MotoGP | Emessa la decisione della Corte d'Appello sul caso del deflettore Ducati

MOTOGP
Emessa la decisione della Corte d'Appello sul caso del deflettore Ducati

Il ricorso dei quattro team viene respinto, Dovizioso è ufficialmente vincitore del GP in Qatar di 27 Marzo 2019, 10:36

Alla fine Gigi Dall’Igna ci ha visto giusto nel rimanere positivo sulla decisione della Corte d’Appello della Federazione Internazionale Motociclistica. Ieri sera, a Ginevra, è stata finalmente presa una direzione sul caso riguardante l’appendice aerodinamica posta sotto il deflettore della Ducati Desmosedici GP19, utilizzato durante il Gran Premio del Qatar da Andrea Dovizioso, poi vincitore della gara, e Danilo Petrucci, sesto al traguardo. Quattro dei team ufficiali, ovvero Aprilia, Honda, Suzuki e KTM, hanno fatto ricorso a fine gara presso gli steward presenti a Losail denunciando un vantaggio aerodinamico dato dal deflettore utilizzato dalle Rosse, con la presenza di un triplano all’interno che sarebbe irregolare in caso di gara perfettamente asciutta.

Dopo che il ricorso era stato respinto, i quattro team in questione, specie Aprilia che ha spinto maggiormente sulla cosa grazie alla direzione di Massimo Rivola, hanno ricorso ai Commissari d’Appello i quali, sempre il 10 marzo nelle ore successive al GP, hanno decretato di non avere dati sufficienti per giudicare la regolarità del deflettore, rimandando la decisione alla Corte d’Appello MotoGP già citata, in base all’articolo 3.3.3.2 del regolamento.

Dopo un ulteriore posticipo della sentenza lo scorso 22 marzo, la Federazione Internazionale ha emesso la decisione, decretando che il deflettore ha sì dei vantaggi aerodinamici dati dalle appendici interne, ma che il suo scopo primario rimane comunque il raffreddamento della gomma posteriore, come più volte specificato da Dall’Igna stesso. I risultati provvisori sono quindi stati confermati, dando di diritto la vittoria della prima gara stagionale a Dovizioso e respingendo il ban sul dispositivo aerodinamico usato.

Nonostante la decisione presa, entro i prossimi quattro giorni i team potranno nuovamente appellarsi alla sentenza presso il TAS (Tribunale Arbitrale dello Sport). L’aver comunque deliberato a favore del team di Borgo Panigale apre le porte all’utilizzo di nuovi deflettori da parte dei team avversari, quindi aspettiamoci nuove soluzioni aerodinamiche sulle moto presenti in griglia, magari già in Argentina.

Qui troverete la comunicazione ufficiale dal sito della FIM.

Fonte immagine: Twitter / MotoGP



Condividi