MotoGP | GP San Marino 2022, Qualifiche: Jack Miller indomabile con condizioni miste, sua la pole a Misano

di Alyoska Costantino @AlyxF1
3 Settembre 2022 - 15:26

Dopo quattro anni Miller torna in pole. Bagnaia si classifica secondo ma scala quinto per la penalità, prima fila di domani con Bastianini e Bezzecchi. Quartararo ottavo.


È una Misano tutta rossa quella odierna, a giudicare dalle qualifiche del GP San Marino e della Riviera di Rimini 2022. La pole position se l’è aggiudicata, senza troppe sorprese, Jack Miller dopo una Q2 senza un attimo di respiro, condizionata dalle gocce di pioggia e che ha costretto i protagonisti a rischiare con le slick per tutti i quindici minuti disponibili. 

L’1:31.899 di “Jackass” gli vale la sua seconda pole in carriera in top class dopo quella ottenuta quattro anni fa in Argentina nel 2018, con lo storico azzardo delle gomme d’asciutto su pista umida. È l’11a pole di Ducati in questa stagione (record a pari merito con lo scorso anno) e la 17a nelle ultime venti qualifiche. 

Nella classifica della Q2 si assiste ad un nuovo uno-due del team factory di Borgo Panigale, con Francesco Bagnaia secondo a 0”015 dal compagno di squadra. Tuttavia, Pecco dovrà scontare una penalità di tre posizioni sullo schieramento e partirà quinto, cedendo così la piazza d’onore al suo futuro compagno di squadra Enea Bastianini. Eredita la prima fila Marco Bezzecchi, bravo a superare la Q1 e a piazzarsi nei primi tre sulla Desmosedici privata.  

Non è stata invece una gran sessione per gli altri due contendenti al titolo, Fabio Quartararo ed Aleix Espargaró: i due non potranno approfittare della penalizzazione del torinese e partiranno dalla terza fila, con Quartararo ottavo davanti al fratello di Pol. 

LA CRONACA – Q1

Le qualifiche di Misano cominciano sotto un cielo plumbeo, ma la sessione parte comunque in condizioni di asciutto, che perdurano per quasi tutto il turno. A sfidarsi per la lotta al passaggio in Q2 sono i tre ducatisti Marco Bezzecchi, Jorge Martín e Luca Marini, coi primi due momentaneamente al comando dopo il primo run. 

Nella seconda uscita con gomme nuove, la pioggia fa finalmente capolino, scombinando i piani di tutti. C’è giusto il tempo per fare un giro veloce ed è proprio quello che fa Luca Marini, bravo a compiere un mezzo miracolo piazzandosi al secondo posto dietro a “Bez”. Martín, invece, si ritrova la pista bagnata nel primo settore ed è costretto a mollare il colpo, arrendendosi ad una 13a posizione sullo schieramento. Quinta fila anche per Fabio Di Giannantonio e Brad Binder, mentre Andrea Dovizioso comincerà il suo ultimo Gran Premio dalla 18a casella. 

Q2 

Nei quindici minuti che separano le due sessioni, la pioggia all’altezza del rettifilo iniziale s’intensifica e tutti i piloti optano per la cautela, montando delle gomme Rain. L’unico a rischiare inizialmente è Miguel Oliveira, ma ad alcuni piloti (come Bastianini) basta un solo passaggio per cambiare idea e per passare al compound da asciutto. 

Bagnaia e Quartararo sono tra gli ultimi a rientrare dopo un paio di giri lanciati, ma una leggera pioggerellina tra il T1 ed il T4 torna ad infastidire i piloti, che però non accennano a rallentare. La sfida per la pole, a metà turno, è tra Bezzecchi e Miller, ma nella contesa si reinseriscono anche Bastianini, Bagnaia e Viñales non appena montano le slick. 

Col passare dei minuti, la lotta si restringe ai soli piloti Ducati, mentre le Yamaha di Quartararo e Morbidelli, così come Espargaró, sono impotenti. Alla fine la pole sorride a Jack Miller in 1:31.899, più veloce di Bagnaia di 0”015; i due ducatisti ufficiali sono gli unici sotto l’1:32. 

Bastianini chiude terzo, ma domani partirà secondo sfruttando la sanzione del torinese, con in prima fila anche Marco Bezzecchi ad un decimo e mezzo dal poleman. Seguono Viñales, Zarco, Marini, Quartararo, Espargaró, Oliveira, Morbidelli e Rins. 

Ecco i risultati della Q1 e della Q2, insieme alla griglia della MotoGP di domani. 

Fonte immagine: mediahouse.ducati.com