Motomondiale | GP Giappone 2022, sintesi dei warm-up

di Alyoska Costantino @AlyxF1
25 Settembre 2022 - 04:32

Splende il sole su Motegi, Jorge Martín si prende il primo posto nel warm-up MotoGP. Quartararo secondo, Bagnaia quarto; dubbi sulla scelta della gomma.


Dopo due giorni tra freddo e pioggia, in Giappone pare di essere tornati all’estate, seppur solo per una domenica. Il GP Giappone 2022 è in procinto di iniziare e i warm-up che le tre classi del Motomondiale hanno affrontato sono stati cruciali per tornare agli automatismi permessi da un asfalto completamente da gomma slick. 

MotoGP 

L’attenzione maggiore è rivolta alla top class dove, con l’asfalto in condizioni ottimali, si è tornati ad osservare i valori in campo abituali delle ultime gare. In testa al turno torna una Ducati, quella guidata da Jorge Martín del team Prima Pramac in 1:45.085. Il madrileno ha svolto due run ed il suo crono di riferimento è stato ottenuto con una Medium al posteriore. 

Questo dato potrebbe essere cruciale in vista della gara: avendo avuto una sola prova libera asciutta al venerdì (e con temperature molto più fredde), si è aperta la porta alla chance della gomma dura al retrotreno, inizialmente scartata da tutti a priori. Tra i big i piloti Ducati factory, Jack Miller e Francesco Bagnaia (stamattina terzo e quarto), potrebbero optare per questa scelta. 

Fabio Quartararo è tornato alla sua situazione abitudinaria, da solo in mezzo alle Desmosedici e alle RS-GP. Lo yamahista ha chiuso al secondo posto a 0”2 da “Martinator” ed ha dimostrato di avere il passo ottimale per stare davanti, ma sarà cruciale la partenza che avverrà dalla nona casella e sul lato sporco della pista, così come per Bagnaia. 

Per Aleix Espargaró, ottavo nel warm-up, questa sessione è stata un po’ turbolenta per via di un piccolo inconveniente tecnico (forse all’abbassatore) proprio in uscita dal box. Il #41 dista mezzo secondo dal connazionale della Ducati e si trova anche alle spalle del suo compagno Maverick Viñales, per il momento più competitivo di lui sia sull’asciutto che sul bagnato. 

Le due Aprilia chiudono a panino il poleman Marc Márquez, settimo. Col ritorno dell’asfalto asciutto sono riaffiorati in superficie le evidenti difficoltà di Honda, tanto che sia Marc che Pol Espargaró sono scivolati allo stesso tornante, la V Corner; caduto anche Marco Bezzecchi al tornante successivo. Infine, problemi tecnici per Tetsuta Nagashima sulla moto del test team HRC. 

Moto2

Motomondiale | GP Giappone 2022, sintesi dei warm-up

Dei tre turni di warm-up svolti, quello Moto2 è stato il meno movimentato. Arón Canet si è messo in prima posizione senza difficoltà o problemi di sorta in 1:51.100, tempo lontano un secondo e mezzo dal record ma anche figlio di un adattamento incompleto sull’asciutto. 

Nelle prime posizioni si è ripresentato il poker spagnolo, stavolta formato, oltre che da Canet, da Albert Arenas, Fermín Aldeguer (loro due a 0”3 dallo spagnolo del team Pons HP40) e da Alonso López. Le Boscoscuro hanno un’importante chance con entrambi i propri piloti in questo fine settimana, mentre nello scontro iridato Augusto Fernández Guerra ha ottenuto il sesto tempo contro il 14° di un Ai Ogura che potrebbe non riuscire a rispettare le aspettative del pubblico di casa quest’oggi. 

Moto3

Motomondiale | GP Giappone 2022, sintesi dei warm-up

La categoria leggera è stata la prima a saggiare le condizioni dell’asfalto sotto il sole e perfettamente asciutto, ma questo warm-up è stato anche quello con più incidenti. Su tutti quello stranissimo di Izan Guevara, che in un errore piuttosto inusuale è entrato in contatto con la ruota posteriore di John McPhee nel tratto rettilineo che porta a curva 10. Il leader del campionato ne è uscito indenne, ma la moto è rimasta distrutta. 

Al suo compagno Sergio García non è andata molto meglio, con dei problemi tecnici che l’hanno tenuto fermo ai box per metà della sessione. In tutto questo è emerso Ayumu Sasaki, che si è messo in testa davanti al suo pubblico in 1:57.860. Secondo Dennis Foggia, nono il poleman Tatsuki Suzuki. 

Qui i risultati del warm-up MotoGP e l’analisi dei tempi. Alle 5:00 scatterà la prima gara, quella della Moto3. 

Fonti immagini: pramacracing.com, maxracingteam.com