Motomondiale | GP Comunità Valenciana 2021 – Anteprima

La tappa conclusiva della stagione 2021 andrà in scena a Valencia. Bagnaia alla caccia del poker, Márquez ancora out; ancora aperto il mondiale Moto2.


Il sipario sulla stagione 2021 del Motomondiale e delle classi Moto3, Moto2 e MotoGP sta per chiudersi. Al termine di questa settimana il Circus delle due ruote sarà già proiettato in ottica 2022, ma prima c’è ancora il GP Comunità Valenciana da disputare. Quest’anno il tracciato di Ricardo Tormo ospiterà un solo Gran Premio, ma la pista iberica potrà di nuovo chiudere il calendario delle massime serie motociclistiche.

E’ una MotoGP che, come tematiche, ha ancora poco da raccontare. Dopo la conquista del titolo piloti da parte di Fabio Quartararo e di quello costruttori di Ducati, l’unica classifica ancora in bilico nella classe regina riguarda quella dei team, col primo posto ancora in bilico tra Ducati Corse e Yamaha Monster Energy. Nel caso il team rosso conquisti anche questo titolo sarebbe un altro bel premio di consolazione in un campionato piloti che era alla portata.

Nell’ultima gara a Portimão, corsa settimana scorsa, Francesco Bagnaia si è fatto perdonare per lo sbaglio di Misano 2 ed ha conquistato la sua terza vittoria dell’anno. Il torinese si è lasciato alle spalle la scivolata del Gran Premio dell’Emilia-Romagna e, col compagno Jack Miller (giunto terzo), ha ridato il sorriso al box Ducati factory.

E’ difficile che in quel di Valencia si possa ripetere una prestazione simile, ma il livello di competitività raggiunto dalla Desmosedici è sicuramente invidiabile. Anche il team Pramac, ad esempio, ha avuto di che gioire in Algarve, vincendo sia il trofeo dei team indipendenti che quello per il miglior pilota privato, grazie a Johann Zarco. Ancora aperta la contesa per il miglior rookie dell’anno, con Jorge Martín che ha recuperato solo due punti ad Enea Bastianini nell’ultimo GP.

Per la Yamaha il Gran Premio dell’Algarve è stato difficile a tutto tondo, con anche Fabio Quartararo incappato in un errore piuttosto inusuale, vedendo la stagione 2021 di cui è stato protagonista. Questo finale di stagione potrebbe tornare a far fischiare le orecchie nel box di Iwata in vista del prossimo anno, con anche Franco Morbidelli che, gara dopo gara, sta evidenziando grossi problemi di tenuta fisica, tanto da far nascere sospetti sul fatto che correre sia la scelta ideale per il #21.

Anche la stagione del team Petronas si accinge a concludersi, insieme alla carriera di Valentino Rossi. Il pesarese svolgerà i suoi ultimi tre giorni prima della fine di una carriera straordinaria, mentre Andrea Dovizioso correrà l’ultima gara con Petronas prima di fare il salto nel nuovo team di Razlan Razali, nel quale sarà il leader e correrà con una Yamaha semiufficiale.

Con Yamaha nel pallone, è stata la Suzuki a tenere alta la bandiera delle moto a quattro cilindri in linea. Joan Mir ha di nuovo dato il massimo sulla sua GSX-RR conquistando un ottimo secondo posto, ma allo stesso tempo ha fatto capire come la strada per riprendere Ducati e Yamaha sia ancora molto lunga. Álex Rins ha terminato solo ottavo l’ultimo GP, ma entrambi i piloti potranno dire la loro sulla propria pista di casa, la pista che ha consegnato i titoli piloti e team nelle mani della Casa di Hamamatsu dodici mesi fa.

Per la quarta volta quest’anno, Marc Márquez non sarà presente per il team Honda Repsol in un Gran Premio. In questa settimana un po’ di ombre su questo suo nuovo infortunio si sono dissolte, col #93 forzato allo stop per via del problema di diplopia ripresentatosi dopo dieci anni. Ciò potrebbe mettere a serio rischio anche l’inizio della stagione 2022, ma per il momento il “Cabroncito” salterà questa gara ed i test di Jerez de la Frontera di metà novembre.

Lo squadrone Honda dovrà di nuovo fare affidamento su Stefan Bradl per sostituirlo, ma nell’ultima gara è stato Álex Márquez ad impressionare tutti quanti. Il #73 ha lottato per il podio sulla sua RC213V gestita dal team LCR, terminando quarto all’esposizione della bandiera rossa. Il bicampione del mondo potrebbe nuovamente regalare qualche guizzo come già successo nel 2020, così come Pol Espargaró (sesto a Portimão) e Takaaki Nakagami (11° in rimonta dal fondo della griglia).

Nonostante i buoni propositi, l’annata 2021 di KTM non sarà di certo da incorniciare, specie rispetto al 2020. Pur con le due vittorie conquistate, le moto austriache hanno fatto un passo indietro evidente in questa stagione e, dato che le cose possono andare sempre peggio, i piloti dei team Red Bull e Tech3 sono anche arrivati ai ferri corti nell’ultima gara.

Lo scontro tra Miguel Oliveira ed Iker Lecuona potrebbe aver messo fuori gioco il portoghese da questo Gran Premio, mentre il valenciano arriva alla sua gara di casa per antonomasia probabilmente con le orecchie basse, visto l’andamento della sua annata ed l’addio dopo due sole stagioni complete. Lo sguardo di KTM è quindi già rivolto ai prossimi test, per migliorare il progetto RC16.

Si potrebbe fare un discorso molto simile anche per Aprilia, la quale è andata decisamente peggio a Portimão 2 rispetto che a Portimão 1. Aleix Espargaró ha collezionato un altro ritiro per caduta e la sua ottava piazza è ora a rischio sia da parte del compagno Maverick Viñales, che dal fratello Pol (staccato 13 punti). In passato la RS-GP ha avuto qualche guizzo qui a Valencia ed una bella prestazione della Casa di Noale porrebbe anche una degna fine al rapporto col team Gresini, durato ben sei anni.

Moto2

Il campionato Moto2 è l’unico ancora rimasto aperto, anche se il pronostico pende decisamente a favore di Remy Gardner. Dopo diversi weekend passati sulla difensiva, l’australiano ha reagito da vero (e potenziale futuro) campione nel momento cruciale, vincendo il GP dell’Algarve ed aumentando in maniera decisiva il suo vantaggio sul compagno-rivale Raúl Fernández, ora di 23 punti.

Il giovane talento spagnolo potrebbe avere molto di cui rammaricarsi al termine del GP di Valencia, specie ripensando allo zero di Misano 2; tuttavia, per conquistare il titolo tutto ciò che potrà fare sarà cercare di vincere. Qualche outsider vorrà tentare d’inserirsi nella contesa, a partire da un Marco Bezzecchi voglioso di rivincita dopo la gara problematica avuta a Portimão.

Moto3

Al contrario di quanto ci si potesse aspettare, il campionato Moto3 si è invece già concluso. Il duello finale tra Pedro Acosta e Dennis Foggia non si è palesato nell’ultima gara per via dell’entrata, descritta da molti come scellerata, di Darryn Binder alla curva Lagos, che ha messo fuori gioco l’italiano del team Leopard. Acosta si è potuto così fregiare del primo titolo a soli diciassette anni, pur essendo un rookie.

Questo esito ha chiaramente tolto molto pathos alla gara finale della classe leggera, ma il tracciato di Ricardo Tormo si è spesso rivelato l’ideale per queste moto così leggere, regalando spesso gare sì belle ma non eccessivamente pericolose. Il favorito potrebbe essere García, anche lui coinvolto nella carambola dell’ultimo giro in Algarve ma vincitore qui nel 2019; nel 2020 ha invece realizzato due secondi posti nel GP d’Europa e in quello della Comunità Valenciana.

Le previsioni meteo danno tempo stabile per tutto il weekend, con possibilità di scrosci molto basse, sotto il 10%. Per quest’ultimo Gran Premio TV8 manderà in onda in diretta le qualifiche e le gare proprio come Sky Sport e DAZN, ma le prove libere (eccezion fatta per la FP4 della MotoGP) ed i warm-up rimarranno un’esclusiva delle due piattaforme a pagamento. Gli orari, dopo la parentesi di Portimão, torneranno ad essere quelli classici dei weekend europei.

INFO TRACCIATO

Motomondiale | GP Comunità Valenciana 2021 - Anteprima

Lunghezza tracciato: 4.005 m
Rettilineo principale: 876 m
Curve: 14 (9 a sinistra, 5 a destra)
Senso: antiorario
Record della pista: 1:29.401 (Jorge Lorenzo, Yamaha, 2016)

ALBO D’ORO

Motomondiale | GP Comunità Valenciana 2021 - Anteprima
Motomondiale | GP Comunità Valenciana 2021 - Anteprima
Motomondiale | GP Comunità Valenciana 2021 - Anteprima
Motomondiale | GP Comunità Valenciana 2021 - Anteprima

ORARI TELEVISIVI

Venerdì 12 novembre 2021

10:00 – FP1 Moto3 (Sky Sport MotoGP, DAZN)
10:55 – FP1 MotoGP (Sky Sport MotoGP, DAZN)
11:55 – FP1 Moto2 (Sky Sport MotoGP, DAZN)
13:35 – FP2 Moto3 (Sky Sport MotoGP, DAZN)
14:30 – FP2 MotoGP (Sky Sport MotoGP, DAZN)
15:30 – FP2 Moto2 (Sky Sport MotoGP, DAZN)

Sabato 13 novembre 2021

10:00 – FP3 Moto3 (Sky Sport MotoGP, DAZN)
10:55 – FP3 MotoGP (Sky Sport MotoGP, DAZN)
11:55 – FP3 Moto2 (Sky Sport MotoGP, DAZN)
13:15 – Q1 Moto3 (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)
13:40 – Q2 Moto3 (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)
14:10 – FP4 MotoGP (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)
14:50 – Q1 MotoGP (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)
15:15 – Q2 MotoGP (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)
15:50 – Q1 Moto2 (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)
16:15 – Q2 Moto2 (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)

Domenica 14 novembre 2021

09:00 – WUP Moto3 (Sky Sport MotoGP, DAZN)
09:30 – WUP Moto2 (Sky Sport MotoGP, DAZN)
10:00 – WUP MotoGP (Sky Sport MotoGP, DAZN)
11:00 – Gara Moto3 (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)
12:20 – Gara Moto2 (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)
14:00 – Gara MotoGP (Sky Sport MotoGP, DAZN, TV8)

Fonte immagine: motogp.com

SHARE

SUBSCRIBE

TOP

LATEST

LEGGI ANCHE

F1

FEEDER SERIES

RUOTE COPERTE

RALLY

USA

FULL ELECTRIC

MOTOMONDIALE

SUPERBIKE/SSP

MOTOCROSS