MotoE | GP Spagna: Eric Granado ottiene la prima E-Pole dell’anno

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Col tempo di 1:48.620, Eric Granado del team Avintia Racing ha ottenuto la prima partenza al palo dell’anno nella Coppa del Mondo 2020 della MotoE. Il brasiliano, ultimo a fare il suo giro grazie al primo posto nelle libere, ripete quindi le prestazioni del sabato fatte a Valencia nel 2019 e punta a ottenere la sua terza vittoria consecutiva in questa serie.

A lungo durante la E-Pole, la prima posizione è stata nelle mani del debuttante Lukas Tulovic della squadra Tech3, molto bravo nel T4 della pista di Jerez. Alla fine il rookie della categoria ha perso la pole per 0″191, ma può comunque dirsi soddisfatto di poter competere per la vittoria già da domani. La prima fila sarà conclusa da Dominique Aegerter, altro debuttante della serie che è stato anche svantaggiato, in parte, dagli avvenimenti della qualifica, poiché lo svizzero si è lanciato per il suo giro prima che venisse esposta la bandiera rossa.

L’interruzione della sessione è stata dovuta alla caduta di Niccolò Canepa nel giro precedente, scivolato ad alta velocità alla curva Crivillé; nessuna conseguenza per l’italiano, al contrario della moto che si è invece disintegrata. L’ex-campione Endurance partirà quindi ultimo, mentre la seconda fila sarà aperta dal campione in carica Matteo Ferrari, che ha fatto il suo tentativo appena prima di Canepa. Al suo fianco partiranno Alejandro Medina e Xavier Siméon.

Terza fila per tre nomi di grosso calibro ed esperienza, quali Alex De Angelis (team Pramac), Jordi Torres (squadra HP40 Pons) e Niki Tuuli (team Ajo). A chiudere la top ten Matteo Casadei per il team Ongetta SIC58 Squadracorse.

Qui troverete i risultati della sessione e la griglia di partenza.

Fonte immagine: motogp.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

MotoE | GP Spagna: Eric Granado ottiene la prima E-Pole dell'anno 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE