MotoGP | GP Portogallo 2020, Álex Márquez (Honda Repsol): “Tante battaglie contro piloti esperti”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Álex Márquez (Honda Repsol) al termine del GP Portogallo 2020.

Leggi il resoconto del Gran Premio

Leggi la cronaca

“Una gara difficile colma di tante battaglie contro piloti esperti, me la sono goduta molto in sella alla moto. Abbiamo battagliato con Mir al primo giro, poi Valentino, poi Fabio ed ero in grado d’imparare molto da questi piloti esperti, scoprendo più segreti. La posizione di partenza ci ha penalizzati ancora perché il nostro ritmo era abbastanza buono per lotta per il quarto posto, ma abbiamo messo insieme un’altra bella rimonta. Inoltre, congratulazioni ad Arenas ed Enea per i titoli mondiali Moto3 e Moto2 dopo due gare molto difficili con un sacco di battaglie. Guardando al passato, ovviamente ci sono alcune cose che avremmo potuto fare per migliorare e ottenere risultati anzitempo, ma di solito inizio a rilento nella maggior parte delle categorie, ma non mollo mai e ci arriviamo. Abbiamo conquistato due podi quest’anno, il che era un sogno prima dell’inizio di stagione. Uno è arrivato in condizioni particolari ma il podio di Aragon è stato la ciliegina sulla torta. Sfortunatamente, non siamo riusciti a ottenere il titolo di rookie dell’anno a causa della nostra ambizione ad Aragon e Valencia ma rimaniamo molto soddisfatti con ciò che abbiamo fatto nella seconda metà dell’anno. Grazie a tutti coloro che hanno reso questa stagione possibile, da Dorna ai nostri sponsor e i fan a casa e intorno al mondo. Di certo, mi sarebbe piaciuto avere dei tifosi in pista, ma non era possibile e spero che abbiamo messo insieme un bello spettacolo per loro quest’anno. E’ stato un anno davvero difficile per tutti, nel mondo lontano dai circuiti”.

Immagine di copertina: Honda Media Site

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alyoska Costantino
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE