie a tutti”.

Anche Johan Stigefelt si è pronunciato: “Grazie a Petronas per l’opportunità dataci in questi ultimi tre anni e per tutto ciò che abbiamo realizzato insieme. Sono dispiaciuto che non siamo stati in grado di continuare questo progetto, poiché abbiamo creato un team grandioso in tutt’e tre le categorie del Motomondiale in un periodo di tempo così corto e la nostra visione era di renderlo un progetto a lungo termine. Abbiamo lavorato con un personale incredibile, dei piloti fantastici ed abbiamo goduto del supporto di grandi partner e di tifosi meravigliosi, perciò offriamo la nostra sentita gratitudine a tutti loro”.

“Grazie anche al circuito internazionale di Sepang, con cui la relazione prosegue dal 2015. Insieme siamo cresciuti da una piccola squadra a due piloti in Moto3 ad uno dei team più grandi che siano mai esistiti nel paddock MotoGP. Sono fiero di aver partecipato a questo viaggio insieme e senza il tracciato di Sepang questo non sarebbe stato possibile”.

“In quanto squadra abbiamo ottenuto la nostra prima vittoria in Moto3 a Le Mans con John McPhee nel 2019 ed abbiamo subito ottenuto la nostra prima pole position in MotoGP al GP di Spagna con Fabio Quartararo a Jerez quello stesso anno. Abbiamo conquistato sei vittorie in altrettante gare MotoGP con Fabio e Franco Morbidelli nel 2020. Abbiamo ricordi incredibili degli ultimi tre anni, ma ora guardiamo al resto di questa stagione per concludere l’anno nella maniera migliore possibile”.

“In particolare voglio davvero ringraziare tutti i membri delle squadre Moto2 e Moto3, i quali non sono solo colleghi ma sono diventati veri amici in questi ultimi anni. Per me è davvero difficile dire addio a tutte queste persone, dato che hanno tutti dato un contributo cruciale al nostro successo e alla struttura che abbiamo costruito insieme in questi anni. Voglio ringraziare specialmente loro”.

“Per il futuro abbiamo un nuovo ed entusiasmante progetto. Rimarremo nel paddock della MotoGP con delle nuove magliette da indossare. Ma di questo parleremo più avanti; per ora abbiamo le gare rimanenti della stagione 2021 da disputare al meglio possibile. Grazie a tutti”.

All’annuncio della nuova struttura potrebbe esser anche annunciato il nuovo title sponsor, il quale potrebbe essere WithU. Sul fronte piloti, le voci su un ritorno di Dovizioso sulla Yamaha clienti si sono fatte più insistenti ultimamente, mentre la situazione per la seconda sella è ben più nebulosa.

Fonte immagine: sepangracingteam.com

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM