Motomondiale | GP Austria 2022 – Anteprima del Red Bull Ring

Alyoska Costantino - 18 Agosto 2022 - 09:00

Due settimane dopo Silverstone il Motomondiale torna in azione per il GP Austria. Bagnaia col vento in poppa dopo le due vittorie in MotoGP, Quartararo in cerca di riscatto.


L’estate ancora non è finita e, dopo il Gran Premio di Gran Bretagna successivo alla pausa estiva, il Motomondiale riprende la stagione 2022 col GP Austria al Red Bull Ring. Rispetto ai due anni precedenti, in questa stagione si correrà una sola volta a Spielberg, pista rientrata in calendario nel 2016 e diventata uno degli appuntamenti più discussi ma anche più attesi dell’anno. 

Rispetto allo scorso anno, inoltre, il tracciato austriaco di proprietà del marchio di bibite è stato rivisto per la MotoGP, con l’aggiunta di una chicane tra la prima curva (la Niki Lauda) e curva 3 (la Remus), volta a diminuire le velocità di punta che si raggiungono alla frenata in salita e che hanno causato alcuni incidenti parecchio spaventosi e impressionanti negli ultimi due anni, su tutti quello tra Johann Zarco e Franco Morbidelli nel 2020 e che ha quasi coinvolto Valentino Rossi e Maverick Viñales. 

MotoGP 

Se dal punto di vista della sicurezza questi accorgimenti stavano diventando necessari, sul piano sportivo questa modifica non agevolerà Ducati, che in passato aveva il Red Bull Ring come proprio feudo. Dal 2016 al 2021 le moto di Borgo Panigale hanno sempre vinto almeno una gara all’anno tra quelle corse, ma la nuova chicane potrebbe ridurre molto del vantaggio che i bolidi italiani avevano sulle concorrenti. 

Nonostante ciò, il box rosso arriva col morale alle stelle in Austria, grazie alla doppietta Assen-Silverstone di Francesco Bagnaia. Superata la disavventura a Ibiza, Pecco ha conquistato in Gran Bretagna quella che, secondo lui, è stata la sua vittoria più bella in carriera dopo un weekend in affanno, regolando Viñales nel finale e conquistando il quarto centro dell’anno. 

Il distacco in classifica rimane ancora troppo elevato per sperare in una rimonta, tanto che Bagnaia ha dichiarato di concentrarsi su ogni gara singolarmente. Sulla carta, comunque, il torinese è il favorito del weekend, mentre Jack Miller spera di proseguire la serie positiva dell’Inghilterra dove è giunto terzo. Questa gara, inoltre, potrebbe essere cruciale nella scelta per la seconda sella del team Ducati Lenovo, con Jorge Martín ed Enea Bastianini ancora in lizza per il posto nel box rosso. In cerca di riscatto Johann Zarco, caduto mentre era in testa allo scorso GP. 

Per i costruttori italiani Silverstone è stata magica, poiché anche Aprilia è stata protagonista, stavolta grazie a Maverick Viñales. Il rammarico per la vittoria sfumata all’ultimo giro per qualche lungo di troppo viene abbondantemente compensato dalla soddisfazione per la velocità ritrovata di “Top Gun”, che tra l’altro non ha mostrato nessun timore reverenziale nei duelli affrontati. Il Red Bull Ring, però, non rievoca grandi ricordi al #12: oltre a non esser mai arrivato a podio qui, Spielberg è il luogo dove avvenne la frattura definitiva con Yamaha, in seguito allo sforzo eccessivo provocato al motore negli ultimi giri del GP di Stiria 2021 e causato dallo stesso Maverick. 

Sarà un fine settimana cruciale anche per Aleix Espargaró: la prestazione quasi eroica di Silverstone tra qualifiche e gara dopo l’incidente in FP4 si è conclusa con un nono posto ed un solo punto perso dal rivale diretto Fabio Quartararo, ma il conto, a livello fisico, è stato comunque salato con la frattura al tallone destro. Nei successivi sette giorni il #41 è dovuto riposarsi per far sì che l’osso si risanasse, ma le sue condizioni saranno da valutare. 

Avendolo nominato, Quartararo sta vivendo un’estate non proprio da sogno. La gara di Silverstone, già iniziata in salita per via del long lap penalty da scontare dopo i fatti di Assen, si è rivelata inaspettatamente un calvario per il #20, arrivato solo ottavo al traguardo su un tracciato che l’avevo visto trionfare l’anno precedente. Pur mantenendo il vantaggio in classifica, per Quartararo il GP Austria rappresenta la tappa più problematica di tutte, visto il cronico problema della velocità di punta della M1. 

“El Diablo” sarà dunque costretto a giocare in difesa in questo fine settimana, senza poter nemmeno contare sull’aiuto dei suoi compagni di marca, ancora in grosse difficoltà. Per Andrea Dovizioso, tra l’altro, sarà la penultima gara in carriera, dato che a Misano correrà il suo ultimo Gran Premio in MotoGP. 

Fine settimana importante anche per KTM, sulla pista di casa. La Casa di Mattighofen a Silverstone si è leggermente risvegliata dopo una prima parte di stagione in sofferenza ed ha raccolto un sesto posto incoraggiante con Miguel Oliveira, ma per il GP di casa l’obiettivo sarà quello di puntare in alto. Le RC 16, nel 2020 e nel 2021, sono state le uniche moto capaci di togliere delle vittorie a Ducati, coi rocamboleschi (per motivi diversi) successi di Miguel Oliveira prima e Brad Binder poi. 

Nel box Honda ci sarà il gradito ritorno di Marc Márquez, seppur solo in borghese nel team Repsol. Quest’oggi il #93 sarà protagonista di una conferenza stampa in cui aggiornerà sulle proprie condizioni fisiche, ma a parte il supporto morale aggiuntivo è difficile che Honda possa risollevarsi dalla propria situazione tecnica. C’è più attenzione, a dirla tutta, per il futuro del team e la scelta del secondo pilota, che Márquez ha già anticipato ai microfoni di Sky: Joan Mir. 

Il campione 2020 correrà sulla propria pista preferita nella settimana in cui più si è discusso di lui in ottica 2023. A Silverstone le Suzuki hanno deluso rispetto a quanto ci si aspettava e Mir stesso è stato autore dell’ennesimo errore di questo 2022 da incubo, con scivolata alla Stowe mentre era all’inseguimento del primo gruppo. 

Tra i piloti delle moto giapponesi, Mir è forse il più quotato per un piazzamento nei primi tre vista l’affinità che ha con questo asfalto, mentre Álex Rins ha lasciato Silverstone con l’amaro in bocca dopo aver guidato la gara ma averla conclusa solo settimo. 

Moto2

Motomondiale | GP Austria 2022 - Anteprima del Red Bull Ring

Augusto Fernández Guerra, in Moto2, ha proseguito il suo momento di grazia in Inghilterra vincendo per la quarta volta in questa stagione, nonché per la terza volta consecutiva dopo i successi in Germania e in Olanda. Il pilota Ajo ha agguantato la testa del campionato in solitaria staccando Celestino Vietti ed ora, seppur con ancora otto gare da disputare, appare difficile che l’inerzia del campionato possa cambiare. 

Lo spagnolo ha 13 punti di margine su Ogura e 15 su Vietti alla vigilia del GP Austria, dove KTM vorrà farsi valere anche come main sponsor nella categoria cadetta. Lo scorso anno il team VR46 vinse qui una gara, quindi per il team di Valentino Rossi e per Vietti Ramus ci sono comunque buone chance per invertire la tendenza, almeno in quest’occasione. 

Moto3

Motomondiale | GP Austria 2022 - Anteprima del Red Bull Ring

Zero punti sia per Sergio García che per Izan Guevara in quel di Silverstone, nella gara della Moto3. I due sono stati coinvolti incolpevolmente in incidenti e la loro lotta iridata è rimasta congelata, permettendo a Dennis Foggia di ritornare al successo dopo più di quattro mesi. 

Con 42 punti ancora da recuperare, parlare di rimonta per “The Rocket” è ancora troppo presto. Il duello tra i due GasGas, in compenso, potrebbe raggiungere nuove vette a Spielberg, su una pista dove l’azione, anche quella un po’ oltre il limite, spesso non manca nella categoria inferiore. García aveva vinto qui il GP 2021, mentre nel Gran Premio di Stiria della settimana prima cadde mentre lottava con Pedro Acosta. 

MotoE

Motomondiale | GP Austria 2022 - Anteprima del Red Bull Ring

Farà il proprio ritorno anche la MotoE, giunta al quinto di sei round del 2022. La classifica della Coppa del Mondo vede Dominique Aegerter in netto vantaggio con 158 punti ed un vantaggio di 31,5 su Eric Granado, il quale è riuscito ad evitare un gap anche maggiore dall’elvetico vincendo l’ultima manche corsa ad Assen. 

Anche in Austria saranno loro i due favoriti, ma sarà da considerare anche l’aspetto psicologico. Durante la lunga pausa di quasi due mesi della serie elettrica, Dominique Aegerter si è reso protagonista di un comportamento antisportivo a Most durante Gara 1 della SSP, cosa che potrebbe compromettere il suo stato di concentrazione. 

Affidandosi al meteo, l’intero weekend rischa di essere funestato da pioggia, fulmini e saette, con probabilità altissime di scrosci; solo domenica ci sarà qualche chance in più di vedere pista asciutta. Per l’ennesima volta il Motomondiale non sarà in diretta sul digitale terrestre, ma solo su Sky Sport, NowTV e MotoGP.com; gli utenti TV8 dovranno accontentarsi delle differite. 

INFO TRACCIATO

Motomondiale | GP Austria 2022 - Anteprima del Red Bull Ring

Lunghezza tracciato: 4.318 m 
Rettilineo principale: 626 m 
Curve: 12 (4 a sinistra, 8 a destra) 
Senso: orario 

ALBO D’ORO 

Motomondiale | GP Austria 2022 - Anteprima del Red Bull Ring
Motomondiale | GP Austria 2022 - Anteprima del Red Bull Ring
Motomondiale | GP Austria 2022 - Anteprima del Red Bull Ring
Motomondiale | GP Austria 2022 - Anteprima del Red Bull Ring

ORARI TELEVISIVI*

Venerdì 19 agosto 2022 

09:00 – FP1 Moto3 (Sky Sport MotoGP) 
09:55 – FP1 MotoGP (Sky Sport MotoGP) 
10:55 – FP1 Moto2 (Sky Sport MotoGP) 
13:15 – FP2 Moto3 (Sky Sport MotoGP) 
14:10 – FP2 MotoGP (Sky Sport MotoGP) 
15:10 – FP2 Moto2 (Sky Sport MotoGP) 
16:50 – Q1 MotoE (YouTube) 
17:10 – Q2 MotoE (YouTube) 

Sabato 20 agosto 2022 

09:00 – FP3 Moto3 (Sky Sport MotoGP) 
09:55 – FP3 MotoGP (Sky Sport MotoGP) 
10:55 – FP3 Moto2 (Sky Sport MotoGP) 
12:35 – Q1 Moto3 (Sky Sport MotoGP) 
13:00 – Q2 Moto3 (Sky Sport MotoGP) 
13:30 – FP4 MotoGP (Sky Sport MotoGP) 
14:10 – Q1 MotoGP (Sky Sport MotoGP) 
14:35 – Q2 MotoGP (Sky Sport MotoGP) 
15:10 – Q1 Moto2 (Sky Sport MotoGP) 

15:30 – Qualifiche Motomondiale (TV8) 
15:35 – Q2 Moto2 (Sky Sport MotoGP) 
16:25 – Gara 1 MotoE (Sky Sport MotoGP) 

16:45 – Gara 1 MotoE (TV8) 

Domenica 21 agosto 2022 

09:00 – WUP Moto3 (Sky Sport MotoGP) 
09:20 – WUP Moto2 (Sky Sport MotoGP) 
09:40 – WUP MotoGP (Sky Sport MotoGP) 
11:00 – Gara Moto3 (Sky Sport MotoGP) 
12:20 – Gara Moto2 (Sky Sport MotoGP) 
14:00 – Gara MotoGP (Sky Sport MotoGP) 

14:00 – Gara Moto3 (TV8) 
15:15 – Gara Moto2 (TV8) 
15:30 – Gara 2 MotoE (Sky Sport MotoGP) 
17:05 – Gara MotoGP (TV8) 
18:30 – Gara 2 MotoE (TV8) 

*: in grassetto gli orari in diretta. 

Fonti immagini: mediahouse.ducati.com, Facebook / Mooney VR46 Racing Team, teamaspar.com, tech3racing.fr