Motomondiale | Incendio all’Autodromo di Termas de Rio Hondo

Moto2Moto3MotoGP
Tempo di lettura: 2 minuti
di Alyoska Costantino @AlyxF1
7 Febbraio 2021 - 14:39
Home  »  Moto2Moto3MotoGPMotomondiale

Gravi i danni della zona box. Un cortocircuito potrebbe aver causato l’incidente.


Nella giornata di ieri, all’Autodromo internazionale di Termas de Rio Hondo in Argentina, un incendio ha divampato nel palazzo che costituisce la zona box della pista, danneggiandola sensibilmente.

Il suddetto palazzo comprendeva anche la sala stampa, la stanza dedicata alla Direzione Gara e la sala v.i.p., e anche le condizioni climatiche, con un forte vento che ha alimentato le fiamme, non hanno dato una mano ai vigili del fuoco per domare l’incendio.

Fortunatamente non ci sono state vittime e anche le zone adiacenti ai box, ovvero il museo dell’Automobile e la torre di controllo, non hanno subìto gravi danni.

A confermarlo è, tramite comunicato, Héctor Farina, direttore generale dell’autodromo: “Purtroppo l’intero edificio dei box è stato distrutto dall’incendio che si è verificato nelle ultime ore in pista, quel settore comprendeva anche le sale stampa, la Direzione Gara e i salotti per i v.i.p. Sia il museo che la torre di controllo alle estremità, insieme ad altri uffici e al mini-ospedale, non hanno subito danni significativi. Il Museo dell’Automobile riaprirà al pubblico nei prossimi giorni. L’autodromo è completamente assicurato contro gli incendi, quindi la questione dei danni economici è coperta in questo senso, ma sicuramente ci vorrà molto tempo per ricostruire quell’importante area necessaria per le competizioni nazionali e internazionali. Grazie a Dio, non ci son state vittime da piangere e vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno dato una mano durante questo incidente che ha generato momenti di grande pericolo a causa del vento che offiava. Mille grazie ai vari vigili del fuoco, agenti di polizia, personale municipale e lavoratori in pista. Hanno fatto tutto il possibile per prevenire ulteriori danni. D’ora in poi lavoreremo per fare tutto il possibile per rispettare i programmi che abbiamo pianificato, inclusa la MotoGP a novembre”.

Nel comunicato non sono state specificate le cause, perciò ufficialmente queste non si conoscono. Si è conoscenza di come l’incendio sia divampato poco dopo le 22:00 del giorno 5 febbraio (ora argentina), mentre l’ipotesi più accreditata dall’indagine attualmente in corso parrebbe un cortocircuito.

Va inoltre specificato che, secondo il giornale locale “La Nacion“, i danni sostenuti dall’Autodromo sono ben maggiori rispetto a quelli dichiarati da Farina. Questi equivarrebbero all’80% delle infrastrutture del tracciato e l’incidente è stato descritto dai pompieri intervistati come un disastro.

Fonte immagine: rsi.ch

Leggi anche

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO