MotoGP | Davide Brivio lascia la Suzuki

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

A breve dovrebbe essere annunciato il coinvolgimento di Brivio nel programma Alpine F1

Dopo otto anni di collaborazione, Davide Brivio abbandona la Suzuki: la Casa di Hamamatsu ha confermato questa mattina il divorzio dal Team Manager che ha guidato la squadra fin dal suo ritorno in MotoGP, datato 2015.

Sotto la guida di Brivio, la Suzuki è cresciuta lentamente ma inesorabilmente e al termine dell’ultima stagione sono arrivati due dei tre titoli mondiali messi in palio dalla MotoGP: quello riservato ai piloti, conquistato da Joan Mir, e quello riservato alle squadre.

Stando a quanto riportato dalla stessa Suzuki, Brivio è ora atteso da nuove sfide esterne al mondo del motomondiale. Stando a quanto riportato già ieri da motorsport.com, molto probabilmente sarà il Gruppo Renault ad ingaggiare il manager italiano, che andrebbe a ricoprire un ruolo di primo piano nel programma Formula 1 del marchio Alpine.


Quoteboard

Davide Brivio, ex Team Manager Suzuki: “All’improvviso mi è stata offerta una nuova sfida dal punto di vista professionale e ho deciso di coglierla. È stato difficile prendere questa decisione: la parte più dura sarà lasciare questo favoloso gruppo di persone col quale ho iniziato questo progetto quando Suzuki è tornata nel Motomondiale. È difficile dire addio anche a tutte le persone che sono arrivate nel corso degli anni per creare questa Squadra grandiosa.

Da questo punto di vista sono triste, ma al tempo stesso ho dentro di me un sacco di motivazioni per questa nuova sfida: è stato questo il fattore chiave che mi ha portato a prendere una decisione quando ho dovuto scegliere tra il rinnovo del contratto con Suzuki e l’inizio di un’esperienza completamente nuova.

Aver conquistato un titolo in MotoGP è una cosa che rimarrà nei libri di storia della Suzuki e, per quanto mi riguarda, avrà per sempre un posto speciale nei miei ricordi. Voglio ringraziare la dirigenza della Suzuki per la fiducia che fin dall’inizio hanno riposto in me. Voglio ringraziare ogni singolo membro del nostro gruppo di lavoro dedicato alla MotoGP, sia in Giappone che in pista, l’intero network della Suzuki e naturalmente tutti i piloti che hanno corso per la Squadra in questo periodo, specialmente Joan e Alex che hanno compiuto una grandiosa stagione nel 2020.

Con la vittoria del Titolo Mondiale da parte di Joan si è realizzato un sogno per me e per tutte le persone che hanno lavorato sodo e che mi hanno accompagnato in questo viaggio meraviglioso. Auguro il meglio al Team Suzuki MotoGP, spero che i risultati in futuro siano ancora migliori e sarò per sempre un loro fan. Grazie Suzuki!

Shinichi Sahara, capo del progetto Team Suzuki Ecstar: “Sinceramente per noi la notizia dell’addio di Davide al Team Suzuki Ecstar è stata uno shock: mi sembra di aver perso una parte di me perché ho sempre discusso con lui le modalità di sviluppo della squadra e delle moto e abbiamo lavorato insieme per molto tempo. Nel 2020 abbiamo raggiunto risultati fantastici nonostante la difficile ed insolita situazione legata al Covid-19. Il 2021 sarà un anno ancora più importante per noi per provare a mantenere questo slancio.

Ora stiamo cercando il modo migliore per coprire la ‘perdita’ di Davide. Fortunatamente in molte occasione siamo stati sulla stessa lunghezza d’onda in termini di pensiero, quindi credo che non sarà difficile mantenere la direzione che dovremmo avere come Team Suzuki Ecstar. Vogliamo ringraziarlo e augurargli la miglior fortuna per il futuro.


Immagine di copertina dal sito ufficiale Suzuki

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci