Motomondiale | GP Qatar 2020, sintesi del warm-up

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Si sono da poco concluse le ultime prove collettive antecedenti al Gran Premio del Qatar 2020, che sarà disputato, come oramai ben risaputo, solo da Moto2 e Moto3. Questi warm-up, ancor più di altri casi, sono però da prendere con le pinze, poiché si sono svolti con condizioni meteo, di asfalto e anche solo di luminosità totalmente diverse da quelle che vedremo questo pomeriggio, quando si darà il via al primo GP di questo decennio di Motomondiale.

Partiamo dalla Moto2. Il turno di riscaldamento della classe di mezzo è andato a favore di Tetsuta Nagashima per il team Ajo KTM, primo in 1:59.565; il tempo, per quanto buono, è comunque lontano oltre un secondo da quelli fatti durante la FP2, la sessione più affidabile in termini di passo visto. In seconda posizione troviamo la prima Speed Up guidata da Jorge Navarro, staccato di circa un decimo dal giapponese e con un ulteriore decimo di vantaggio rispetto al poleman Joe Roberts.

L’americano pare esser deciso a puntare sulla gomma morbida anteriore per la gara, scelta rischiosa viste le condizioni di pista che si troveranno e la lunghezza del GP stesso. Sul passo c’è chi potrebbe mettere in difficoltà il pilota di American Racing: Augusto Fernández (quarto) e Marco Bezzecchi (quinto), staccati di quasi tre decimi da Nagashima e di sette millesimi tra loro, possono considerarsi tra i favoriti per la gara, nonostante posizioni di partenza non proprio eccezionali. Piuttosto indietro Luca Marini in questa sessione, solo 15°.

Il terzo partente dalla prima fila, il nostro Enea Bastianini, si è classificato al settimo posto questa mattina, ma il passo che aveva fatto vedere venerdì sera era tutto meno che esaltante, perciò dovrà trovare qualcosa in più durante la gara. I primi nove piloti del warm-up sono tutti sceso sotto il muro dei due minuti, tra questi troviamo Canet, Gardner e Schrötter. Chiude la top ten, con un 2:00.012, Nicolò Bulega.

Nella Moto3 a comandare la classifica è il pilota che era stato in testa anche nelle combinate delle prove libere e che partirà dalla seconda casella questo pomeriggio. Raul Fernandez sembra che stia beneficiando dei miglioramenti applicati alla KTM della classe leggera, con anche il compagno Toba nelle prime posizioni del turno di riscaldamento, per la precisione all’ottavo posto; ottima mattinata per tutto il team Ajo, che guida entrambi i warm-up. Tra di loro spuntano un bel numero di Honda, due guidate da italiani: Tony Arbolino e Dennis Foggia hanno chiuso un buon turno al terzo e quarto posto dietro a John McPhee e davanti ad Albert Arenas e Gabriel Rodrigo. Risalgono anche le Husqvarna in questa sessione, con Alonso López 11° e Romano Fenati 13°.

Meno bene le moto dello Sky VR46: Celestino Vietti si trova in mezzo alle due moto del team di Max Biaggi, mentre Andrea Migno è ancora più indietro in 18a posizione. In generale, eccetto per il team Ajo, le moto della Casa di Mattighofen si sono dimostrate più lente delle Honda con le alte temperature, trend che potremmo vedere anche nel resto della stagione. Turno difficile anche per Jaume Masia (20°), Deniz Öncü (16°) e Carlos Tatay (21° e protagonista di una caduta).

Qui troverete i risultati del WUP Moto3 e quelli per la Moto2.

Fonte immagine: motogp.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Motomondiale | GP Qatar 2020, sintesi del warm-up 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE