MotoGP | GP Stiria 2021: prima vittoria per Jorge Martin

Primo successo in MotoGP per lo spagnolo davanti a Mir e Quartararo. Miller e Oliveira KO, incidente pauroso tra Pedrosa e Savadori al via

Jorge Martin vince il Gran Premio della Stiria 2021, conquistando così la sua prima vittoria in MotoGP nella sua stagione d’esordio nella categoria nonché la prima storica vittoria per il team Pramac, al loro 20° anno in Top Class.

Partito dalla pole position, il pilota spagnolo della Ducati ha condotto una gara perfetta, portandosi rapidamente in testa alla gara per rimanervi fino alla fine con una guida impeccabile e senza nessun errore, riuscendo ad avere la meglio sul campione del mondo in carica Joan Mir, secondo al traguardo dopo aver provato a stare con Martin a metà gara per poi accusare un gap di quasi due secondi dal suo connazionale.

La vittoria di Martin è arrivata in una seconda gara, dopo la bandiera rossa esposta al terzo giro per via dell’incidente che ha visto coinvolti Daniel Pedrosa e Lorenzo Savadori in curva 3. Pedrosa è scivolato in uscita di curva con la sua KTM rimasta in mezzo alla pista, la moto viene schivata dal resto dal gruppo ma non da Savadori, che la centra in pieno all’altezza del serbatoio dando vita ad una bomba di fuoco enorme con la benzina sparsa su tutta la pista, costringendo la Direzione Gara a interrompere la corsa.

I due piloti sono sempre stati coscienti, nonostante Savadori abbia violentemente sbattuto sull’asfalto, sbalzato dalla sua Aprilia dopo l’impatto con la KTM rimediando una frattura alla caviglia destra, infortunio che gli impedirà di partecipare al Gran Premio d’Austria della prossima settimana.

Un incidente che ha ricordato molto quanto visto l’anno scorso, quando si è andati più volte a millimetri da una tragedia, mostrando ancora una volta quanto il Red Bull Ring sia pericoloso e inadatto per il motomondiale per via dei ridotti angoli di curva della pista e per le velocità alle quali vengono affrontati, dando un’ulteriore dimostrazione di come la sicurezza e la salute dei piloti vengano messe in secondo piano rispetto agli interessi (soprattutto economici) degli organizzatori del campionato…

Fabio Quartararo completa il podio al terzo posto, ottenendo un risultato importantissimo che consolida la sua leadership in campionato. Il francese della Yamaha ha avuto la meglio su Jack Miller, prima superandolo al settimo giro e successivamente mantenendo la posizione nei suoi confronti fino alla caduta dell’australiano arrivata al 18° giro, con Miller che ha gettato così al vento un’ulteriore occasione per cogliere un buon risultato.

La quarta posizione viene così ereditata da Brad Binder, autore di una grandiosa rimonta dalla 16° posizione sulla griglia di partenza fino ai piedi del podio sul circuito di proprietà della KTM. Takaaki Nakagami è il migliore dei piloti Honda al traguardo in quinta posizione davanti a Johann Zarco e Alex Rins, rispettivamente in sesta e settima posizione al traguardo.

Marc Marquez chiude in ottava posizione, protagonista in entrambe le partenze di entrate piuttosto al limite in curva 1 ai danni di Aléix Espargaro, rifilando in entrambi i casi due vistose sportellate al pilota dell’Aprilia, il quale è stato poi costretto al ritiro per un problema tecnico sulla sua moto.

Alle spalle di Marc troviamo suo fratello Alex Marquez, nono al traguardo dopo un’ottima gara che all’inizio lo ha visto anche in lotta con il suo compagno di squadra Nakagami ai margini della Top5. Daniel Pedrosa chiude la sua gara da wild card in decima posizione, ripartendo con la seconda moto dopo l’incendio che ha demolito la sua prima moto.

Gara da dimenticare per Francesco Bagnaia, solamente 11° al traguardo per via dell’errata scelta di gomma all’anteriore dopo la bandiera rossa e penalizzato di tre secondi a fine gara per una violazione dei limiti della pista avvenuta all’ultimo giro. Bagnaia comanda un poker di piloti italiani chiudendo davanti ad Enea Bastianini, Valentino Rossi e Luca Marini, con questi tre piloti che occupano le posizioni dalla 12° alla 14°. Danilo Petrucci, invece, completa il gruppo dei piloti classificati in 18° posizione.

Fuori dai punti anche Pol Espargaro, 16° al traguardo, mentre Maverick Viñales è stato tradito dalla sua moto in occasione della ripartenza, con la sua Yamaha che si è spenta costringendolo a scattare poi dalla pit lane. Anche Miguel Oliveira è stato costretto al ritiro per via di un problema tecnico sulla sua KTM.

MotoGP
MotoGP
MotoGP

La classifica del campionato vede Quartararo sempre più al comando con 172 punti, aumentando il vantaggio su Zarco a 40 punti, con il pilota della Ducati Pramac a quota 132. Mir sale in terza posizione a quota 121 scavalcando Bagnaia, ora quarto in campionato con 116 punti. La MotoGP tornerà in azione la prossima settimana nuovamente al Red Bull Ring per il Gran Premio d’Austria.

Immagini: pramacracing.com & Twitter / MotoGP

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM