Matomo

MotoGP | GP Portogallo 2020: Oliveira conquista la pole sulla pista di casa

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Prima fila formata da soli piloti satellite, Morbidelli e Miller in prima fila. Difficoltà Suzuki, Rins decimo e Mir 20°.


Le prime qualifiche della MotoGP a Portimão, pur partendo in leggero ritardo, hanno regalato uno spettacolo niente male, grazie all’incertissima lotta per la pole position prolungatasi fino alla bandiera a scacchi. Alla fine, a sorridere è stato Miguel Oliveira, che per la prima volta svetta in qualifica nella classe regina, proprio sulla pista di casa di Portimão. Chissà che domani, essendo il pronostico così incerto, a prevalere non sia proprio il pilota di casa.

La prima fila sarà completata dai due piloti che hanno lottato per la vittoria a Valencia, Franco Morbidelli e Jack Miller. Dopo esser partito dalla Q1, “Franky” è andato molto veloce anche a inizio Q2 dove ha dovuto usare la gomma media, prevalendo nel confronto anche col compagno di squadra Quartararo (quinto); Miller conferma invece le belle sensazioni del weekend, e domani potrebbe puntare alla vittoria che gli è mancata per un soffio a Valencia 2.

Tanti big partiranno indietro: Andrea Dovizioso scatterà 12° nella stessa fila di Álex Rins, decimo, mentre Joan Mir, fresco campione, sarà addirittura 20° sullo schieramento. Poco più avanti di lui Valentino Rossi, 17°.

LA CRONACA

Nella prima sessione i due piloti di gran lunga favoriti sono Franco Morbidelli e Joan Mir, ma durante la Q1 non mancheranno le sorprese. Aleix Espargaró è una di queste e dopo il primo terzo del turno di piazza secondo alle spalle di Morbidelli, per poi passare al primo posto quando l’italo-brasiliano perde il suo giro per aver superato i limiti del tracciato. Nel secondo run “Morbido” si rifà riprendendo la prima posizione, ma a scombinare le carte arriva Cal Crutchlow, che a sorpresa strappa la testa del turno e si mette virtualmente in Q2. L’ultimo assalto ai due slot lo tenta Binder, ma nell’ultimo settore la KTM perde un decimo di troppo sulla Yamaha di Morbidelli e il sudafricano è quindi costretto alla 13a posizione in griglia. Bagnaia è 15° dietro al pilota Aprilia e davanti ad Álex Márquez, Valentino Rossi, Danilo Petrucci e Lorenzo Savadori. Brutta prestazione di Joan Mir, che partirà solo 20° alla sua prima gara da campione del mondo MotoGP.

Già il primo run della Q2 si rivela parecchio esaltante, con un sacco di protagonisti veloci sin da subito: il primo a scendere sotto l’1:40 è Johann Zarco, ma il suo tempo viene presto migliorato dalla futura coppia Yamaha factory Viñales-Quartararo, a cui poi si aggiungono Morbidelli, Dovizioso, Bradl e Miller. Al secondo giro lanciato è l’italo-brasiliano a consolidare la prima posizione, seguito dal francese del team Esponsorama.

Purtroppo per Zarco, una caduta in curva 7 rovina i suoi piani e lo costringe a perdere minuti preziosi. Si riaccende così la sfida del secondo run tra Morbidelli e Jack Miller, con l’italiano che sfonda il muro dell’1:38 con un 1:38.936, relegando l’australiano a 0”102. In questi ultimi minuti spuntano però le KTM rimaste nascoste fino ad ora, con Oliveira che esalta il pubblico portoghese da casa facendo il miglior tempo in 1:38.892. Imperfetto invece il giro di Pol Espargaró, solo nono.

Oliveira quindi conquista la pole davanti a Morbidelli e Miller per una prima fila di sole squadre satellite, davanti a Cal Crutchlow, Fabio Quartararo e Stefan Bradl (primo pilota factory). Zarco, ritornato in pista nel finale, apre la terza fila davanti a un Viñales sottotono. Infine, quarta fila per Álex Rins, Taka Nakagami e Andrea Dovizioso, quest’ultimo ritrovatosi con un giro cancellato a pochi minuti dalla fine.

Questi quindi i risultati della Q1 e della Q2, insieme alla griglia di partenza di domani.

Fonte immagine: teamtech3.com

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE