Motomondiale | Niente GP della Repubblica Ceca per il 2021

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il prossimo anno la storica pista di Brno non ospiterà il Circus del Motomondiale. Impossibile sostenere i costi per migliorare l’asfalto.


E’ dal 1965 che il tracciato Masaryk di Brno ospita un Gran Premio del Motomondiale, quando ancora la Repubblica Ceca non esisteva e la nomea della gara era “GP di Cecoslovacchia”. Non si è trattata di una permanenza in calendario continua, ma da quasi trent’anni questa gara è considerata come una delle tappe irrinunciabili per il Circus delle due ruote.

Nel 2021 non sarà così: il sindaco della città di Brno, Markéta Vaňková, ha annunciato come il prossimo anno il Motomondiale non farà capolino nel paese ceco. La decisione è stata presa dal Consiglio della città, con trentasei voti a favore della cancellazione dell’evento e sette deputati astenuti.

Queste le parole del sindaco: “Devo dire che mi dispiace per la decisione presa, perché significa che nell’anno 2021 la gara non si terrà, e per un semplice motivo: non abbiamo abbastanza soldi per una riparazione completa della pista, come richiesto da Dorna”. Markéta si riferisce alle cento milioni di corone ceche richieste per l’ammodernamento dello stabile e il miglioramento dell’asfalto di Brno; in euro equivalgono a quasi quattro milioni.

Su questo punto aggiunge: “Sarebbe plausibile pagare per questa correzione se avessimo la prospettiva di un altro quinquennio, ma le condizioni che ci fornisce Dorna, cioè nove milioni di euro all’anno, sono per noi inaccettabili nella situazione attuale. In cinque anni, ciò significherebbe un importo di 1,4 miliardi di corone, e nella situazione attuale non riesco a immaginare come impegneremmo la città e la regione a finanziare in qualche modo una somma così grande”. Poi l’attenzione passa ai fondi non ricevuti dal Ministero dello Sviluppo Regionale per il biennio 2020-2021: “Ci avevano promesso ottantacinque milioni di corone, supponendo che la gara 2020 avrebbe avuto luogo. L’importo complessivo del canone di quotazione per gli anni 2020 e 2021 è di sette milioni di euro. Finora non abbiamo ricevuto denaro dallo Stato, quindi non dobbiamo restituirne”.

L’unica flebile speranza per gli appassionati di avere un Gran Premio sarebbe rappresentata dal Consiglio Regionale della Moravia meridionale, ma il presidente Jan Grolich ha confermato la sua volontà di appoggiare le scelte della città di Brno.

Un ulteriore punto spinoso tra Brno e Dorna è rappresentato dalla tassa d’iscrizione per l’inserimento del Gran Premio nel calendario 2021. Sulla carta il GP non è mai stato inserito nella bozza rilasciata poco tempo fa, ma il governo ceco ha timore di dover pagare anche questa somma, pari ad altri sei milioni di euro (quasi 160 milioni in corone ceche).

Nel calendario MotoGP 2021, lo spazio dell’undicesimo round resta dunque ancora vuoto. A prenderlo potrebbe essere uno dei tre candidati rimasti in panchina, ovvero Russia, Indonesia o Portogallo.

Fonte immagine: motogp.com

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE