MotoGP | GP Catalogna 2022, Qualifiche: pole sul filo del rasoio per Aleix Espargaró, Bagnaia secondo

Il pilota Aprilia ritocca il record della pista e conquista la prima casella dello schieramento nella gara di casa. Bagnaia a 0”031 da Espargaró, Quartararo completa la prima fila. Indietro Bastianini, 14°.


Dopo quanto visto nelle prove, azzardare un pronostico differente dall’esito finale era difficile, ma la lotta alla pole position del GP Catalogna 2022 è stata decisamente più combattuta ed intensa rispetto a quanto ci si potesse immaginare. Tuttavia, le previsioni sono state rispettate: sarà Aleix Espargaró a partire dal palo nella gara MotoGP di domani, grazie al tempo record di 1:38.742.

A contendergli il primato è stato principalmente Francesco Bagnaia. Galvanizzato dal successo del Mugello, Pecco è andato vicino alla pole anche su una pista poco amica come quella di Barcellona, venendo battuto sul giro secco per soli 0”031. Al suo fianco scatterà il leader della classifica iridata Fabio Quartararo, il quale dovrà però sperare che qualcuno rompa le uova nel paniere Aprilia per mantenere un vantaggio nella generale.

LA CRONACA – Q1

Alla prima sessione di qualifica non partecipa Álex Márquez, in seguito ad una caduta in curva 14 durante la FP4; il pilota LCR viene portato al centro medico e vengono riscontrate delle lussazioni al gomito e al polso destro, ma fortunatamente nessuna frattura.

Il turno comincia nel segno di Marco Bezzecchi, che si porta al comando in 1:39.6. Maverick Viñales gli ruba il primato immediatamente, ma il pilota VR46 mantiene comunque un minimo vantaggio su Enea Bastianini, terzo.

Il secondo run è ancora più combattuto del primo: Brad Binder su KTM si prende la testa a sorpresa ma, successivamente, viene scalzato da Bastianini, Bezzecchi e nuovamente Viñales. La classifica parrebbe dunque inalterata, ma dal nulla sbuca Takaaki Nakagami su Honda, che si prende il secondo posto a 0”007 da “Top Gun”. Bastianini tenta un ultimo disperato tentativo con gomma usata, ma è costretto al 14° posto finale in griglia, davanti alla KTM e alla Ducati di Bezzecchi. A chiudere la sesta fila ci sono Joan Mir e Franco Morbidelli in netta difficoltà sulle loro Suzuki e Yamaha.

Q2

Sono proprio i due piloti passati dal Q1 a dare il via alle danze nella Q2, ma né Viñales né Nakagami riescono a realizzare tempi davvero competitivi. E’ quindi Quartararo a prendersi la testa del primo run con un 1:39.0, con Bagnaia a 0”01 da lui ed Aleix Espargaró ad ulteriori 0”002. Dietro ai tre c’è un discreto buco prima di trovare le Ducati Pramac.

E’ Maverick a iniziare forte il secondo run, ma il suo primo giro lanciato è da buttare a causa di un errore in curva 5. Le due Aprilia si ritrovano dunque a girare insieme ed Aleix, che fa il battistrada, si prende la pole position virtuale in 1:38.742. Quartararo non riesce a migliorare granché e si deve accontentare della terza casella, mentre Bagnaia impensierisce la pole del pilota Aprilia fermandosi a soli 0”031.

Espargaró conquista così la seconda pole stagionale davanti Bagnaia e Quartararo, mentre la seconda fila è tutta Ducati con Zarco davanti ad un sorprendente Di Giannantonio ed al compagno Martín. Seguono Rins, Viñales, Marini, Pol Espargaró, Miller e Nakagami.

Qui i risultati della Q1, della Q2 e la griglia di partenza della MotoGP.

Fonte immagine: press.piaggiogroup.com

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS