Motomondiale | GP Olanda 2022, sintesi delle FP3

Moto2Moto3MotoGP
Tempo di lettura: 5 minuti
di Alyoska Costantino @AlyxF1
25 Giugno 2022 - 11:55
Home  »  Moto2Moto3MotoGPMotomondiale

Aleix Espargaró al comando in 1:32.1, velocissimo anche Viñales con la Soft (terzo). Quartararo secondo, Bagnaia settimo. In Q1 diversi big.


Finalmente su Assen è rispuntato il sole nella FP3 di questo GP Olanda 2022, permettendo ai piloti delle tre categorie di dimostrare il proprio vero potenziale in vista di una gara che, si spera, possa essere asciutta. E’ stata anche la giusta occasione per notare i veri valori in campo di questo fine settimana.

MotoGP

Nella MotoGP, ad esempio, è stata l’Aprilia a fare la parte del leone in questa terza sessione. Nonostante una caduta a due minuti dalla fine in curva 3 (forse causata da una moto troppo bassa), Aleix Espargaró ha concluso la mattinata al comando in 1:32.164, precedendo di poco anche il compagno Maverick Viñales. “Top Gun” è terzo a meno di un decimo dal “Capitano” e, dal Sachsenring, sembrerebbe aver trovato quel qualcosa in più che potrebbe permettergli di stare con più costanza insieme ad Espargaró.

Fabio Quartararo si ritrova secondo e chiuso nella morsa dei due piloti di Noale. Nonostante qualche difficoltà nel cambio di direzione della chicane ed anche delle scaramucce con altri piloti più lenti in pista, “El Diablo” rimane il favorito del fine settimana.

Fa comunque specie come anche ad Assen, pista storicamente amica della Yamaha, ci sia una sola M1 nelle prime posizioni, mentre Franco Morbidelli (vittima di una brutta scivolata alla Ramshoek e penalizzato per la gara di domani) è solo 13°. Addirittura 19° Andrea Dovizioso, mentre Darryn Binder occupa l’ultimo posto.

Una sola Suzuki direttamente in Q2, quella guidata da Álex Rins. Al rientro dall’assenza dalla gara del Sachsenring, il #42 ha resistito al dolore al polso e ha stampato il quarto tempo in 1:32.3. Fino agli ultimi minuti anche il suo compagno Joan Mir era in lizza per entrare direttamente nella sessione 2 di qualifica, ma è stato scalzato da Jack Miller e dovrà quindi superare lo scoglio della Q1.

Quello di Mir non è l’unico nome grosso ad affrontare la prima sessione. Oltre alle due KTM ufficiali di Brad Binder e Miguel Oliveira (rispettivamente 14° e 15°), ci sarà in Q1 anche Enea Bastianini, il quale nemmeno ad Assen pare abbia ritrovato il suo stato di forma migliore di inizio stagione. La “Bestia” è stata anche svantaggiata dalle tante bandiere gialle negli ultimi minuti, ma si è complicata a sua volta la vita con una brutta scivolata alla Ruskenhoek.

Parlando di Ducati, ne troviamo ben cinque nei primi dieci, ma stavolta non a monopolizzare le prime posizioni. Marco Bezzecchi, infatti, guida un treno di Desmosedici che va dalla sesta alla decima posizione, comprendente anche Francesco Bagnaia (leader ieri pomeriggio), Jorge Martín, Johann Zarco  e Jack Miller. 12° Fabio Di Giannantonio, 16° Luca Marini.

A sorpresa, l’ultimo posto in Q2 l’ha ottenuto Takaaki Nakagami, con l’unica Honda nelle prime posizioni. Il weekend della Casa dell’Ala Dorata si era già messo male con la rinuncia di Pol Espargaró dal correre il GP Olanda per via dei postumi per l’incidente al Sachsenring in FP1, ma il nipponico è riuscito a metterci una pezza concludendo quinto con un ultimo giro lanciato tiratissimo e chiuson in 1:32.3, a meno di 0”2 da Espargaró al comando.

Il pilota LCR, secondo quanto detto da Lucio Cecchinello, ha dovuto apportare delle modifiche estreme per cercare il bandolo della matassa, ma queste non hanno comunque funzionato per Álex Márquez e Stefan Bradl. Il fratello minore di Marc è 20°, due posizioni più avanti rispetto al tedesco.

Moto2

Augusto Fernández Guerra è stato il più rapido nella FP3 della Moto2 in 1:37.115, precedendo Albert Arenas di 0”065, Anche in questa sessione i distacchi sono stati piuttosto ristretti e la top ten è racchiusa in soli 0”4.

Bo Bendsneyder, pilota di casa, completa la top tre a 0”1 dallo spagnolo del team Ajo, mentre il primo dei contendenti al titolo è Ai Ogura al quarto posto. Tony Arbolino occupa la quinta piazza, ma anche Celestino Vietti, leader del mondiale, è riuscito a passare in Q2 direttamente con l’11° tempo. La notizia più importante è però il forfait di Arón Canet, col naso ancora sanguinante e che non gli permette di guidare adeguatamente: il pilota Pons non correrà domenica.

Moto3

La Moto3 è stata la prima a saggiare l’asfalto più caldo di questo sabato ed il più veloce a fine turno è stato Izan Guevara in 1:41.526, tempo decisamente più veloce di quelli fatti fino a ieri con l’asfalto umido. Il duello interno nel box Aspar è continuato e Sergio García ha completato una sessione comunque buona al terzo posto, anche se a 0”2 dal compagno.

In mezzo, a panino tra le due GasGas, troviamo Dennis Foggia sulla sua Honda Leopard. Anche il team lussemburghese ha completato un’ottima FP3 piazzando entrambi i piloti in top five e dunque nel Q2, con Tatsuki Suzuki quinto a mezzo secondo da Guevara. Sesto Ayumu Sasami, protagonista di un salvataggio alla curva 8 quando ha evitato Lorenzo Fellon, cadutogli davanti.

Qui i risultati della FP3 MotoGP, il cronologico dei piloti e la classifica combinata delle tre sessioni di Assen.

Fonti immagini: aprilia.com, ajo.fi, teamaspar.com

Leggi anche

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

LE ULTIME DI CATEGORIA

I Commenti sono chiusi.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO
RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live