MotoGP | GP Malesia 2022, Gara: Francesco Bagnaia mette a segno la settima vittoria stagionale. Mondiale ancora aperto con Quartararo terzo

di Alyoska Costantino @AlyxF1
23 Ottobre 2022 - 10:27

Bagnaia prevale su un coriaceo Bastianini, andrà a Valencia con 23 punti di vantaggio nella classifica MotoGP. Fuori dai giochi Enea ed Aleix Espargaró.


A dispetto di tutte le premesse e le aspettative scaturite alla vigilia di questo GP Malesia 2022, la lotta titolata della MotoGP non si è esaurita qui a Sepang. Francesco Bagnaia ha compiuto un’altra gara senza sbavature, partendo perfettamente dalla nona casella ed andando a vincere la sua settima corsa dell’anno. Il successo, però, non gli è bastato a chiudere la partita iridata. 

Mentre Enea Bastianini gli ha nuovamente reso la vita difficile contendendogli la vittoria fino all’ultimo giro (e probabilmente ignorando i possibili ordini di casa Ducati un’altra volta) chiudendo al secondo posto, Fabio Quartararo ha estratto tutto ciò che poteva dalla sua Yamaha e, alla fine, si è classificato al terzo posto rimanendo ancora in corsa per l’iride. Una prestazione stoica, visto l’infortunio al dito medio della mano sinistra patito ieri. 

Il distacco di 23 punti da Pecco, però, costringe lo yamahista ad una sola opzione per l’atto finale di Valencia: vincere e sperare che Bagnaia non faccia più di un punto. 

Una gara, quella di Sepang, dove i primi quattro si sono dimostrati capaci di un ritmo sensazionale, inarrivabile per chiunque. Ai tre piloti giunti sul podio si aggiunge anche Marco Bezzecchi, che ha tentato un recupero in extremis sul franco-siciliano per anticipare la festa Ducati. Tuttavia, lo “Scorpione” si è dovuto arrendere a pochi giri dal termine al ritmo superiore del #20. 

Altra occasione buttata per Jorge Martín invece, che dopo la fantastica pole del sabato ha buttato via la gara poco prima della metà con una scivolata al curvone 5. Caduto anche Joan Mir, le cui difficoltà fisiche si erano comunque già fatte sentire da metà gara in poi. 

Quinto posto, dunque, per l’altra Suzuki Ecstar di Álex Rins, che prosegue il suo bel momento dopo la vittoria in Australia con un altro arrivo in top five, pur su una pista poco agevole alla GSX-RR. Ha preceduto Jack Miller, il cui sesto posto permette a Ducati Lenovo di aggiudicarsi anche il titolo squadre. 

Settimo un Marc Márquez piuttosto anonimo e che, almeno nelle prime fasi, si è dimostrato un po’ il tappo per gli inseguitori (tra cui Quartararo e le Suzuki) che ha poi permesso alle Ducati di prendere margine. Ottavo Brad Binder, davanti a Johann Zarco. 

Decimo posto per colui che è rimasto escluso, insieme a Bastianini, dalla sfida iridata. Aleix Espargaró ha terminato con una gara non proprio esaltante la sua rincorsa al campionato del 2022, dimostrando come per Aprilia ci sia ancora tanto margine da migliorare per poter ambire ad un risultato del genere. Il suo compagno Maverick Viñales ha terminato 16° e fuori dalla zona punti, con oltre 30” di ritardo. 

La zona punti è stata conclusa da Franco Morbidelli (penalizzato dai due long lap penalty rimediati ieri), Cal Crutchlow, Miguel Oliveira, Pol Espargaró e Raúl Fernández. La classifica piloti vede ora Francesco Bagnaia a quota 258 punti, con Quartararo a 235. C’è lotta anche per la terza posizione in campionato, con Aleix a precedere Bastianini di un solo punti (212 a 211). Quinto Jack Miller a 189. 

Ora altre due settimane d’attesa prima dello showdown finale a Valencia, sulla pista del Ricardo Tormo. Su questo tracciato la Yamaha è sempre stata storicamente la favorita, ma nel 2021 la Ducati è stata in grado di realizzare la tripletta con Bagnaia vincitore davanti a Martín e Miller, mentre Quartararo non ha mai ottenuto grandi risultati qui a parte il secondo posto del 2019, perdendo inoltre il titolo contro Mir nel 2020. Sarà difficile puntare al successo, ma il campione 2021 ha dimostrato di non volersi arrendere affatto. 

Ecco i risultati del GP Malesia e la classifica piloti MotoGP. 

Fonte immagine: mediahouse.ducati.com