Motomondiale | GP Qatar 2020, sintesi prove libere del venerdì

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

La prima giornata di prove libere dell’annata di Motomondiale si è conclusa da pochi minuti, con Moto2 e Moto3 che hanno concluso regolarmente le proprie FP sulla pista di Losail. Partendo dalla classe di mezzo, a concludere in testa nella classifica combinata c’è Joe Roberts per il team American Racing: a sorpresa, il californiano ha staccato il miglior crono di 1:58.421 (nuovo record della pista per la categoria, già sotto la pole dello scorso anno), distanziando di due decimi il primo degli inseguitori. L’exploit del #16 conferma anche il grande equilibrio presente nella categoria, con sedici piloti entro i nove decimi di distacco.

In seconda e terza posizione troviamo, con un distacco tra i due e i tre decimi, i piloti dello Sky VR46 Racing team, con il nuovo arrivato Marco Bezzecchi a guidare la coppia davanti al più esperto Luca Marini. Durante il secondo turno i due italiani hanno girato in coppia e si sono dati il cambio nel fare traino, segno forse di come si stesse già provando qualche simulazione di gara nella squadra di Valentino Rossi. Entrambi hanno firmato il proprio miglior tempo nel turno in notturna, come un buon 80% dei partecipanti.

Nelle prime dieci posizioni le sorprese non mancano: in quarta posizione troviamo la prima delle due Kalex brandizzate KTM Red Bull, a sorpresa quella di Tetsuta Nagashima che si è messo dietro anche il più blasonato compagno Martín (decimo a 0.2 secondi dal compagno). Al quinto posto Xavi Vierge per il team Petronas, poi Augusto Fernández (protagonista di una caduta che non gli ha permesso di concludere il turno finale) e addirittura la NTS di Bo Bendsneyder al settimo posto. Concludono la top ten due italiani, Enea Bastianini (scivolato in curva 6 al mattino) e Nicolò Bulega.

In 11a posizione troviamo il primo pilota della classifica che ha stampato il suo miglior tempo in classifica nella FP1. Thomas Lüthi aveva iniziato bene il suo weekend di gara col primo posto al mattino, ma è stato protagonista di ben due cadute nel turno serale, una alla curva 4 e una a pochi secondi dalla fine alla 2. Nonostante questo, lo svizzero pare avere il posto in Q2 assicurato, mentre è un po’ più a rischio la situazione dei tre piloti alle sue spalle, con Jorge Navarro, Marcel Schrötter e Arón Canet dentro per pochi millesimi sul vincitore della scorsa edizione, Lorenzo Baldassarri. Per il debuttante spagnolo la FP1 è andata molto bene col terzo tempo assoluto, ma ora c’è da sperare che la FP3 presenti, come probabile, condizioni di asfalto più calde e meno favorevoli per un attacco al tempo.

Alcuni nomi di rilievo, sia tra team che piloti, sono momentaneamente fuori: Sam Lowes, sulla seconda Kalex del team Marc VDS, ha iniziato col piede sbagliato la sua nuova avventura con la squadra belga con il 20° posto assoluto, dopo due turni senza nemmeno un guizzo. Difficoltà anche per Héctor Garzó al via della sua prima stagione completa di Moto2, solo 24° e dietro al debuttante Ramírez e all’esperto Simone Corsi su MV Agusta. Fuori anche alcuni nomi azzurri di spessore: come detto in precedenza, Baldassarri partirà dalla Q1 a meno di un miracolo nella FP3 di domani e lo stesso vale per Fabio Di Giannantonio che si trova 17°. Grossa delusione di questa prima giornata è il campione del mondo della Moto3 Lorenzo Dalla Porta, addirittura 28°.

Nella Moto3 il miglior tempo a fine giornata se l’è aggiudicato Raul Fernandez con la KTM del team Red Bull Ajo, davanti a un’altra moto della Casa di Mattighofen, quella del team CIP condotta da Darryn Binder. A differenza dello scorso anno, tra le due case della classe leggera pare esserci più equilibrio, con l’inserimento della Husqvarna che troviamo in nona posizione con Romano Fenati e in 21a con Alonso López.

Terza posizione per il leader della classifica del mattino, Sergio García che corre qui per la prima volta essendo stato assente, per il limite d’età, al GP del Qatar 2019. Lo spagnolo pare visibilmente rinvigorito dalla vittoria ottenuta a Valencia lo scorso anno e ha messo in piedi anche una discreta differenza nei confronti del suo nuovo compagno di team, Ryusei Yamanaka (24°). Nelle prime posizioni anche i due giapponesi ex-compagni di squadra, Ogura e Toba, in quarta e quinta posizione con quattro decimi di ritardo.

Per trovare due dei piloti che aspirano al mondiale si deve scendere poco più in basso, con Tony Arbolino al sesto posto e Jaume Masia all’ottavo: il primo è stato costantemente nelle prime posizioni dei due turni tanto da trovarsi a far da traino ad altri piloti in più occasioni, mentre il secondo sta prendendo confidenza del nuovo mezzo, ritrovandosi in classifica alle spalle del suo ex-compagno di box, Andrea Migno (caduto al mattino in curva 6). Sia Arbolino che Masia hanno fatto una grossa differenza sui rispettivi compagni, con Filip Salač 19° e Dennis Foggia 22° sulle altre due Honda Snipers e Leopard.

Ottima decima posizione per Deniz Öncü, nonostante il distacco piuttosto pesante dal compagno di marca Fernandez di oltre sette decimi, ma per la squadra Tech3 si tratta di una grossa boccata d’ossigeno dopo un 2019 in Moto2 decisamente più sottotono. Chiudono la lista degli entranti virtuali in Q1 John McPhee, Celestino Vietti e due debuttanti, Yuki Kunii e Carlos Tatay. Molti i volti degni di nota attualmente fuori: 15° è Tatsuki Suzuki per il team SIC58 Ongetta (uno dei pochissimi ad aver fatto segnare il suo miglior tempo al mattino anziché al pomeriggio), mentre poco più indietro troviamo Gabriel Rodrigo e Albert Arenas, rispettivamente in 17a e 18a piazza.

Qui i risultati della FP1 e FP2 Moto2, FP1 e FP2 della Moto3 e le rispettive combinate delle classi intermedia e leggera.

Fonte immagine: motogp.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Motomondiale | GP Qatar 2020, sintesi prove libere del venerdì 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE