Motomondiale | GP Catalogna 2021, sintesi delle FP3

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Morbidelli chiude in testa nella FP3, in spolvero le KTM, bene anche Bagnaia quarto. Rossi in Q2, fuori le due Honda Repsol.


La terza sessione di prove libere di Barcellona, decisiva per decidere i dieci piloti in grado di passare alla Q2 da subito, ha visto il primato di Franco Morbidelli sulla sua Yamaha M1 2019 della Petronas SRT, in 1:38.929. Insieme a Fabio Quartararo, “Franky” è stato l’unico a scendere sotto il muro dell’1:39, per quello che è il nuovo record della pista con la nuova conformazione della Caixa.

Seconda posizione per il suo ex-compagno di squadra Quartararo, fermatosi a 0”046 ma senza poter scendere in pista per un ultimo attacco sul giro secco o anche solo per fare la prova di partenza. Il team Monster Energy ha infatti sbagliato i calcoli per il tempo d’uscita e il franco-siciliano ha dovuto spingere la sua moto e ritornare al suo box. Nonostante questo, Quartararo rimane il favorito in vista di domenica pomeriggio, e le buone notizie della Yamaha non finiscono qui: anche Maverick Viñales e soprattutto Valentino Rossi sono riusciti a entrare nel Q2, quest’ultimo grazie a un ultimo giro allo scadere del tempo decisivo per ottenere il decimo posto. La top ten è racchiusa in meno di cinque decimi.

Con le Yamaha che sembrerebbero farla da padrone, il marchio che si è messo più in risalto dopo la Casa di Iwata è KTM, che piazza la coppia Miguel Oliveira-Brad Binder in terza e sesta posizione. Nonostante sul passo gara i due alfieri Red Bull non sembrino all’altezza per lottare per il podio, sul giro secco potrebbero ambire a un gran risultato, magari inserendosi tra i big in corsa per il titolo e diventare un cruciale ago della bilancia nella battaglia in campionato.

Danilo Petrucci e Iker Lecuona non sono riusciti a ottenere l’accesso diretto alla seconda sessione di qualifica. “Petrux”, sulla sua moto del team Tech3, è quello che si è andato più vicino con meno di tre decimi di ritardo da Rossi, mentre il giovane spagnolo ne paga cinque.

La FP3 non è stata memorabile per le Ducati, col solo Francesco Bagnaia davvero convincente e bravo a salire al quarto posto nel suo ultimo giro lanciato disponibile. “Pecco” ha una voglia matta di tornare sul podio o addirittura puntare alla vittoria dopo lo sbaglio del Mugello, ma le Desmosedici non sembrano in grado d’impensierire i piloti Yamaha più veloci al momento. In Q2 ci sarà sicuramente anche Johann Zarco, solo 15° oggi ma forte del tempo stampato durante la FP2 di ieri pomeriggio.

Fuori invece Jack Miller, beffato da Valentino Rossi di soli 0”069; l’australiano dovrà sgomitare insieme ad alcuni degli altri big per poter lottare per la pole successivamente. Jorge Martín chiude la sua prima classifica combinata dal rientro in 16a posizione, a soli otto decimi da Franco Morbidelli, davvero poco considerando gli acciacchi fisici. In 19a e 20a posizione i due piloti Esponsorama, Marini e Bastianini.

Quinta piazza per il leader della FP1 di ieri, Aleix Espargaró. Il primo pilota Aprilia è a 0”150 dalla vetta, segno di come anche la RS-GP potrebbe ambire a posizioni di rilievo nonostante la minaccia Yamaha. Il suo compagno di squadra Savadori è invece all’ultimo posto, a oltre due secondi di ritardo e ha pagato anche una caduta a tre minuti dalla fine.

L’unica Suzuki presente in pista è riuscita ad aggiudicarsi la top ten. Joan Mir è ottavo nella FP3 con meno di quattro decimi di ritardo da Morbidelli, ma come detto da lui stesso non è positivo essere l’unico pilota su questa moto in questo GP. Fortunatamente il team Suzuki ha ricevuto buone notizie ieri sera, poiché Álex Rins è stato operato con successo all’ospedale di Barcellona e dovrebbe rientrare già per il Sachsenring.

Le difficoltà di Honda continuano anche su una pista storicamente amica come quella del Montmelò. Nessuno dei quattro piloti della Casa giapponese è riuscito a entrare in Q2, e nel migliore dei casi solo due potranno riuscirci durante la Q1 di questo pomeriggio. Marc Márquez si è classificato al 14° posto e dimostra di avere ancora il giro secco come punto debole, dunque i candidati più plausibili per lottare per la pole potrebbero essere Takaaki Nakagami (12° nella combinata) e Pol Espargaró (13°). Addirittura 18° Álex Márquez.

Moto2

Nella classe di mezzo è Remy Gardner a primeggiare al termine della FP3 in 1:43.446. Subito alle sue spalle, a 0”021, troviamo il compagno Raúl Fernández, a conferma degli attuali valori in campo che vedono il team Ajo a un altissimo livello di competitività rispetto alle altre squadre.

Augusto Fernández ha mantenuto il terzo posto, mentre il suo compagno Sam Lowes è scivolato alla curva Caixa e si è classificato nono in questa sessione. Da segnalare le top five, a sorpresa, di Arón Canet e Bo Bendsneyder, mentre i rispettivi compagni di squadra, Albert Arenas e Tom Lüthi, dovranno passare per la Q1. Fuori anche Di Giannantonio, autore di un highside al curvone Repsol nei primi minuti; il pilota Gresini è stato anche portato al centro medico per precauzione.

Moto3

Stefano Nepa si è messo al comando della combinata della Moto3 grazie a un 1:47.761, tempo più veloce del weekend. Gabriel Rodrigo, secondo, è stato a lungo in testa durante la sessione e alla fine ha concluso a soli 0”048, assicurandosi il passaggio diretto in Q2 con ampio margine. Stesso discorso per Tatsuki Suzuki, terzo sulla Honda SIC58.

Anche stavolta le squadre non hanno imparato dagli errori del Mugello, facendo uscire i vari piloti solo negli ultimi tre minuti per l’attacco al tempo. Nella confusione sono stati esclusi sia Jaume Masiá che Pedro Acosta per il team KTM Ajo, così come Andrea Migno, Sergio García e il secondo pilota del team BOE Owlride Riccardo Rossi. Nei primi quattordici troviamo invece Dennis Foggia, Jeremy Alcoba, Romano Fenati, Niccolò Antonelli e Izan Guevara.

MotoE

L’ultima sessione prima dell’inizio delle qualifiche è stata quella della MotoE, con Fermin Aldeguer in prima posizione. Dopo aver corso al Mugello con una Moto2, lo spagnolo si è rimesso subito a suo agio anche sulla Energica Ego Corsa del team Aspar, col miglior tempo in 1:50.399. Eric Granado gli è a meno di un decimo, tutti gli altri sono più staccati a oltre tre.

Questi i risultati della FP3 MotoGP, il cronologico dei giri completati e la classifica combinata delle tre sessioni.

Fonte immagine: sepangracingteam.com

P300 MAGAZINE

Motomondiale | GP Catalogna 2021, sintesi delle FP3

Continua a seguirci

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Motomondiale | GP Catalogna 2021, sintesi delle FP3

Continua a seguirci