Moto3 | GP Germania 2022, Gara: Izan Guevara inarrestabile, terza vittoria stagionale. Foggia secondo d’astuzia

Il pilota Aspar parte bene e vince in solitaria, Foggia batte García con un incrocio all’ultima curva. Guevara a sette punti dalla vetta del campionato Moto3.


La fame di vittorie di Izan Guevara sembra insaziabile e in questo GP Germania classe Moto3 il #28 è stato semplicemente senza rivali. Il pilota GasGas ha ottenuto la sua terza vittoria stagionale e la seconda consecutiva, rifacendosi alla grande dal boccone amaro del Mugello nel quale un quarto successo in classifica gli è stato negato per i track limits all’ultimo giro.

Nonostante la vittoria dominante, le emozioni non sono mancate grazie alla lotta che c’è stata alle sue spalle. Dennis Foggia e Sergio García, in una rivincita del duello visto già in Argentina, hanno lottato per la seconda posizione e ad avere la meglio è stato l’alfiere Leopard Racing, che torna così a podio dopo due gare a secco di punti. Grazie ai 16 punti della terza posizione García mantiene comunque la testa del campionato, ma per soli sette punti sul compagno di squadra.

LA CRONACA

Alla partenza Guevara scatta ottimamente e s’infila per primo in curva 1, seguito dalle Honda Leopard di Dennis Foggia e Tatsuki Suzuki. “The Rocket”, alla 1, è costretto a difendersi dall’attacco del compagno e di David Muñoz, ma alla Castrol Omega riesce a consolidare la posizione. A centro gruppo avviene un incidente multiplo: Tatay sbaglia totalmente la frenata e centra Riccardo Rossi, il quale poi manda larghi John McPhee ed Andrea Migno; gli ultimi due proseguono attardati, mentre per Rossi e Tatay la gara è finita.

Öncü riesce a recuperare dodici posizioni allo start, ma è autore di una partenza anticipata (così come Toba) ed è costretto ad effettuare due long lap penalty. Yamanaka, invece, all’inizio del secondo giro effettua il proprio, perdendo contatto col primo gruppo.

Il più intraprendente ad inizio gara è Daniel Holgado, che supera le due Honda Leopard e tenta d’inseguire Izan Guevara. Il pilota Aspar ha già però iniziato a spingere per la sua fuga ed un errore di Holgado e Suzuki fa aumentare il suo vantaggio a 0”6 alla fine del quinto giro, permettendo inoltre a Foggia di tornare secondo. Alle loro spalle avviene un altro incidente: alla Karthallen Ogden finisce a terra e porta con sé Bertelle, mentre Yamanaka è costretto ad andare lungo sulla ghiaia per evitare i due; poco dopo il giapponese si ritirerà per noie tecniche.

Mentre Öncü compie i due long lap penalty e rientra ai margini della zona punti, i primi sei hanno già scavato un grosso solco e Guevara ha già aumentato il suo vantaggio oltre il secondo. Foggia perde sistematicamente 0”3 negli ultimi due settori, con anche García ora alle sue spalle pronto a lottare per la seconda posizione. Si ritira anche Joel Kelso per caduta.

Il vantaggio di Guevara continua a crescere e gli inseguitori si concentrano nella lotta per le due posizioni restanti del podio. Sasaki sale al quarto posto e negli ultimi sei giri sia Holgado che Suzuki perdono terreno. Stessa cosa succede anche al pilota Husqvarna (forse rallentato dai problemi alla spalla) e nell’ultimo giro solo Foggia e García si contendono la piazza d’onore.

Il romano si difende bene in curva 1 all’inizio dell’ultimo giro e riesce a mantenere la posizione fino alla staccata della Sachsen Kurve, mentre Guevara va a trionfare in solitaria. García, invece, tenta un ultimo disperato tentativo alla 14, ma finisce lungo e Foggia può incrociare facilmente la traiettoria, ottenendo così il secondo posto. Sasaki è quarto davanti a Suzuki, Holgado, il rimontante Öncü, Fernández, Muñoz e Ortolá. 11° Migno, 12° Masiá.

Nella classifica piloti García sale a 166 punti, contro i 159 del compagno di squadra. Foggia recupera una posizione ed è terzo adesso, anche se con un distacco ancora abissale di 51 lunghezze dal #11. Masiá quarto a -59.

Qui i risultati del Gran Premio e la classifica piloti Moto3.

Fonte immagine: teamaspar.com

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS