Motomondiale | GP Catalogna 2022 – Anteprima

Ad appena sette giorni dal Mugello, il Motomondiale riparte dalla pista del Montmelò a Barcellona. In MotoGP Bagnaia annusa il recupero, ma Quartararo è il favorito. Assente Márquez.


Il Motomondiale 2022 è già arrivato alla sua nona prova stagionale in meno di tre mesi, essendo già nel pieno del secondo terzo di campionato. Il GP Catalogna di quest’anno rappresenterà la 27a edizione dell’evento, svolto per la prima volta nel 1996 e corso sempre sul tracciato di Barcellona. Un Gran Premio 2022 che è ricco di temi, a partire dalla MotoGP.

MotoGP

Si arriva da un Gran Premio d’Italia che ha replicato quanto successo in Spagna nella sfida tra Francesco Bagnaia e Fabio Quartararo. Nonostante il gap in classifica sia ancora elevato il torinese, proprio come a Jerez, è riuscito a prevalere sul pilota della Yamaha vincendo davanti al suo pubblico di casa su una moto italiana, cosa già riuscita ad Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci sulle Ducati nel 2017 e nel 2019.

Pecco dovrà dare continuità a questo risultato ed evitare altri errori come a Le Mans, anche se Barcellona non rientra né tra le su piste preferite né tra quelle della Desmosedici. Tuttavia, lo scorso anno Johann Zarco e Jack Miller sono riusciti a ottenere il podio e quindi le Ducati potrebbero comunque essere le protagoniste (anche se non quanto al Mugello dove hanno monopolizzato la prima fila e le prime posizioni). Dovrà invece risollevarsi Enea Bastianini, al secondo zero stagionale in Italia e ora a -28 punti da Quartararo.

Parlando del campione del mondo, egli non ha esitato a definire lo scorso GP come una delle sue gare migliori in assoluto. In effetti “El Diablo” ha davvero fatto il diavolo a quattro per competere con le più potenti Ducati, ottenendo un secondo posto che ha del miracoloso e che gli ha permesso di aumentare di qualche punto la sua leadership iridata.

In passato, a Barcellona, anche gli altri piloti Yamaha non hanno sfigurato: Andrea Dovizioso ha vinto nel 2017 su questa pista, insieme anche ad un centro nel 2006 in 250cc; Franco Morbidelli fece bene nel 2020 finendo quarto; Darryn Binder ha conquistato la sua singola vittoria in Moto3 proprio qui al Montmelò. Tuttavia, le speranze che questi tre possano avvicinarsi alle posizioni di testa sembrerebbero a zero.

Aleix Espargaró continua a rimanere incollato a Quartararo in campionato. Anche lui, al Mugello, è salito sul podio e ha ridotto il deficit di punti, in modo da poter tentare un contrattacco proprio sulla sua pista di casa. Sarà una gara importante anche per Maverick Viñales, che dopo il rinnovo biennale annunciato nel giovedì dello scorso Gran Premio dovrà dimostrare di essersi meritato la fiducia del marchio Aprilia.

In questa settimana, la squadra che sta facendo maggiormente parlare di sé è KTM. Il team Red Bull arriva da un settimo ed un nono posto della coppia Brad Binder-Miguel Oliveira al Mugello, ma in questo periodo di mercato piloti la Casa di Mattighofen è stata sotto la lente d’ingrandimento.

Particolarmente spinosa la situazione di Oliveira, a cui è stata proposta una retrocessione in Tech3 per sostituire un Raúl Fernández in rotta col marchio praticamente da inizio stagione e per far posto ad un nuovo arrivato (con Miller posto come principale candidato). Per quanto riguarda il GP Catalogna, lo scorso anno fu proprio il portoghese a vincere, anche se per il 2022 le aspettative sono decisamente più moderate.

Honda è dovuta andare incontro ad un nuovo cambio di piani e al Montmelò correrà Stefan Bradl. Il tedesco avrà il compito di sostituire Marc Márquez, nuovamente fuori dai giochi per l’infortunio al braccio destro in vista di un’operazione e di successivo recupero fisico da effettuare negli Stati Uniti.

Senza il proprio leader, la Casa dell’Ala Dorata potrebbe dover di nuovo esser costretta costantemente alla seconda metà del gruppo. Nemmeno al Mugello Pol Espargaró ha ritrovato la quadra, mentre Takaaki Nakagami è giunto ottavo e non ha sfigurato. Barcellona potrebbe essere una chance importante anche per Álex Márquez, essendo una delle sue piste preferite.

Ancor più che di Honda e KTM, in Italia il marchio più in difficoltà è stato Suzuki. Come a Le Mans, la Casa di Hamamatsu ha pagato un doppio ritiro e, oltre all’aspetto psicologico, al momento le difficoltà della GSX-RR potrebbero essere legate ad uno sviluppo fermo. Joan Mir ed Álex Rins, ora allontanatisi tantissimo nella generale (rispettivamente a -66 e -53 punti), stanno facendo parlare di sé più per il loro futuro in altre squadre che per la stagione in corso, anche se a Barcellona i due potrebbero risollevarsi.

Moto2

Il weekend dei motori 28-29 maggio 2022

Per la seconda gara di fila, a vincere in Moto2 è stato il team Ajo, ritornando un po’ ai fasti del 2021 con la coppia Gardner-Fernández. Se in Francia era stato Augusto Fernández a sorridere, in Italia è toccato a Pedro Acosta, divenendo il più giovane vincitore della classe di mezzo battendo il vecchio record di Marc Márquez al termine di una corsa piena di colpi di scena.

Anche la situazione della corsa al titolo è mutata, con Celestino Vietti ed Arón Canet ritirati (il primo per guasto, il secondo per una caduta) e con Ai Ogura ora appaiato in testa alla classifica al pilota VR46, con 108 punti e forte del terzo posto conquistato. Si è avvicinato nella generale anche Joe Roberts, a soli 22 punti da Vietti e davanti anche a Tony Arbolino. In buona sostanza, la lotta per il titolo Moto2 sta diventando sempre più una polveriera.

Moto3

Il weekend dei motori 28-29 maggio 2022

Il team Aspar ha festeggiato alla grande il proprio quarantennale settimana scorsa, con una doppietta di Sergio García ed Izan Guevara perentoria e che ha ribadito i valori in campo attuali della Moto3. Al #28, però, probabilmente non è andato granché giù il fatto di aver perso una gara per la penalità dei track limits all’ultimo giro, che hanno riscritto, per l’ennesima volta, un risultato dopo la bandiera a scacchi.

Nonostante l’assurdità della decisione, questa rimane irrevocabile ed ora Izan dovrà recuperare 28 punti al compagno, su un tracciato che lo scorso anno ha visto proprio il #11 prevalere. Il ritardo di Jaume Masiá e Dennis Foggia, invece, sta cominciando a farsi pesante dopo gli zeri patiti nell’ultima gara.

Al contrario di quanto successo in Toscana, il meteo catalano non dovrebbe regalare brutte sorprese ai piloti in questo weekend, con temperature massime intorno ai 27°. Stavolta il Motomondiale sarà in differita su TV8 ed in diretta in esclusiva su Sky Sport MotoGP per l’Italia.

INFO TRACCIATO

Il weekend dei motori 28-29 maggio 2022

Lunghezza tracciato: 4.627 m
Rettilineo principale: 1.047 m
Curve: 14 (6 a sinistra, 8 a destra)
Senso: orario
Record della pista: 1:38.853 (Fabio Quartararo, Yamaha, 2021)

ALBO D’ORO

Il weekend dei motori 28-29 maggio 2022
Il weekend dei motori 28-29 maggio 2022
Il weekend dei motori 28-29 maggio 2022
Il weekend dei motori 28-29 maggio 2022

ORARI TELEVISIVI*

Venerdì 3 giugno 2022

09:00 – FP1 Moto3 (Sky Sport MotoGP)
09:55 – FP1 MotoGP (Sky Sport MotoGP)
10:55 – FP1 Moto2 (Sky Sport MotoGP)
13:15 – FP2 Moto3 (Sky Sport MotoGP)
14:10 – FP2 MotoGP (Sky Sport MotoGP)
15:10 – FP2 Moto2 (Sky Sport MotoGP)

Sabato 4 giugno 2022

09:00 – FP3 Moto3 (Sky Sport MotoGP)
09:55 – FP3 MotoGP (Sky Sport MotoGP)
10:55 – FP3 Moto2 (Sky Sport MotoGP)
12:35 – Q1 Moto3 (Sky Sport MotoGP)
13:00 – Q2 Moto3 (Sky Sport MotoGP)
13:30 – FP4 MotoGP (Sky Sport MotoGP)
14:10 – Q1 MotoGP (Sky Sport MotoGP)
14:35 – Q2 MotoGP (Sky Sport MotoGP)
15:10 – Q1 Moto2 (Sky Sport MotoGP)
15:30 – Qualifiche Motomondiale (TV8)
15:35 – Q2 Moto2 (Sky Sport MotoGP)

Domenica 5 giugno 2022

09:00 – WUP Moto3 (Sky Sport MotoGP)
09:20 – WUP Moto2 (Sky Sport MotoGP)
09:40 – WUP MotoGP (Sky Sport MotoGP)
11:00 – Gara Moto3 (Sky Sport MotoGP)
12:20 – Gara Moto2 (Sky Sport MotoGP)
14:00 – Gara MotoGP (Sky Sport MotoGP)
14:15 – Gara Moto3 (TV8)
15:30 – Gara Moto2 (TV8)
17:15 – Gara MotoGP (TV8)

*: in grassetto gli orari in diretta.

Fonti immagini: suzuki-racing.com, ajo.fi, teamaspar.com

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS