Motomondiale | GP Giappone 2022, sintesi delle FP1

Alyoska Costantino - 23 Settembre 2022 - 22:43

“Doppietta” Ducati Lenovo con Jack Miller al comando su Bagnaia, lotta all’ultimo millesimo sin dalla FP1 MotoGP. Quartararo terzo, caduta di Bastianini in curva 5.


L’atipico venerdì del Motomondiale in vista del GP Giappone 2022 è terminato dopo una sola prova libera per le tre categorie, visto il programma ridotto a cui Dorna e FIM hanno deciso di fare affidamento per il ritorno a Motegi. Una scelta parecchio discutibile, anche in vista di un sabato con condizioni meteo che si preannunciano proibitive.

MotoGP

Questa situazione ha reso la FP1 delle tre classi di vitale importanza per fare subito un tempo sul giro da primato, soprattutto in MotoGP. Nonostante le premesse del weekend con una Yamaha che sarebbe dovuta essere più vicina, a guidare la classifica finale sono state due Ducati ufficiali, con Jack Miller primo in 1:44.509 e Francesco Bagnaia secondo a meno di tre centesimi.

Già con questo primo turno, tra l’altro reso complicato anche da qualche spruzzo di pioggerellina proveniente dal cielo uggioso di Motegi, Miller e gli altri piloti si sono avvicinati parecchio al record della pista del 2015 e realizzato da Jorge Lorenzo, segno che i margini di miglioramento dei tempi ci sarebbero. Tuttavia, le qualifiche con molta probabilità saranno funestate dal maltempo.

E’ ciò in cui spera Fabio Quartararo, terzo nella classifica odierna sulla sua Yamaha. Il leader del mondiale ha già ammesso che, in condizioni di perfetto asciutto, le Ducati saranno nuovamente un grosso ostacolo per la vittoria e solo un weekend in condizioni bagnate potrebbe offrire una chance a “El Diablo”.

I primi quattro sono racchiusi in meno di un decimo ed il quarto posto è andato al terzo contendente iridato, Aleix Espargaró. Il #41 ha rifilato 0″2 al compagno Maverick Viñales (decimo), ma come per Quartararo la situazione è la stessa delle ultime gare, essendo mezzo passo indietro alle Desmosedici.

Luca Marini porta la terza GP22 in top five, davanti a due coppie di piloti ufficiali. La prima è quella del team Honda Repsol, con Marc Márquez davanti a Pol Espargaró: la pista di Motegi sta nascondendo le difficoltà delle RC213V e la Casa di Tokyo non poteva sperare in qualcosa di meglio per una possibile ripresa. Discorso simile anche per KTM Red Bull, con Brad Binder ottavo e Miguel Oliveira nono.

Il vincitore di Aragón, Enea Bastianini, è solo 14°. Il suo turno è stato fortemente compromesso da una scivolata in curva 5 che ha provocato seri danni alla sua Ducati, ruzzolata malamente nella ghiaia. Con tutta probabilità la “Bestia” sarà condannata a svolgere la Q1. Come lui altri big come Morbidelli, Rins o i piloti Pramac, mentre Joan Mir ha dato forfait e non ha svolto la FP1.

Moto2

Motomondiale | GP Giappone 2022, sintesi delle FP1

Dopo il terzo posto di Aragón, anche in territorio nemico Augusto Fernández Guerra ha di nuovo vestito la parte del leone, ottenendo il miglior tempo in 1:50.493. Somkiat Chantra occupa la seconda posizione a meno di un decimo.

Rispetto alla MotoGP qui i distacchi sono decisamente meno risicati e figli anche di una sessione condizionata da qualche gocciolina, ancor più di quanto successo nella FP1 della top class. L’alternanza KTM Ajo-Honda Asia è proseguita anche alle spalle di Fernández e Chantra, con Pedro Acosta a precedere l’altro contendente all’iride Ai Ogura, sulla pista di casa. Male Celestino Vietti, solo 21°.

Moto3

Motomondiale | GP Giappone 2022, sintesi delle FP1

Tra i tanti rookie presenti solo pochi nella griglia Moto3 hanno potuto saggiare il tracciato di Motegi nella loro vita, eppure stupisce come il primo classificato sia un debuttante assoluto. Diogo Moreira ha ottenuto il miglior tempo in 1:57.252, battendo Dennis Foggia (secondo) di quasi 0″2.

L’inerzia del momento continua ad avvantaggiare Izan Guevara nella sfida iridata interna al box Aspar. Il dominatore del GP d’Aragona ha terminato in settima posizione, mentre il suo compagno Sergio García è decisamente più staccato col 17° tempo, ad 1″1 di distacco (primo pilota oltre la soglia del secondo nella classifica dei tempi) e virtualmente in Q1.

Qui i risultati della FP1 MotoGP, insieme ai run dei piloti.

Fonti immagini: ducati.com, ajo.fi