MotoGP | Tech3 diventa GasGas dal 2023 e ingaggia Pol Espargaro

Daniele Botticelli - 19 Agosto 2022 - 15:00

L’attuale KTM Tech3 prenderà il nome della casa austriaca dalla prossima stagione di MotoGP, con lo spagnolo annunciato come primo pilota per la prossima stagione.


Il team Tech3 vedrà una vera e propria rivoluzione a partire dalla prossima stagione di MotoGP, che vedrà la squadra gestita da Hervé Poncharal cambiare nome diventando GasGas Factory Racing Team, con la KTM che in questo modo porta il nome del loro sotto-marchio anche in Top Class dopo quanto fatto in Moto3 da diverse stagioni.

Questa nuova partnership è stata annunciata durante il venerdì del Gran Premio d’Austria sul circuito di casa della KTM, con una conferenza stampa dedicata dove è stato anche annunciato l’arrivo di Pol Espargaro come il primo pilota di questo nuovo progetto targato GasGas, con la casa austriaca che continua la rivoluzione delle proprie selle in vista della stagione 2023 iniziata con l’approdo di Jack Miller nel team ufficiale e che continuerà con l’ufficialità del secondo pilota GasGas che verrà comunicata in seguito.

La prossima stagione vedrà quindi Pol Espargaro tornare alle dipendenze della casa austriaca a distanza di due anni dall’addio avvenuto al termine della stagione 2020, in cui l’ormai 31 enne pilota spagnolo aveva chiuso un ciclo di quattro anni nel team ufficiale KTM disputando la propria miglior stagione della carriera in MotoGP con il quinto posto finale con 135 punti, ottenuto anche grazie a cinque podi (5 terzi posti). Espargaro ha poi lasciato la KTM per passare alla Honda HRC nel team ufficiale affiancando Marc Márquez, disputando però due stagioni tutto sommato deludenti, con un solo podio ottenuto in occasione del GP dell’Emilia Romagna dello scorso anno, chiudendo secondo proprio alle spalle del suo connazionale.

Pit Beirer, Direttore GASGAS Motorsports, ha dichiarato: “GASGAS è un marchio vincente. Ha raggiunto immediatamente un livello incredibile di prestazioni in discipline come MXGP, Supercross, Enduro e Rally dove abbiamo vinto Gran Premi, Main Event, titoli mondiali e vittorie assolute. È un marchio relativamente nuovo per noi e abbiamo nuovi obiettivi. Speriamo che i fan che seguono “il rosso” apprezzeranno la storia. Grazie al nostro forte partner, il team ASPAR, in Moto3 e Moto2 abbiamo potuto vedere le moto GASGAS proprio ai vertici di queste categorie. Sarebbe bello vedere la stessa cosa anche nella classe più difficile di tutte. Voglio ringraziare Hervé e il Team Tech3 per mantenere una mentalità aperta e per supportare davvero questo cambiamento nel diventare il GASGAS Factory Racing Team. Pensiamo che sia eccitante e diverso”.

Hubert Trunkenpolz, Membro del Comitato Esecutivo, ha aggiunto: “Rendere il nome GASGAS più grande e più ampio delle sue radici presenti nel Trial ha avuto davvero successo in molti modi. Dopo aver visto cosa potevamo ottenere in Moto3 e Moto2, la domanda successiva era se avremmo potuto portare GASGAS in MotoGP e siamo entusiasti di poter fare questo passo. È un nuovo viaggio e so che il marchio si distinguerà sin da subito. È importante sottolineare che la squadra, i piloti e la direzione aiuteranno GASGAS a fare colpo nella classe regina. Questo è ciò che speriamo!”

Di molte più parole, invece, è stato Hervé Poncharal, che sarà Team Manager del GasGas Factory Racing Team: “Da quando siamo entrati a far parte del Pierer Mobility Group, sono stati gli anni professionali più felici della mia vita. Perché, quando lavori con Stefan, con Hubert e ovviamente con Pit, l’obiettivo e la cosa principale è la concorrenza, ma mi piace anche passare le serate con questi signori per parlare di affari, per parlare della strategia, per vedere come si sta evolvendo la nostra industria motociclistica. Sono davvero, davvero felice di far parte di un produttore europeo e tutti i produttori europei stanno andando avanti; lo possiamo vedere ogni singola domenica sul podio della MotoGP che sono sempre di più”.

“Essere un team Factory GASGAS è un grande motivo di orgoglio. Mi sento molto onorato, molto orgoglioso di farne parte e sento che ci sarà più emulazione all’interno del Pierer Mobility Group nella classe MotoGP, tra il marchio arancione e quello rosso. Di sicuro, come hanno detto Hubert e Pit, vorrei ringraziare il Team Jorge Martin Aspar e i suoi piloti. Innanzitutto, hanno aperto la strada, hanno fatto un ottimo lavoro, lo stanno ancora facendo e gli dobbiamo molto. Stiamo insieme e sono felice di essere ancora più vicino a loro perché meritano pieno rispetto. Mi sento semplicemente felice, amo le sfide ed ecco perché sono qui: le corse riguardano le sfide – l’industria, le sfide aziendali – e sono molto felice di far parte di questa nuova sfida”.

“Se vi ricordate bene, qualche anno fa c’era un giovane Campione del Mondo Moto2 che si unì alla classe MotoGP con Tech3. Si chiama Pol Espargaro. Abbiamo trascorso alcuni anni fantastici insieme quando abbiamo iniziato, abbiamo scoperto insieme la classe MotoGP e ho sempre detto che Pol è un vero combattente. Pol è stato un attore chiave nel programma Pierer Mobility KTM MotoGP e sono felice di annunciare che è tornato in famiglia. Non vediamo l’ora di iniziare a lavorare con lui e penso che sarà un perfetto ambasciatore del marchio GASGAS. Quindi, questa è come una favola; bentornato, Pol! Questo spetta anche a Stefan, Hubert e Pit a dirlo più di me, ma comunque, sono al settimo cielo e penso che questo progetto GASGAS MotoGP non potrebbe iniziare meglio che con Pol. Quindi, questa è una notizia fantastica e non vedo l’ora che arrivi novembre”.

Immagine: gasgas.com