Motomondiale | È morto Carlo Ubbiali, aveva novant’anni

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

A quasi due mesi dalla scomparsa di Stirling Moss, un’altra leggenda del motorsport, stavolta quello a due ruote, ci ha lasciato. Nella giornata di oggi Carlo Ubbiali, pilota bergamasco nato il 22 settembre 1929, è venuto a mancare.

Per chi non è masticasse di storia remota del Motomondiale, l’appellativo più indicato per descrivere Carlo Ubbiali è “leggenda”. Il bergamasco è stato il secondo pilota italiano più titolato nel Circus delle due ruote, alle spalle di Giacomo Agostini e alla pari di Valentino Rossi, nonché al terzo posto di tutti i tempi alle spalle di “Ago” e Ángel Nieto. La “Volpe”, così era soprannominato, ha ottenuto sei titoli mondiali nella 125cc e altri tre nella 250cc, grazie alla sua corporatura piuttosto minuta che lo rendeva perfetto per guidare per queste cilindrate agli albori della serie. Il suo debutto è avvenuto nel 1949 e la sua carriera mondiale è proseguita fino al 1960, anno dove fece addirittura doppietta tra le due categorie; gli era già successo nel 1956 e nel 1959. Tra i suoi record ci sono anche le cinque vittorie nel Tourist Trophy e gli otto centri iridati nel campionato italiano, di cui ben sei nell’ottavo di litro.

Il marchio a cui è stato più legato è sicuramente MV Agusta, di cui si guadagnò la fiducia sin dalle sue prime esperienze nel ’48. Con la Casa varesina ha raggiunto otto dei suoi nove allori nel mondiale, a cui si aggiunge il suo primo titolo nel 1951 con FB Mondial. E’ stato sempre grazie a Ubbiali che, oramai a carriera conclusa, ha presentato a MV un nuovo pilota italiano dal talento cristallino, proprio quel Giacomo Agostini che, ironia della sorte, lo avrebbe persino superato anni dopo, dando vita a una nuova epopea vittoriosa per MV Agusta e per l’Italia.

Ubbiali è stato anche capace di dire basta al successo e alla gloria, nonostante fosse ancora all’apice nell’anno del ritiro. Dall’altra parte c’era il rischio e la paura della morte, paura ancor più dura da affrontare poiché Ubbiali si sposò poco dopo. Ubbiali non lascia solo l’eredità del campione che è stato, ma anche una famiglia, una moglie di nome Mariella e quattro figli, Giovanna, Maurizio, Daniele e Cristina. L’ultimo riconoscimento nel 2019, la Collana d’Oro per meriti sportivi datagli dal CONI.

Fonte immagine: motogp.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Motomondiale | È morto Carlo Ubbiali, aveva novant'anni 1
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE