Motomondiale | Il campionato potrebbe tornare in Brasile

Motomondiale | Il campionato potrebbe tornare in Brasile

La MotoGP e l’intero panorama del Motomondiale non approda nella terra brasiliana dal 2004, anno in cui vinse Makoto Tamada sulla Honda sponsorizzata Camel. Nel 2021, a distanza di diciassette anni, il Circus a due ruote potrebbe tornare a Rio de Janeiro per il GP del Brasile: un accordo preliminare firmato da Dorna stessa con Rio Motorsports vedrebbe un ritorno in calendario del paese sudamericano, e la costruzione di una nuova pista adatta alle moto dopo la demolizione di Jacarepaguá.

Queste le parole del JR Pereira, COO della federazione brasiliana: “I brasiliani hanno sempre vissuto il MotoGP con grande entusiasmo, siamo lieti che Dorna torni a essere interessata al nostro paese e speriamo che la nostra città possa tornare a ospitare un GP”.

Ha risposto così Carmelo Ezpeleta per Dorna Sports: “Saremo molto felici di riportare il MotoGP in Brasile. È una notizia fantastica per i tifosi del Campionato del Mondo. Abbiamo uno sport, un paddock e delle scuderie veramente globali e aggiungere un altro paese al nostro calendario è sempre qualcosa a cui aspirare. Sarebbe un piacere per il MotoGP correre in un continente noto per la sua passione”.

L’ultimo pilota di origine brasiliana a correre nella classe regina è stato il paulista Alex Barros, vincitore di sette Gran Premi nel Motomondiale.

Qui la notizia ufficiale.

Fonte immagine: motogp.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,513FansLike
868FollowersFollow
1,634FollowersFollow
Motomondiale | Il campionato potrebbe tornare in Brasile 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE