MotoGP | Il GP San Marino 2020 secondo Brembo

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

La guida ai sistemi frenanti Brembo della classe regina e al loro uso al Misano World Circuit Marco Simoncelli

Secondo i tecnici Brembo che lavorano a stretto contatto con il 100 per cento dei piloti del Mondiale MotoGP, il Misano World Circuit Marco Simoncelli rientra nella categoria dei circuiti mediamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 3, il più basso di tutte le piste affrontate quest’anno: Jerez e Brno hanno valore 4, Spielberg 5. ​

L’estrema tortuosità della pista, ben evidenziata dal rettilineo più lungo che misura appena 530 metri, impedisce di raggiungere, anche solo in un punto, i 300 km/h. Pur essendoci 16 curve solo in 3 di esse il delta di velocità tra l’inizio e la fine della frenata supera i 100 km/h. D’altro canto il raffreddamento degli impianti potrebbe essere ostacolato dalle elevate temperature ambientali.

La pompa radiale Brembo

La pompa radiale Brembo è molto diffusa in MotoGP. Con essa sia la forza delle dita sulla leva sia quella della leva stessa sul pistoncino agiscono nello stesso senso, ovvero radialmente rispetto al punto di ancoraggio della pompa sul manubrio senza generare attriti né torsioni. In tal modo non vi sono sprechi di energia.

Per le moto stradali Brembo mette invece a disposizione la pompa radiale R19RCS Corsa Corta: con essa è possibile regolare la corsa a vuoto (cioè il bite point) su 3 diversi livelli, ma anche scegliere tra due diversi interassi. Dall’integrazione dai due sistemi risultano quindi 6 diverse combinazioni, così da offrire ad ogni motociclista la soluzione che preferisce.

L’impegno dei freni durante il GP San Marino MotoGP​

In ogni giro del Misano World Circuit Marco Simoncelli i piloti usano i freni 12 volte per un totale di 31 secondi. Queste 12 frenate sono tutte diverse tra di loro, vuoi per lo spazio di frenata vuoi per il tempo di frenata, o ancora per la velocità iniziale o il carico sulla leva.

Il terzo settore della pista è quello in cui i freni si utilizzano più volte, ben 5, cioè in tutte le curve presenti in questa sezione. Invece nel primo settore sono azionati solo in 3 delle 5 curve e in una di queste la riduzione di velocità è veramente modesta, appena 35 km/h.

La frenata più impegnativa ​del GP San Marino e della Riviera di Rimini

Delle 12 frenate del Misano World Circuit Marco Simoncelli 3 sono classificate come impegnative per i freni, altrettante sono di media difficoltà e le restanti 6 poco scarsamente impegnative.

La staccata più dura per la MotoGP è alla ottava curva: le moto passano da 268 km/h a 79 km/h per un gap di velocità di 189 km/h ottenuto azionando i freni per 4,7 secondi. I piloti esercitano un carico di 5,9 kg sulla leva del freno, subiscono una decelerazione di 1,5 g e nel frattempo percorrono 209 metri.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

ALTRI DALL'AUTORE